Apri il menu principale
Castello dell'Acqua
comune
Castello dell'Acqua – Stemma Castello dell'Acqua – Bandiera
Castello dell'Acqua – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Amministrazione
SindacoAndrea Pellerano (lista civica) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate46°09′N 10°01′E / 46.15°N 10.016667°E46.15; 10.016667 (Castello dell'Acqua)Coordinate: 46°09′N 10°01′E / 46.15°N 10.016667°E46.15; 10.016667 (Castello dell'Acqua)
Altitudine664 m s.l.m.
Superficie14,07 km²
Abitanti633[1] (30-6-2017)
Densità44,99 ab./km²
Comuni confinantiChiuro, Ponte in Valtellina, Teglio
Altre informazioni
Cod. postale23030
Prefisso0342
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT014014
Cod. catastaleC186
TargaSO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticastellani
Patronosan Michele
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castello dell'Acqua
Castello dell'Acqua
Castello dell'Acqua – Mappa
Posizione del comune di Castello dell'Acqua nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Castello dell'Acqua (Castèl in dialetto valtellinese[2]) è un comune italiano di 633 abitanti della provincia di Sondrio, in Lombardia, situato a sud-est del capoluogo.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il comune di Castello dell'Acqua è situato sulla sponda orobica valtellinese, circa a metà vallata. Il territorio, prevalentemente boschivo, è compreso tra i torrenti Malgina e Armisa che scendono dalle omonime valli, e che lo delimitano rispettivamente ad est ed ovest. La popolazione è distribuita in diverse contrade.

StoriaModifica

Il nome del comune deriva dai Dell'Acqua, famiglia sostenitrice dei Ghibellini, che nel XII secolo era dominante nel territorio di Castello.

CuriositàModifica

Il pesce presente nello stemma del comune, è dovuto ad un'incomprensione tra Baldinello della famiglia dell'Acqua che lo commissionò al pittore Todeschino da Barletta. L'effigie, necessaria ai tempi per poter partecipare alle lotte per il potere sul territorio, era stato richiesto in modo da rappresentare un cavaliere bardato, la torre del castello, l'acqua e il "pesc". Quest'ultimo termine che nel dialetto locale indicava e indica tuttora l'abete, per Todeschino, pugliese, non significava altro che il pesce. (Da El Nos Paes Periodico comunale - dicembre 2005) Questa curiosità non è mai stata riconosciuta e documentata da nessuna fonte archivistica storica che ne possa avvalorare l'ipotesi. Probabilmente è sempre stata una goliardica storiella. Dei Dell'Acqua, purtroppo, non si hanno riscontri storici e archivistici che aiutino a ricostruirne la loro antica ed effimera affermazione. È certa solo la loro presenza nel castello di Castello dell'Acqua "ab antiquo".(V. Toppi)

A Castello dell'Acqua si trova un importante monumento di archeologia industriale. Si tratta della Fucina Cavallari, dove venivano forgiati attrezzi destinati all'uso quotidiano con il ferro proveniente dalla vicina Val Belviso. La fucina rimase in funzione fino al 1980, quando venne abbandonata. Successivamente venne recuperata dalla Comunità Montana della Valtellina di Sondrio e resa visitabile. A questa fucina si sono aggiunti successivamente altri due recuperi importantissimi. Il Mulino ad acqua a pale orizzontali e il complesso della Pila per la sbucciatura delle castagne e dei cereali.

CulturaModifica

L'amministrazione comunale, cura la redazione del periodico d'informazione "El nos paes". Approfondimenti culturali sono reperibili anche nei seguenti testi: V.Toppi: "La fucina di Castello dell'Acqua". Edito dalla Pro Loco di Castello nel 1999. V.Toppi: "Note d'archivio" in - AA. VV."Magister et magistri. Studi storico artistici in memoria di Battista Leoni". Edito dalla Società Storica Valtellinese nel 2002. V.Toppi-A.Corbellini-L. Piatta: "Castello dell'Acqua. Storia, tradizione e cultura di un comune valtellinese". Edito per conto del Comune da World Images nel 2010.V.Toppi:"Quella estate ... ricordo" Memoria dell'alluvione 1987 di C. Rainoldi. Edito nel 2012. AA.VV:"Alpi Orobie Valtellinesi" a cura di G. Combi - La Val Malgina:a cura di V. Toppi. Edito dalla Fondazione Luigi Bombardieri nel 2011.

SocietàModifica

Istituzioni, enti e associazioniModifica

  • Consorzio Alpe Caronella
  • Consorzio di bonifica montana
  • Gruppo Alpini Castello dell'Acqua
  • Proloco di Castello dell'Acqua
  • Sparta Castello - Associazione sportiva dilettantistica
  • asd castelraider
  • Biblioteca Civica "Cipriano Rainoldi"
  • Squadra Oratorio Prufe

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 2009 25 maggio 2014 Andrea Pellerano Lista Civica Sindaco
25 maggio 2014 in carica Prufe Lista Civica Sindaco

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 198.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN311453593 · WorldCat Identities (EN311453593
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia