Apri il menu principale

Castrazione chimica

tipo di castrazione, solitamente non definitiva, provocata da farmaci a base di ormoni, indirizzata alla riduzione della libido e dell'attività sessuale.

La castrazione chimica è un tipo di castrazione (cioè un intervento volto ad interferire con la funzionalità sessuale), solitamente non definitiva, che porta alla riduzione della libido, della pulsione e della funzionalità sessuale operata grazie all'uso di opportuni farmaci (generalmente farmaci che agiscono a livello ormonale o psicofarmaci).

Indice

UtilizzoModifica

Inizialmente fu sviluppata come misura di prevenzione della reiterazione di violenze sessuali in soggetti colpevoli di tali reati (stupratori e pedofili) incapaci di controllare la pulsione. Spesso, la legislazione prevede che lo stesso violentatore possa richiedere la castrazione chimica su base volontaria, talora ottenendo sconti di pena.

In diversi Stati, quali Stati Uniti, Regno Unito, Israele, Russia, Polonia, Nuova Zelanda e Portogallo[1], è attualmente in uso come trattamento medico e nel contesto di un percorso riabilitativo o come parziale alternativa alla reclusione.

In Russia e Polonia viene attuata senza il consenso del soggetto, qualora questo sia colpevole di violenze su minori. In Svezia, Finlandia, Germania, Danimarca, Norvegia, Belgio e Francia se ne fa un uso estremamente limitato e subordinato al consenso del condannato.[2]

In Italia è stata invocata come pena di reati a sfondo sessuale da diversi esponenti della Lega Nord e da Gianfranco Fini.

Al di fuori dell'ambito della prevenzione o repressione del crimine, la castrazione chimica viene eseguita come fase preliminare nel trattamento ormonale per il cambiamento di sesso, da uomo a donna, nei soggetti transessuali. In questo caso, la trasformazione è irreversibile dopo circa sei mesi dall'inizio del trattamento farmacologico. Nel corso della storia è anche stata utilizzata per correggere quelle che un tempo erano considerate parafilie patologiche e immorali (come l’omosessualità) e come forma punitiva.

Controversie sull'utilizzoModifica

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, con la risoluzione n. 1945 del 2013, ha dichiarato che "nessuna pratica coercitiva di sterilizzazione o castrazione può essere considerata legittima nel XXI secolo"[3].

Alcune associazioni per i diritti civili ne contestano l'applicazione; in particolare l'ACLU (American Civil Liberties Union) sostiene che sia contraria alla costituzione degli Stati Uniti. Anche in Europa la dottrina penalistica ha sostenuto che «la riduzione di un condannato, sia pure per reati gravissimi ed odiosi, a mero “soggetto” di una operazione farmacologica (...) avrebbe l’effetto di (re)introdurre nell’ordinamento giuridico una pretesa, o meglio, una presa del potere politico, legislativo e giudiziario sul corpo di criminali, che anche nel momento della punizione, “devono” restare persone e non possono essere ridotti a cose»[4].

La questione riguarda l'obbligatorietà di un trattamento sanitario così invasivo e invalidante, da bilanciare con la necessità di prevenire un reato che lascia traumi gravissimi a vita su dei minori, a forte tasso di recidiva, e spesso ai confini con la malattia psichiatrica, che sfugge alla completa capacità di autocontrollo dei pedofili una volta liberati dal carcere.

Farmaci utilizzatiModifica

I farmaci più in uso attualmente sono gli anti-gonadotropinici, gli anti-androgeni non-steroidei e gli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine. In particolare viene utilizzato il medrossiprogesterone che agisce sul cervello inibendo il rilascio degli ormoni che stimolano i testicoli alla produzione di testosterone, uno dei principali ormoni sessuali.

Specie negli Stati Uniti vengono utilizzati anche psicofarmaci, normalmente utilizzati nel trattamento di alcune patologie psichiatriche e noti per indurre pesanti disfunzioni sessuali, come gli antipsicotici che bloccano la pulsione inibendo l'azione della dopamina (uno dei neurotrasmettitori più implicati nello stimolo e nel piacere sessuale) e spesso stimolando la sintesi di prolattina nota per interferire col funzionamento sessuale; gli antidepressivi SSRI sono particolarmente utili perché generano un'ampia gamma di disfunzioni sessuali agendo sulla libido, il funzionamento sessuale e spengono la ricerca ossessiva del rapporto. Il loro meccanismo d'azione è di tipo centrale e in alcuni casi gli effetti sono irreversibili.[5]

Personalità che hanno subito la castrazione chimicaModifica

Il famoso matematico e informatico Alan Turing, padre dell'informatica teorica, fu sottoposto (a sua scelta, in alternativa alla carcerazione) a castrazione chimica dopo la condanna, nel 1952, per omosessualità.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia