Apri il menu principale

Duomo di Fulda

(Reindirizzamento da Cattedrale di Fulda)
Duomo del Santissimo Salvatore
Dom Sankt Salvator
Fulda (9418951030) (3).jpg
StatoGermania Germania
LandAssia
LocalitàFulda
ReligioneChiesa evangelica in Germania
TitolareGesù Salvatore
Diocesi Fulda
ArchitettoJohann Dientzenhofer
Stile architettonicoBarocco
Inizio costruzione1704, su edifici precedenti
Completamento1712

Coordinate: 50°33′14.37″N 9°40′19.23″E / 50.553992°N 9.672008°E50.553992; 9.672008

Il duomo del Santissimo Salvatore, in tedesco Dom Sankt Salvator, è la cattedrale della Diocesi di Fulda, nella città omonima, nel Land dell'Assia, in Germania.

Santuario principale e luogo di sepoltura di San Bonifacio.

Storia e architetturaModifica

 
Pianta dell'edificio.
 
La facciata.
 
Cripta di San Bonifacio.

Il monastero benedettino di Fulda venne fondato nel 744 da santo Sturmio, discepolo di san Bonifacio.

Tra il 790 e l'819 la comunità ricostruì il monastero principale per per accogliere le spoglie di San Bonifacio, considerato l'"Apostolo della Germania". Il progetto si basava sul modello di costruzione dell'Antica basilica di San Pietro in Vaticano, risalente al IV secolo (oggi demolita). Vennero usate parti della chiesa precedente, come il transetto e la cripta.

La chiesa venne rifatta in stile barocco fra il 1704 e il 1712[1] ad opera del grande architetto Johann Dientzenhofer[2], che concepì un edificio a tre navate con cupola centrale e facciata affiancata da due torri gemelle. L'interno è decorato con stucchi, statue e altari barocchi, opere del ticinese Giovanni Battista Artari[2].

Il 5 ottobre 1752, con la bolla In Apostolicae dignitatis di papa Benedetto XIV, venne creata la diocesi di Fulda e il principe-abate ottenne il titolo tradizionale di principe vescovo. Originariamente la diocesi era immediatamente soggetta alla Santa Sede. I principi-vescovi governarono Fulda e i suoi possedimenti nella regione sin quando il vescovato non venne dissolto dalla dominazione napoleonica, nel 1803.

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica

Note e referenzeModifica

  1. ^ (FRENDE) Sito structurae.info
  2. ^ a b "Germania", Guida TCI, 1994, pag. 240

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN154005530 · LCCN (ENno2009093247 · GND (DE4361330-5 · WorldCat Identities (ENno2009-093247