Apri il menu principale

Editrice Cenisio

Casa editrice italiana di fumetti
(Reindirizzamento da Cenisio)
Editrice Cenisio
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1960 a Milano
Chiusuraanni 1990
Sede principalevia Jacopo della Quercia 14, Milano
Persone chiaveCarla Arcaini, direttore
SettoreEditoria

L'Editrice Cenisio è stata una casa editrice italiana di fumetti attiva tra gli anni sessanta e novanta e licenziataria per l'Italia delle storie a fumetti di produzione americana pubblicate dalla Western Publishing; esordì nel 1960 e per oltre trent'anni si specializzò nella pubblicazione in Italia di serie a fumetti realizzate negli USA e tratte da serie televisive animate come quelle prodotte dalla Warner Bros., incentrata sui personaggi della serie Looney Tunes, e dalla Metro-Goldwyn-Mayer come Tom e Jerry o dagli studi Hanna-Barbera come Gli antenati, oltre ad altri iconici personaggi dei fumetti e dell'animazione americana come Tarzan o La Pantera Rosa; fu la prima casa editrice a indicare sugli albi il riferimento alla storia originale[1].

StoriaModifica

Nel 1960, sul successo della serie televisiva Le avventure di Rin Tin Tin, esordì la serie a fumetti Rin Tin Tin & Rusty che inizialmente pubblicava storie a fumetti tratte dall'omonimo comic book americano e poi quelle realizzate appositamente da autori italiani per la testata. La serie verrà pubblicata per quasi venti anni.[2][3] Nei primi anni sessanta pubblicò le avventure di due personaggi di Luciano Bottaro e Carlo Chendi, Whisky e Gogo.

Nel 1960 subentrò alla Periodici Bunny acquisendone i diritti che dal 1957 gli aveva permesso di pubblicare serie a fumetti incentrate sui personaggi della serie televisiva animata dei Looney Tunes della Warner,[4] prodotte negli Stati Uniti d'America dalla Western Publishing; a seguito di ciò pubblicherà molte serie incentrate su personaggi come Bugs Bunny, Silvestro e molti altri; nel 1962 esordì Bug's Bunny presenta Silvestro,[5] che prese il posto di Bunny, una precedente pubblicazione edita dalla Periodici Bunny; la nuova edizione verrà pubblicata fino al 1981.[6][7] Contemporaneamente pubblicò altre serie ispirate ad altre serie televisive animate della Metro-Goldwyn-Mayer, sempre precedentemente pubblicate dalla Periodici Bunny, come Tom & Jerry.[8]

Pubblicò nel 1964 le serie a fumetti tratte dalla serie televisiva Bonanza.[9]

Nel 1968 esordisce, dopo oltre venti anni di assenza in Italia, una testata dedicata a Tarzan, prima serie a fumetti dedicata al personaggio omonimo, con storie tratte dai comic book editi negli USA della Gold Key/Western e successivamente anche storie di produzione europea; la serie verrà pubblicata fino al 1980, affiancata da numerose serie parallele con storie del personaggio.[10]

Nel 1975 acquisì dalla DC Comics i diritti per la pubblicazione delle serie a fumetti di supereroi, precedentemente detenuti dalla Williams, pubblicando nel 1976 due collane dedicate a Superman[11][12] e a Batman,[13][14] pubblicate fino agli anni ottanta,[14][11] cui seguirono nel 1978 quelle dedicate a Flash[15][1], nel 1979 quelle dedicate alla Legione dei Supereroi[16] e al Sergente Rock,[17] e a Wonder Woman nel 1980[18]; quest'ultime ebbero però vita breve interrompendosi, tranne Superman, fra il 1980 e il 1981.

Pubblicò le serie a fumetti tratte dalla serie televisiva Attenti a quei due dal 1975 al 1977.[19]

Nel 1975 esordì la serie La Pantera Rosa, dedicata all'omonimo personaggio, che venne edita fini al 1992 per 188 numeri.[20] Nel 1978 venne ripresa la testata Bunny, che venne edita fino al 1989 ripubblicando fumetti già editi nella prima edizione e nella serie Silvestro.[21][22]

Durante gli anni ottanta venne interrotta la pubblicazione delle collane della DC Comics (l'ultima collana DC a chiudere fu Superman, nel 1984[23], e i diritti delle serie della DC Comics passarono ad altri editori, come Rizzoli e la Play Press, mentre Tarzan non venne più pubblicato in Italia fino al 2003[24]. Venne invece proseguita la pubblicazione delle sue collane umoristiche (principalmente quelle dedicate ai personaggi della Warner Bros. e Hanna e Barbera fino ai primi anni novanta.

La casa editrice chiuse nel 1992.[senza fonte]

NoteModifica

  1. ^ a b Rino Monreale e Marcello Vaccari, Flash - Le testate, Glamazonia.it. URL consultato il 31 agosto 2011.
  2. ^ Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 28 marzo 2019.
  3. ^ FFF - RINTINTIN, su www.lfb.it. URL consultato il 28 marzo 2019.
  4. ^ FFF - BUGS BUNNY, su www.lfb.it. URL consultato il 23 maggio 2019.
  5. ^ FFF - BUNNY, su www.lfb.it. URL consultato il 22 maggio 2019.
  6. ^ Bug's Bunny presenta Silvestro, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 22 maggio 2019.
  7. ^ FFF - SILVESTRO, su www.lfb.it. URL consultato il 22 maggio 2019.
  8. ^ Tom & Jerry, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  9. ^ Bonanza, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  10. ^ Tarzan, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  11. ^ a b Superman, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  12. ^ FFF - SUPERMAN, su www.lfb.it. URL consultato il 24 maggio 2019.
  13. ^ FFF - BATMAN, su www.lfb.it. URL consultato il 24 maggio 2019.
  14. ^ a b Batman, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  15. ^ Flash, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  16. ^ Legione, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  17. ^ Sergente, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  18. ^ Wonder, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  19. ^ Attenti a quei due, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  20. ^ La Pantera Rosa, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  21. ^ FFF - BUNNY, su www.lfb.it. URL consultato il 22 maggio 2019.
  22. ^ Bunny, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 22 maggio 2019.
  23. ^ Paolo Ottolina, Superman - Guida alla lettura, UBCfumetti.com. URL consultato il 31 agosto 2011.
  24. ^ Francesco Farru, Tarzan 1[collegamento interrotto], ComicUS.it, 26 novembre 2003. URL consultato il 31 agosto 2011.

Collegamenti esterniModifica