Castello di Hara

Castello di Hara
Remains of Hara castle as seen from the sea.JPG
Resti del castello visti dal mare
Ubicazione
Stato attualeGiappone
Cittàprefettura di Nagasaki
Coordinate32°37′59.88″N 130°15′21.6″E / 32.6333°N 130.256°E32.6333; 130.256Coordinate: 32°37′59.88″N 130°15′21.6″E / 32.6333°N 130.256°E32.6333; 130.256
Informazioni generali
TipoCastello giapponese
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Resti del castello di Hara

Il castello di Hara era un castello giapponese situato nell'odierna prefettura di Nagasaki, nella penisola di Shimabara.

StoriaModifica

Il castello apparteneva al clan Arima prima che si trasferissero nel Dominio di Nobeoka. Era situato su un promontorio che dava sul mare che bagnata tre dei suoi lati, l'ingresso era possibile solo da uno stretto valico protetto da un fossato. Il castello fu smantellato nel XVII secolo e fu reso famoso dalla Rivolta di Shimabara (1637 - 1638), la rivolta di contadini e ronin cattolici che insorsero contro lo Shogunato Tokugawa per la forte persecuzione religiosa nei confronti dei kirishitan (come si facevano chiamare i cattolici giapponesi).

Gli insorti non avendo una tale forza militare da resistere alle truppe dello Shogun, si barricarono nel castello di Hara, che era abbandonato e in rovina, così lavorarono per ricostruire le sue difese e lo adornarono con i loro vessilli crociati.

Dopo la sconfitta e il massacro di tutti gli insorti presenti nel castello, questo fu incendiato e completamente raso al suolo, divenendo la tomba per tutti i cadaveri decapitati dei ribelli cattolici.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica