Apri il menu principale

Cecina Decio Aginazio Albino (latino: Caecina Decius Acinatius Albinus; fl. 414-417; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano.

BiografiaModifica

Membro della gens Caecina, Albino era probabilmente figlio di Cecina Decio Albino, praefectus urbi nel 402, e di una figlia del senatore Aginazio; era nipote per parte di padre del pontifex Cecina Albino, a sua volta figlio di Volusiano Lampadio. Ebbe un nipote omonimo, console nel 444.

Albino era un amico di Claudio Rutilio Namaziano, e gli succedette come praefectus urbi, nel 414. Durante il suo mandato restaurò le Terme di Decio sull'Aventino, e chiese all'imperatore Onorio di aumentare la fornitura di grano per la città, la cui popolazione stava aumentando nuovamente dopo il sacco di Roma del 410. Possedeva una villa a Vada Volterrana, in Etruria, che Namaziano visitò nel 417: forse è la villa di San Vincenzino presso l'attuale Cecina.

FilmografiaModifica

Cecina Decio Aginazio Albino appare nel film De Reditu - Il Ritorno del 2003, interpretato da Giovanni Visentin.

BibliografiaModifica

  • «Caecina Decius Acinatius Albinus 7», PLRE II, pp. 50-51.
  • Lizzi Testa, Rita, Senatori, popolo, papi: il governo di Roma al tempo dei Valentiniani, EDIPUGLIA, 2004, ISBN 88-7228-392-2, p. 287.

Voci correlateModifica

  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma