Apri il menu principale

Cecchino della Scala

militare italiano
Signori di Verona
Della Scala
Stemma della Scala.svg

Jacopino
Figli
Mastino I
Figli
Alberto I
Figli
Bartolomeo I
Figli
  • Francesco
  • Cecchino, figlio naturale
  • Bailardino, figlio naturale
Alboino
Figli
Cangrande I
Figli
  • Gilberto, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Francesco, figlio naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Franceschina, figlia naturale
  • Lucia Cagnola, figlia naturale
  • Giustina, figlia naturale
  • Alboino, figlio naturale
Alberto II
Figli
  • Alboina, figlia naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Gilenetto, figlio naturale
  • Rinaldo, figlio naturale
Mastino II
Figli
Cangrande II
Figli
  • Brunoro II, figlio naturale
  • Antonio II, figlio naturale
  • Nicodemo, figlio naturale
  • Guglielmo, figlio naturale
  • Paolo, figlio naturale
  • Fregnano, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Oria, figlia naturale
  • Caterina, figlia naturale
Cansignorio
Figli
Paolo Alboino
Figli
  • Silvestra, figlia naturale
  • Pentesilea, figlia naturale
  • Orsolina, figlia naturale
Bartolomeo II
Antonio
Figli
Guglielmo
Figli
  • Nicodemo
  • Antonio II
  • Niccolò
  • Oria
  • Beatrice
  • Caterina
  • Paolo
  • Chiara
  • Fregnano
  • Bartolomeo
  • Brunoro

Cecchino della Scala (... – 26 gennaio 1325) è stato un militare italiano.

BiografiaModifica

Era figlio naturale di Bartolomeo I della Scala, signore di Verona e della sua amante Angela Dente, gentildonna di Padova.

Fu al servizio dello zio, Cangrande I della Scala, che lo nominò reggente della città durante la sua assenza nel 1314 per combattere i padovani. Nel 1317 partecipò all'assedio di Este, rimanendo ferito. Nella terza guerra contro Padova (1320) riuscì a salvare Cangrande dalla cattura nemica.

DiscendenzaModifica

Cecchino sposò in prime nozze Agnese Visconti, figlia di Matteo Visconti, signore di Milano e in seconde nozze Gaia da Camino. Senza discendenza.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Scaligeri di Verona, Torino, 1835. ISBN non esistente.