Apri il menu principale

EtimologiaModifica

Il nome del genere deriva dal termine malese "cassowary" o "kasuari", che allude alla somiglianza tra il piumaggio dell'uccello (Casuarius) ed il fogliame della pianta.[senza fonte]

DescrizioneModifica

 
Frutti e semi di Casuarina sp.

Le piante ad esso appartenenti sono arbusti ed alberi sempreverdi alti fino a 35 metri.
I giovani rametti sono composti da segmenti articolati.
Le foglie, da verdi a grigio-verdi, sottili, acute, biancastre, sono riunite in verticilli da 5 a 20 in corrispondenza dei nodi. La maggioranza delle specie sono dioiche.
I fiori sono a sessi separati; quelli maschili sono semplici spighe, prodotte in piccole infiorescenze ad amento; quelli femminili sono piccoli coni globosi, con valve ovate pubescenti.
Il frutto è costituito da una struttura legnosa, simile alla pigna di una conifera, composta da numerosi carpelli, ciascuno contenente un singolo seme alato.

TassonomiaModifica

In origine era considerato come l'unico genere della famiglia, ma attualmente è stato suddiviso in quattro generi (vedi Casuarinaceae).

Comprende le seguenti specie:[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Casuarina, in The Plant List. URL consultato il 15 maggio 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica