Apri il menu principale
Castello di Millesimo
Castello Del Carretto
Castelli della val Bormida
Millesimo-IMG 0918.JPG
Il castello e scorcio del centro storico
Ubicazione
StatoMarchesato del Carretto
Stato attualeItalia Italia
RegioneLiguria Liguria
CittàMillesimo
Coordinate44°21′45.34″N 8°12′29.85″E / 44.362594°N 8.208292°E44.362594; 8.208292Coordinate: 44°21′45.34″N 8°12′29.85″E / 44.362594°N 8.208292°E44.362594; 8.208292
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Millesimo
Informazioni generali
Tipocastello-residenza
Costruzioneseconda metà del XIII secolo-seconda metà del XIII secolo
Proprietario attualeComune di Millesimo
Visitabile
Informazioni militari
UtilizzatoreDel Carretto
Funzione strategicaProtezione del feudo di Millesimo, residenza marchionale dei Del Carretto
Termine funzione strategica1553
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello dei Del Carretto è stato un edificio difensivo situato in posizione dominante sul centro storico di Millesimo, nell'alta val Bormida, in provincia di Savona.

Indice

Cenni storici e descrizioneModifica

 
Altra visuale del castello

Eretto nel Medioevo dalla famiglia Del Carretto, la parte più antica, come la torre, il maschio e la parete est sono databile alla seconda metà del XIII secolo[1].

Costituente un'importante postazione di difesa e controllo della valle - assieme ai manieri di Cosseria, Roccavignale e Cengio[1] - si presenta a pianta quadrangolare con due torri laterali e mura fortificate. Il castello millesimese viene citato da Gianmario Filelfo quale sede della riunione dei diversi e numerosi rami della famiglia Del Carretto, tenutasi nel 1447 per decidere la strategia da intraprendere contro la Repubblica di Genova, che minacciava di muovere guerra al Marchesato di Finale[1]. Nella guerra che poco dopo seguì tra il piccolo marchesato e Genova (1447-1448) la fortezza di Millesimo accolse[1] Bannina, la moglie di Galeotto I Del Carretto, signore di Finale.

Trasformato in residenza fortificata, fu smantellato nel 1553[1] dal commissario imperiale Gerolamo Sacco di Ceva su ordine del governatore di Milano Ferrante I Gonzaga[1], quest'ultima in lotta con la Francia e che condizionò la scelta distruttiva per la paura di una possibile e probabile caduta del castello ai francesi[1]. Devastato e parzialmente inutilizzabile, il castello cadde in abbandono e la stessa famiglia carrettesca trasferì la sua sede presso l'odierno palazzo municipale di Millesimo[1]. Ulteriori danni alla struttura furono arrecati nelle prime battaglie napoleoniche del 1796 tra gli eserciti francesi e austro-piemontesi[1].

Il castello, acquistato dall'amministrazione comunale nel 1989[1], è stato recentemente ristrutturato ed è visitabile. Ospita concerti di musica classica e mostre.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j Fonte dal sito Castelli della Val Bormida-Millesimo, su castellivalbormida.com. URL consultato il 25-07-2012 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2009).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica