Apri il menu principale

Caterina Mattei

monaca italiana
Beata Caterina Mattei
Catherine de Racconigi.jpg
 
Nascitagiugno 1486
Morte4 settembre 1547
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione1808 da papa Pio VII
Ricorrenza4 settembre

Caterina Mattei, o Caterina da Racconigi (Racconigi, giugno 1486Caramagna, 4 settembre 1547), è stata una monaca cristiana italiana.

BiografiaModifica

Caterina Mattei[1] era la sesta figlia (prima femmina) del fabbro Giorgio e della di lui moglie Billia Ferrari.

Lavorò presto come tessitrice in una filanda del paese natìo. Si rivelò molto pia e devota fin da giovanissima. Ben presto incominciarono a circolare voci sulla sua intensa fede e si parlava di miracoli. Convocata presso il tribunale ecclesiastico di Torino per fornire spiegazioni, venne ascoltata e prosciolta da ogni accusa di esibizionismo o millanteria.

Nel 1514 entrò nell'Ordine domenicano come terziaria ed alla cerimonia di iniziazione assistette anche Claudio di Savoia-Racconigi, conte di Racconigi e governatore di Vercelli, che per tutta la vita ebbe uno stretto legame di amicizia e di protezione verso Caterina.

Il di lei fervore riformatore, unitamente alla voce che portasse le stimmate ed avesse visioni profetiche, la espose all'ostracismo: nel 1523, per ordine di Bernardino di Savoia-Racconigi, successore di Claudio, venne costretta a lasciare Racconigi e si stabilì a Caramagna Piemonte insieme ad altre due consorelle.

La sua fama giunse anche al conte Francesco Pico della Mirandola, nipote e biografo del più famoso Giovanni Pico della Mirandola, che la contattò e la incontrò più volte: Francesco Pico ne scriverà infatti, dopo la di lei morte, una biografia.

Per sua disposizione testamentaria, il suo corpo fu inumato a Garessio (provincia di Cuneo), nella chiesa di Maria Vergine Assunta, ove giace tuttora.

Nel 1808 papa Pio VII la proclamò Beata e il suo nome viene celebrato il 4 settembre. A Racconigi opera ancora oggi una "Confraternita della beata Caterina" e sorge una chiesa a lei dedicata.

NoteModifica

  1. ^ Circa l'esatta grafia del nome e del cognome, la beata viene chiamata "Catterina" a Racconigi dove è nata, "Caterina" a Caramagna Piemonte dove andò in esilio e a Garessio (dove è sepolta). Il cognome varia tra "Mattei" o "De Mattei".

BibliografiaModifica

  • Elisabetta Lurgo, Caterina da Racconigi (Racconigi 1486 - Caramagna 1547), in Sanctorum 4 (2007), S. 241-264.
  • Elisabetta Lurgo, La beata Caterina da Racconigi fra santità e stregoneria. Carisma profetico e autorità istituzionale nella prima età moderna, Firenze, Nerbini, 2013, ISBN 9788864340630
  • Mario Sgarbossa, I santi e i beati, Figlie di San Paolo, Milano 1998, ISBN 88-315-1585-3
  • Giuseppe Capello, La Beata Caterina Mattei (1486-1547)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 5286 939X