Central do Brasil

film del 1998 diretto da Walter Salles

Central do Brasil è un film diretto da Walter Salles e candidato nel 1999 al Premio Oscar per il miglior film straniero.[1][2]

Central do Brasil
una scena del film
Titolo originaleCentral do Brasil
Lingua originaleportoghese, tedesco
Paese di produzioneBrasile, Francia
Anno1998
Durata113 min
Generedrammatico
RegiaWalter Salles
SoggettoWalter Salles
SceneggiaturaMarcos Bernstein, João Emanuel Carneiro
ProduttoreMartine de Clermont-Tonnerre, Arthur Cohn
Distribuzione in italianoMikado Film
FotografiaWalter Carvalho
MontaggioFelipe Lacerda, Isabelle Rathery
MusicheJacques Morelembaum, Antonio Pinto
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Trama modifica

A Rio de Janeiro, Dora Teixeira, un'insegnante in pensione che ha sviluppato un certo cinismo e una sostanziale freddezza verso gli altri, si mantiene scrivendo lettere per le persone analfabete, che però spesso truffa non spedendo le missive. Quando una sua cliente muore investita da un pullman, Dora si trova casualmente a dover ospitare il figlio di questa sconosciuta, il piccolo e tenace Josuè. La donna, decisa a risolvere in modo sbrigativo la faccenda tramite un "amico" che lavora alla stazione, porta il bambino da lui affinché venga poi dato in affidamento a una famiglia straniera. Una volta lasciato il piccolo, però, viene a sapere dalla sua coinquilina che l'affidamento è una copertura e che il bambino sta per finire nelle mani di un gruppo di trafficanti di organi. Dora riprende quindi con sé Josuè e decide di partire con lui alla ricerca del padre del piccolo.

Ha così inizio un lungo viaggio in pullman nelle polverose deserte strade del Brasile, che li porterà a 1000 km di distanza da Rio de Janeiro. Durante il viaggio, che è anche un viaggio nel passato della donna, il rapporto tra lei e il bambino, inizialmente venato di diffidenza reciproca, acquista intensità e dà coraggio a entrambi, rivelando sfumature inaspettate di tenerezza. Arrivati a casa del padre di Josuè, i due scoprono che l'uomo ha venduto la casa ed è partito in cerca del suo figlio più piccolo, ovvero Josuè. Dora riesce a far sì che Josuè si ricongiunga infine con gli altri fratelli, due ragazzi che hanno ereditato la falegnameria del padre. La donna affida dunque il bambino alle cure di costoro, e si separa dal piccolo di nascosto all'alba. Dal pullman che la riporta a casa, per sempre trasformata dal viaggio che ha compiuto, scrive a Josuè una struggente e memorabile lettera d'addio.

Riconoscimenti modifica

Note modifica

  1. ^ Scheda film, su cinematografo.it.
  2. ^ A. Crespi, 'Central do Brasil', quasi un road movie (PDF), in L'Unità, 17 dicembre 1998.

Voci correlate modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN212919567 · LCCN (ENn98911194 · GND (DE7555395-8