Apri il menu principale

GeografiaModifica

Cazza si trova 23 km a ovest di Lagosta e a sud est di Curzola. L'isola è rocciosa, ha una forma irregolare, le costa ripide e a picco ed è circondata da acque profonde (in media 70 m)[3]; ha una superficie di 4,03 km²[1] e uno sviluppo costiero di 16,38 km[1]; la massima altezza dell'isola è quella del monte Cazza[11] (Sušac vrh), 239,2 m[2], segue il monte Greco Grande[12] (Velji Grk) con i suoi 206 metri[2]. Ci sono numerose insenature sul suo lato meridionale. Il suo capo sud-ovest si chiama punta Triscavaz[13] o punta Sottile[9] (rt Trišćavac), ed è lì che si trova un faro costruito nel 1878[14] (2 lampi in 15 secondi, con una potenza di 24 miglia). Le uniche insenature dove è possibile l'ancoraggio sono la valle Bol[3] o Dol[15] (Dol) al centro della costa meridionale, e valle Porto[5][9] o Costabuona[16] (uvala Međedina), a sud-ovest della precedente.[5]

Cenni storiciModifica

La piccola isola era abitata fin dai tempi dell'Impero Romano. Vi si possono vedere i resti di una chiesa cristiana del IV secolo.

Venezia la occupò dopo l'anno mille per molti secoli, ma saltuariamente appartenne anche alla Repubblica di Ragusa. L'esigua popolazione, a maggioranza Dalmati italiani, emigrò quasi completamente nell'Ottocento e solo due decine di pescatori vi rimanevano quando l'isola divenne italiana nel 1918.

Alla Conferenza di Pace di Parigi dopo la prima guerra mondiale la delegazione italiana scelse di farla italiana (assieme alla vicina Lagosta) al posto di Lissa per ragioni strategiche, in quanto "chiudeva" assieme a Pelagosa ed alle Tremiti l'accesso all'Adriatico settentrionale.

A seguito della seconda guerra mondiale l'isola è rimasta praticamente spopolata, è abitata solo dai guardiani del faro e saltuariamente da pescatori.

 
Ingrandendo la sezione meridionale della mappa si può vedere in dettaglio l'isola di Cazza italiana

NoteModifica

  1. ^ a b c d Duplančić, pp. 12-30.
  2. ^ a b c (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, su preglednik.arkod.hr. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  3. ^ a b c Alberi, p. 1620.
  4. ^ Rizzi, p. 458.
  5. ^ a b c Marieni, p. 333.
  6. ^ Atlante Zanichelli 2009, Zanichelli, Torino e Bologna, 2009, p. 29.
  7. ^ I. CAZZA (SUŠAC) nella mappa zoomabile di : "Velaluka (1904) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 34 - KOL XV"
  8. ^ Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 569, ISBN 978-88-85339293.
  9. ^ a b c Carta di cabottaggio del mare Adriatico[collegamento interrotto], foglio XI, Milano, Istituto geografico militare, 1822-1824. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  10. ^ (HR) Državni program [Programma Nazionale] (a cura di), Pregled, položaj i raspored malih, povremeno nastanjenih i nenastanjenih otoka i otočića [Analisi, posizione e schema di isolotti e piccole isole, periodicamente abitati e disabitati] (PDF), su razvoj.gov.hr, 2012, 38. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  11. ^ Vadori, p. 569.
  12. ^ Vadori, p. 614.
  13. ^ Vadori, p. 550.
  14. ^ Lighthouse Island Sušac, su plovput.hr. URL consultato il 27 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2017).
  15. ^ Vadori, p. 594.
  16. ^ Vadori, p. 599.

BibliografiaModifica

CartografiaModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316747532