Cecilia Polizzi

attrice italiana

Cecilia Polizzi (...) è un'attrice italiana, attiva in teatro, cinema e televisione.

BiografiaModifica

Importante attrice teatrale, tra gli anni sessanta e settanta prende parte ad alcuni film cinematografici e televisivi, lavorando per registi quali Elio Petri (La proprietà non è più un furto), Giuseppe Patroni Griffi (Divina creatura), Sergio Corbucci (Bello mio, bellezza mia), Silverio Blasi (La figlia di Iorio).[1] Prende parte anche ad alcuni sceneggiati e miniserie televisive come Le avventure di Laura Storm (1965), Il conte di Montecristo (1966), Il commissario De Vincenzi (1977) e Il furto della Gioconda (1978).[1]

Nel 1978 pubblica un disco erotico recitato a tematica lesbica per la casa discografica Feeling Record Italiana, fondata da Renato Pent a Torino nel 1976. Il disco, intitolato Les biches (Le cerbiatte) e scritto dalla stessa Polizzi su musiche di Romano Farinatti, che si firma con lo pseudonimo Romanovich, si rifà al filone dei dischi erotici allora in voga, sull'onda lunga del successo di Je t'aime... moi non plus di Serge Gainsbourg e Jane Birkin del 1969.[2]

Nel 1980-81 porta in tournée lo spettacolo Fedra, un mito, una donna ispirato al mito di Fedra, lavoro teatrale - ispirato alle opere di Euripide, Seneca, Ovidio, Jean Racine, Algernon Swinburne, Gabriele D'Annunzio, Miguel de Unamuno, Maricla Boggio - di cui è autrice, regista e interprete.[3][4][5]

Tra gli anni ottanta e primi anni novanta, è al centro di un'odissea giudiziaria che causa un arresto della sua carriera e la porta anche in carcere per sei giorni con l'accusa di estorsione. La controversia legale è sorta in seguito a disaccordi con il direttore dello Stabile di Trieste, Nuccio Messina. Sostenuta dall'avvocato Tina Lagostena Bassi, alla fine, nel 1986, viene completamente assolta da ogni accusa. Nel 1994, a seguito degli strascichi della vicenda, arriva anche a incatenarsi per protesta davanti al Teatro Lirico di Milano al termine della rappresentazione de I giganti della montagna di Pirandello.[6][7][8][9]

Teatro (parziale)Modifica

  • Peer Gynt di Henrik Ibsen (1973)
  • Il funzionario Krehler di Georg Kreiser, regia di Paolo Magelli (1979-1980)
  • Fedra, un mito, una donna scritto, diretto e interpretato da Cecilia Polizzi (1980-1981)
  • Giuditta (1984)

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DiscografiaModifica

SingoliModifica

  • 1978 - Les biches (Le cerbiatte)/Ninna nanna di Saffo

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Cecilia Polizzi, su Internet Movie Database, IMDb.com.
  2. ^ (EN) Cecilia – Les Biches (Le Cerbiatte), su Discogs, Zink Media.
  3. ^ Corpo d'attrice per tante Fedre Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. in L'Unità del 16 aprile 1981
  4. ^ Fedra, un mito, una donna in bibliotu.it
  5. ^ Cecilia Polizzi alla scoperta di una donna da Euripide a oggi per trovare Fedra Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. in L'Unità dell'8 aprile 1980
  6. ^ Cecilia Polizzi s'incatena davanti al Teatro Lirico in Il Corriere della Sera del 9 maggio 1994
  7. ^ Odissea di un'attrice in catene in Il Corriere della Sera del 26 luglio 1994
  8. ^ Sì, teatro lottizzato Cecilia Polizzi, attrice, è assolta[collegamento interrotto] in L'Unità del 22 gennaio 1986
  9. ^ Ritorno al teatro per la Polizzi Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. in L'Unità del 16 febbraio 1984

Collegamenti esterniModifica