Celeseo
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Padova-Stemma.png Padova
Provincia di Venezia-Stemma.png Venezia
ComuneSant'Angelo di Piove di Sacco-Stemma.png Sant'Angelo di Piove di Sacco
Saonara-Stemma2.png Saonara
Vigonovo-Stemma.png Vigonovo
Territorio
Coordinate45°22′10.56″N 12°00′48.31″E / 45.369599°N 12.01342°E45.369599; 12.01342 (Celeseo)Coordinate: 45°22′10.56″N 12°00′48.31″E / 45.369599°N 12.01342°E45.369599; 12.01342 (Celeseo)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti1 620[1]
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Celeseo
Celeseo

Celeseo (Sełexeo in veneto) è una frazione divisa tra i comuni italiani di Sant'Angelo di Piove di Sacco, Saonara (provincia di Padova) e Vigonovo (città metropolitana di Venezia).

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

Situata alla destra del fiume Brenta, i confini dei tre comuni a cui fa capo si muovono all'interno del centro abitato. La parte più consistente appartiene a Sant'Angelo di Piove di Sacco (zona a sud dello scolo Cornio e a est di via Sabbioncello) e comprende la chiesa, le scuole e la maggior parte degli esercizi commerciali; la zona a nord (via Cornio e via Celeseo) fa parte di Vigonovo; meno urbanizzata la zona occidentale sotto Saonara (via Sabbioncello).

StoriaModifica

Celeseo è citata per la prima volta come Ceresedo in un atto di donazione del 1080, cui segue la forma Cerisetulo nel 1136. Il toponimo dovrebbe avere una relazione con il latino cerasus, ciliegio[2][3].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Chiesa parrocchialeModifica

La prima chiesa di Celeseo fu un modesto oratorio, intitolato a san Marco e alla Madonna della Salute, costruito dai veneziani Caprari nel Seicento come ringraziamento per la fine della peste del 1630-31. Ampliato nel 1884-85, continuò a rappresentare il principale luogo di culto del paese sino alla metà del Novecento[2][3][4].

Con l'aumento demografico dell'ultimo secolo si pose la necessità di mettere mano all'amministrazione ecclesiastica: dopo aver ottenuto un sacerdote stabile nel 1934, Celeseo ebbe una nuova chiesa, costruita tra il 1942 e il 1947 inglobando la precedente; nel 1950 fu istituita la parrocchia, scorporandone il territorio da quelle di Sant'Angelo di Piove di Sacco, Saonara, Sandon e Vigonovo[2][3][4].

L'edificio è in stile neoromanico e a navata unica. Delle opere all'interno, si citano la pala con la Madonna della Salute e Sant'Antonio (metà dell'Ottocento), il crocifisso ligneo del presbiterio (1999) e le vetrate policrome della facciata (seconda metà del Novecento)[2].

Casa MaritanModifica

Situata lungo la centrale via San Marco, è una villa veneta di origini secentesche. Inizialmente proprietà dei Caprari, passò agli Zanchi nel 1764, ma nel 1808 risulta dei Fontanella; fu dei Maritan fino al 1981, quando il comune di Sant'Angelo acquistò l'immobile per farne un centro culturale.

Il complesso ha subito numerose manomissioni, ad esempio l'aggiunta del volume a sudovest, la tamponatura di varie aperture e l'urbanizzazione dei terreni circostanti.

Il corpo centrale è costituito da soli tre livelli: soffitte, piano rialzato e seminterrato. Quest'ultimo si caratterizza per la presenza di grandi arcate policentriche per lo scarico dei solai soprastanti (con travatura alla Sansovino) e di passaggi con volte a pieno centro.

Le aperture hanno profili in pietra d'Istria, ad eccezione degli oculi delle soffitte e ai lati del portale d'ingresso. Da notare, attorno a quest'ultimo, le tracce di una volta a pieno centro. Sul retro vanno notati i camini e le soglie in pietra delle aperture tamponate.

Anche gli interni sono stati rimaneggiati, ma si riconosce ancora il tradizionale schema veneziano con salone passante al centro e quattro stanze ai lati, cui si aggiunge il vano scala. Le soffitte, un tempo adibite a granaio, mantengono le travi lignee originali.

Facevano parte dello stesso complesso anche un immobile vicino, oggi di altra proprietà, e l'oratorio della Salute e di San Marco, inglobato nella parrocchiale[5].

NoteModifica

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ a b c d Presentazione della Beata Vergine Maria - Sant'Angelo Di Piove Di Sacco - Celeseo, Diocesi di Padova - Atlante delle parrocchie. URL consultato il 25 giugno 2019.
  3. ^ a b c Guido Beltrame, Toponomastica della Diocesi di Padova, Padova, Libraria Padovana, 1992, p. 53.
  4. ^ a b Luoghi d'interesse, su comune.santangelodipiovedisacco.pd.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  5. ^ Nicoletta Zucchello (a cura di), Casa Caprari, Zanchi, Fontanella, Maritan (PDF), in Ville venete: la Provincia di Padova, IRVV-Marsilio, 2001, p. 494. URL consultato il 25 giugno 2019.
  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto