Apri il menu principale

Catamite

Ragazzo che assume il ruolo di partner sessuale passivo-ricettivo durante un rapporto di sesso anale con un uomo
Ganimede nella sua versione romana di "puer delicatus".

Nel suo uso moderno del termine, catamite o catamita si riferisce ad un ragazzo o un giovane che assume il ruolo di partner sessuale passivo-ricettivo in un rapporto di sesso anale con un uomo[1].

Nel suo antico utilizzo il catamita (in lingua latina catamitus) era un ragazzo che, raggiunta l'età della pubertà, diventava compagno intimo di un giovane uomo nell'antica Grecia e nell'antica Roma, solitamente all'interno di un rapporto implicante anche la pederastia[2]. È stato utilizzato anche come termine di insulto quando veniva diretto contro un adulto, in qualità di sinonimo di "omosessuale passivo"[3].

In genere era però un termine d'affetto e indicava letteralmente il nome di Ganimede. La parola deriva difatti dal nome proprio Catamitus, la forma latinizzata di Ganimede, il bellissimo adolescente principe dei troiani rapito da Zeus per farne il proprio compagno, oltre che coppiere degli Dèi Olimpi[4]. La forma Catmite della lingua etrusca derivava da una forma alternativa greca del nome Ganymedes[5].

Riferimenti in letteraturaModifica

 
Il ratto di Ganimede (1910) a Porto.

Platone nel suo dialogo Gorgia (a 494d) fa usare a Socrate il termine in una conversazione con Callicle.

La parola appare ampiamente, seppur non con estrema frequenza, nella letteratura latina antica da Plauto fino ad Ausonio; a volte è sinonimo di "puer delicatus" (fanciullo delicato). Cicerone usa invece il termine come un insulto[3]; col tempo è divenuto un termine generico per indicare un ragazzo effeminato ed estremamente curato che pratica la prostituzione maschile o che viene in ogni caso usato per scopi sessuali.

Nel manuale sessuale arabo Il giardino profumato vi è un intero capitolo dedicato ai catamiti; i numerosi riferimenti ad essi durante l'apogeo della letteratura erotica mediorientale indicano che dai secoli X e XI, costituivano una forma di raffinatezza sessuale tra le alte classi della società islamica.

James Joyce fa meditare la parola a Stephen Dedalus in Ulisse quando si parla delle accuse rivolte a William Shakespeare riguardanti la possibilità che potesse essere stato un pederasta.

C. S. Lewis (l'autore de Le cronache di Narnia ed amico e collega di J. R. R. Tolkien), nella sua autobiografia parziale intitolata "Surprised by Joy: The Shape of My Early Life" (1955) descrive i ruoli sociali vigenti durante il tempo della propria permanenza al collegio di Wyvern come interno: tra gli altri vi era anche compreso il ruolo di "tart", ossia "un bel ragazzino dall'aspetto effeminato che funge da catamita per uno o più dei suoi compagni più anziani", osservando oltretutto che la pederastia non è mai stata seriamente disapprovata in quel tipo di istituzione scolastica (era disapprovato di più girare con il cappotto sbottonato) [6].

Anthony Burgess nel romanzo Gli strumenti delle tenebre (1980) usa la parola nell'incipit: "Era il pomeriggio del mio ottantunesimo compleanno, e io ero a letto col mio catamite quando Ali ha annunciato che il vescovo stava per venire a farmi visita"[7].

Nel paesaggio post apocalittico del suo romanzo La strada (2006), Cormac McCarthy fa descrivere al narratore una banda di predoni inquadrati in una sorta di esercito in movimento a piedi con "le donne, forse una dozzina, alcune incinte, e infine, di scorta, un gruppetto di catamiti"[8].

NoteModifica

  1. ^ Oxford English Dictionary 3ª ed. (2003).
  2. ^ Craig Williams, Roman Homosexuality (Oxford University Press, 1999, 2010), pp. 52–55, 75.
  3. ^ a b Cicerone, frg. B29 in una delle sue orazioni e nelle Filippiche 2.77; Bertocchi e Maraldi, "Menaechmus quidam," p. 95.
  4. ^ Alastair J.L. Blanshard, "Greek Love," in Sex: Vice and Love from Antiquity to Modernity (Wiley-Blackwell, 2010), p. 131. In Servio, nel suo Commentario all'Eneide 1.128, e Sesto Pompeo Festo indicano chiaramente che Catamitus era l'equivalente latino per Ganymedes; Festo lo indica come esser stato il concubinus di Giove (divinità). Alessandra Bertocchi e Mirka Maraldi, "Menaechmus quidam: Indefinites and Proper Nouns in Classical and Late Latin," in Latin vulgaire–Latin tardif. Actes du VIIème Colloque international sur le latin vulgaire et tardif. Séville, 2–6 septembre 2003 (University of Seville, 2006), pag. 95, nota 16.
  5. ^ Larissa Bonfante and Judith Swaddling, Etruscan Myths (University of Texas Press, 2006), p. 73.
  6. ^ Surprised by Joy: The Shape of My Early Life, Chapter IV Bloodery, pp.83-84, C.S.Lewis
  7. ^ An arresting opening, Telegraph. URL consultato il 30 agosto 2012.
  8. ^ Cormac McCarthy, La strada, Giulio Einaudi editore, 2006, pp. 218, ISBN 978-88-06-18582-4.

Voci correlateModifica