Apri il menu principale

Caterina di Lorena (1585-1618)

nobildonna francese
Caterina di Lorena
Catherine de Lorraine, duchess of Mantua.JPG
Duchessa consorte di Nevers
Duchessa consorte di Rethel
Stemma
In carica 1599-1618
Nascita 1585
Morte Parigi, 18 marzo 1618
Dinastia Duchi di Guisa
Padre Carlo di Lorena
Madre Enrichetta di Savoia-Villars
Consorte Carlo I di Gonzaga-Nevers
Figli Francesco, Carlo, Ferdinando, Maria Luisa, Benedetta, Anna Maria di Gonzaga-Nevers

Caterina di Mayenne, o Caterina di Lorena (1585Parigi, 18 marzo 1618), era figlia di Carlo di Lorena, duca di Mayenne (1554 – 1611) e di Enrichetta di Savoia-Villars (1541 – 1611).

BiografiaModifica

Il 1º febbraio 1599 a Soissons Caterina sposò Carlo I Gonzaga (1580-1637), duca di Nevers e Rethel e, dal 1627, duca di Mantova e del Monferrato.

Caterina partecipò attivamente all'amministrazione ed all'organizzazione dei feudi del proprio marito. Come lo stesso, lei era sinceramente pia e devota. Creò fondazioni religiose, monasteri, abbazie e chiese, scuole e ospedali.

Secondo Hilarion de Coste:[1]

(FR)

«le grand nombre des Eglises et des Monasteres qu'elle a bastis et fondez en divers endroits de ses terres, sont encore de bonnes marques de sa devotion et de sa pieté, et de celle du Duc de Nevers son mary...»

(IT)

«… il gran numero di chiese e monasteri che lei ha costruito e fondato ai diversi angoli della terra sono ancora dei validi segni della sua devozione e della sua pietà e di quella del Duca di Nevers, suo marito…»

(Hilarion de Coste)

Allo stesso modo, nella nuova città da lei creata nel 1606 a Charles-ville:

(FR)

«on voit un College de la Compagnie de Jesus, où la jeunesse est instruite à la pieté et aux bonnes lettres. Il y a encor un Convent de Capucins, estably et basty de leurs aumosnes et liberalitez. L'Hospital de la mesme ville est encor un asseuré témoignage de leur benignité et misericorde envers les pauvres.»

(IT)

«… si vede un collegio della Compagnia di Gesù, ove la gioventù viene istruita nella pietà e nelle buone letture. C'è ancora un convento dei Cappuccini, realizzato e costruito grazie alle loro elemosine e liberalità. L'ospedale della stessa città è ancora sicura testimonianza della loro benignità e misericordia verso i poveri.»

(Hilarion de Coste)

Vi è poi un monastero carmelitano dell'antica osservanza, uno di carmelitane di Santa Teresa d'Avila, un collegio gesuita, un monastero del Santo Sepolcro, un convento francescano, una chiesa dei Cappuccini, un gran priorato della Milizia Christiana che serve da ospedale.

Alla sua morte, avvenuta all'età di 33 anni nel suo palazzo di Nevers, a Parigi, Caterina fu sepolta nella cattedrale di Nevers.

DiscendenzaModifica

Da Carlo I di Gonzaga-Nevers, Caterina ebbe:

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica