Apri il menu principale

Cazzano (Besana Brianza)

frazione del comune italiano di Besana in Brianza
Cazzano
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
ComuneBesana in Brianza-Stemma.png Besana in Brianza
Territorio
Coordinate45°42′N 9°17′E / 45.7°N 9.283333°E45.7; 9.283333 (Cazzano)Coordinate: 45°42′N 9°17′E / 45.7°N 9.283333°E45.7; 9.283333 (Cazzano)
Altitudine336 m s.l.m.
Abitanti1 223[1] (10-11-2011)
Altre informazioni
Cod. postale20842
Prefisso(+39) 0362
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticazzanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cazzano
Cazzano

Cazzano fu un comune lombardo, ora frazione di Besana Brianza. La località è posta a nord-ovest del centro abitato, in direzione di Briosco e Renate. Di tutte le frazioni di Besana, è quella col legame più stabile ed antico col capoluogo comunale, essendo sempre stato ricompreso nella sua parrocchia.[2]

StoriaModifica

Le prime notizie storiche relative a Cazzano risalgono al secolo XIV, quando era incluso nella Pieve di Agliate. Nel 1753 al comune di Cazzano, che contava 304 abitanti, viene aggregato quello di Naresso. Nel 1786, quando la Lombardia austriaca si divide in 8 province, viene inserito nella provincia di Milano, fino al 1798 quando, con la frazione Naresso, viene inserito nel Dipartimento del Lario nel distretto Piè de' Monti, con capoluogo Missaglia. Nel 1805 con il Regno d’Italia, Cazzano coi suoi 397 residenti viene inserito nel distretto di Monza del Dipartimento d'Olona; nel 1811 il comune viene poi temporaneamente aggregato a quello di Besana. Nel 1816 Cazzano viene inserito nella Provincia di Milano, arrivando a 618 anime nel 1853 salite a 644 nel 1861. Nel 1862, un anno dopo la costituzione Regno d'Italia, assunse la denominazione di Cazzano Besana, fino al 1869 quando entra a far parte del comune di Besana in Brianza.

Architetture religioseModifica

  • San Clemente. Il suo campanile è dotato di una campana in si3 fusa da Michele Comerio nel 1840.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia