Apri il menu principale
Centro Arti Visive Pescheria
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPesaro
IndirizzoCorso XI Settembre, 128
Caratteristiche
TipoArte contemporanea
FondatoriComune di Pesaro, Loreno Sguanci
Apertura27 luglio 1996
Sito web

Il Centro arti visive Pescheria è un'istituzione culturale e artistica di Pesaro.

StoriaModifica

Istituito dal Comune di Pesaro nel 1996, il Centro Arti Visive Pescheria è diventato in venti anni di attività il più importante polo per l’arte contemporanea della regione adriatica. La prima esposizione fu una personale Eliseo Mattiacci e nel tempo ha ospitato mostre di protagonisti della scena nazionale e internazionale come Enzo Cucchi, Nanni Valentini, Mauro Staccioli, Mimmo Paladino, Giuseppe Penone[1], Jannis Kounellis. Particolare attenzione è sempre stata rivolta alla fotografia oltre che alla promozione degli artisti italiani emergenti.

Il Centro ha sede nell’antico mercato cittadino del pesce. Firmato dall’ingegnere Pompeo Mancini, il progetto per l’edificazione della Pescheria dura un triennio (1821-’23). L’edificio è concepito nello schema-tipo del tempio pagano di cui presenta gli elementi strutturali, tra cui le possenti colonne del loggiato. Il prospetto su corso XI settembre è addossato alla seicentesca chiesa sconsacrata del Suffragio - uno spettacolare ambiente a pianta dodecagonale - difficilmente riconoscibile all’esterno nella facciata mutilata dalle demolizioni.

Centro di produzione culturale e ‘osservatorio’ puntato sul presente, durante l’anno accanto alle mostre la Pescheria accoglie eventi tra musica, design, teatro e danza.

Fonte Comune di Pesaro[2]

NoteModifica

  1. ^ Massimo Melotti, Vicende dell'arte in Italia dal dopoguerra agli anni Duemila, Franco Angeli, 2017, p. 317, ISBN 9788891755483.
  2. ^ Comune di Pesaro : Centro Arti Visive Pescheria, su www.comune.pesaro.pu.it. URL consultato il 19 marzo 2019.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2174 2669 · LCCN (ENn97125523 · WorldCat Identities (ENn97-125523