Apri il menu principale
Caterina Anguissola
Ritratto di Caterina Anguissola 1508-1550.jpg
Ritratto di Caterina Anguissola,
autore ignoto XVI secolo
Marchesa consorte di Castel Goffredo
Stemma
In carica 15981616
Predecessore Ginevra Rangoni
Successore Ippolita Maggi
Nascita Piacenza, 1508
Morte Castel Goffredo, 13 dicembre 1550
Dinastia Anguissola
Padre Gian Giacomo Anguissola
Madre Angela Tedeschi
Coniugi Andrea Borgo
Aloisio Gonzaga
Figli Alfonso
Ferrante
Orazio

Caterina Anguissola Trivulzio (Piacenza, 1508 circa – Castel Goffredo, 13 dicembre 1550) è stata una nobile italiana.

Indice

BiografiaModifica

Era figlia di Gian Giacomo Anguissola, conte di Piacenza e di Angela Tedeschi[1].

Vedova del conte Andrea Borgo (o Burgo) di Cremona (1467-1533), sposò nel dicembre 1540 in seconde nozze Aloisio Gonzaga, signore di Castel Goffredo. Alla sua morte (1549), Caterina governò il marchesato di Castel Goffredo sino all'investitura del figlio Alfonso, avvenuta nel 1565. Fu celebrata per la sua bellezza dall'umanista Lodovico Domenichi nella sua opera La Nobiltà delle Donne[2].

Morì a Castel Goffredo nel 1550 e fu sepolta nel mausoleo dei Gonzaga nella Chiesa di Santa Maria del Consorzio.

Suo fratello Giovanni Anguissola e il marito Aloisio furono implicati nella congiura che portò alla morte nel 1547 di Pier Luigi Farnese, duca di Parma e Piacenza.[3]

DiscendenzaModifica

Aloisio e Caterina ebbero tre figli:

NoteModifica

  1. ^ Genealogia dei Gonzaga.
  2. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835.
  3. ^ Giovanni Scardovelli, Luigi, Alfonso e Rodolfo Gonzaga marchesi di Castelgoffredo, Bologna, 1890.

BibliografiaModifica

  • Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, Brescia, 1922.
  • Massimo Marocchi, I Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. Vicende pubbliche e private del casato di San Luigi, Verona, 1990.
  • Giovanni Scardovelli, Luigi, Alfonso e Rodolfo Gonzaga marchesi di Castelgoffredo, Bologna, 1890.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Altri progettiModifica