Castello di Valsinni

castello italiano

1leftarrow blue.svgVoce principale: Valsinni.

Castello di Valsinni
Castello-di-Valsinni.jpg
Veduta del castello
Ubicazione
Stato attualeItalia
RegioneBasilicata
CittàValsinni
Coordinate40°10′04.98″N 16°26′31.89″E / 40.16805°N 16.442191°E40.16805; 16.442191Coordinate: 40°10′04.98″N 16°26′31.89″E / 40.16805°N 16.442191°E40.16805; 16.442191
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzionepost 1000
Proprietario attualefamiglia Rinaldi
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Valsinni, in provincia di Matera, dove visse la poetessa petrarchista Isabella di Morra, fu edificato presumibilmente su una preesistente fortificazione longobarda, nei primi anni dopo il 1000.

StoriaModifica

Nel suo libro Isabella Morra e Diego Sandoval de Castro lo storico Benedetto Croce cita le origini del maniero facendole risalire ad un castrum romano posto a difesa dell'ultima chiusa sul fiume Sinni, che da quel punto in poi si apre verso il Mar Ionio. Il castello deve il suo valore storico e la sua notorietà alla poetessa che vi nacque intorno al 1520 e vi fu uccisa dai fratelli a circa 26 anni d'età quando scoprirono la sua relazione con Diego Sandoval de Castro, barone di Bollita[1]. Il castello con il feudo di Favale (l'odierna Valsinni) era pervenuto agli inizi del XVI secolo alla famiglia Morra tramite la nobildonna Menocca Vivacqua e la possedette, con alterne vicende, per circa 140 anni, fino al 1638. Dal 1921 il castello è di proprietà della famiglia Rinaldi.

NoteModifica

  1. ^ Benedetto Croce, Isabella di Morra e Diego Sandoval de Castro, Sellerio, Palermo, 1983, p. 41.

BibliografiaModifica

  • Benedetto Croce, Isabella di Morra e Diego Sandoval de Castro, Sellerio, Palermo, 1983.
  • Giovanni Montesano, La tragica fine di Isabella Morra. La rovinosa decadenza della terra di Favale, Edizioni Magister, Matera, 2014.
  • Pasquale Montesano, Isabella di Morra - Storia di un paese e di una poetessa, Altrimedia Edizioni, Matera-Roma, 1999.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Basilicata