Centro nazionale per gli studi atmosferici degli Stati Uniti d'America

Il Centro nazionale per gli studi atmosferici degli Stati Uniti d'America (National Center for Atmospheric Research, NCAR)[1] è un centro di ricerca e sviluppo americano finanziato a livello federale (FFRDC) e dalla NSF (National Science Foundation) e gestito dalla UCAR (University Corporation for Atmospheric Research). L'attuale direttore è James Hurrell[2]. Il centro NCAR possiede diverse strutture, tra le quali il quartier generale "Laboratorio Mesa" a Boulder, Colorado che è stato progettato da I. M. Pei. I campi di studio comprendono meteorologia, climatologia, chimica atmosferica, interazioni Terra-Sole, impatto ambientale.

NCAR Laboratorio Mesa, Boulder, Colorado

DescrizioneModifica

Strumenti e tecnologieModifica

Il centro NCAR fornisce una vasta gamma di strumenti e tecnologie alla comunità scientifica per lo studio dell'atmosfera terrestre inclusi,[3][4]

  • strumenti specifici per misure di processi atmosferici
  • ricerca aeronautica
  • strumenti di calcolo e infrastrutture informatiche di elevate prestazioni come supercomputer
  • l'osservatorio solare "Mauna Loa"
  • cooperative field campaigns
  • modelli atmosferici su processi meteorologici, climatici, chimici, solari inclusi modelli sviluppati cooperativamente come:
  • trasferire le competenze tecnologiche ai bisogni della società
  • collezioni di dati, servizi di dati ed altro

Personale e importanti scienziati presenti e passatiModifica

Il centro si compone di scienziati, ingegneri, tecnici e personale di supporto.[2] Le principali aree di ricerca comprendono [5]

  • climatologia (Il passato il presente ed il futuro del clima della Terra; l'effetto serra, il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici; il fenomeno del Niño, della Niña ed altri schemi atmosferici di grande scala; siccità, incendi)
  • meteorologia (previsioni di breve termine; previsioni sul tempo; effetti del tempo sul clima; uragani; tornado e altre importanti temporali; processi fisici)
  • ambiente ed effetti sulla società (impatti del cambiamento climatico sull'ambiente naturale o gestito dall'uomo; interazioni di meteo, clima e società; sistemi di previsione meteorologica per il trasporto aereo e terrestre; sicurezza nazionale)
  • inquinamento atmosferico e chimica dell'aria (inquinamento dell'aria a livello locale regionale e globale; clima e chimica dell'aria; trasformazioni chimiche e trasporto nell'atmosfera)
  • il Sole e il tempo meteorologico spaziale (la struttura del Sole, dal suo interno alle macchie solari alla corona solare; il ciclo solare; l'effetto del Sole sul Tempo e sul clima della Terra; tempo meteorologico spaziale)
  • altri componenti della scienza del sistema Terra (gli effetti sul tempo e sul clima di: gli oceani e gli altri componenti del ciclo delle acque della Terra, inclusi i mari, i ghiacciai e il resto della criosfera; foreste, agricoltura, urbanizzazione e altri tipi di uso del suolo)

Scienziati di fama appartenenti ad oggi al centro includono Tom Wigley, Kevin Trenberth, e Caspar Ammann,[6] e nel passato troviamo Paul Crutzen (premio Nobel per la chimica, 1995); Paul Julian (meteorologo), che assieme al collega Roland Madden ha scoperto l'oscillazione Madden-Julian; Stephen Schneider (socio della MacArthur e membro dell'accademia nazionale delle scienze (National Academy of Science), e altri. Greg Holland iniziò il progetto del modello multiscala "Previsioni sul sistema Terra su più livelli" ("Predicting the Earth System Across Scales".[7]

Organizzazione della ricerca - laboratori e programmiModifica

Il centro NCAR è attualmente organizzato in cinque laboratori:[8]

Laboratori
  • Laboratorio computazionale e di sistemi informatici (Computational & Information Systems Laboratory (CISL)) - Il CISL era precedentemente conosciuto come divisione scienza computazionale (SCD). Il CISL gestisce e fa funzionare i supercomputer del NCAR, i sistemi di memoria di massa, la rete e gli altri servizi computazionali e di infrastrutture cibernetiche. L'istituto per la matematica applicata e le geoscienze (The Institute for Mathematics Applied to Geosciences (IMAGe)) è una divisione di ricerca interna al CISL.[9]
  • Laboratorio d'osservazione della Terra (Earth Observing Laboratory (EOL))
  • Osservatorio delle alte altirudini (High Altitude Observatory (HAO))
  • Laboratorio del sistema Terra NCAR (NCAR Earth System Laboratory (NESL))
  • Laboratorio di ricerca applicata (Research Applications Laboratory (RAL))
Programmi
  • Studi di programmi avanzati (Advanced Study Program (ASP))
  • Programmi di scienza integrata (Integrated Science Program (ISP))

Il servizio del centro NCAR alle università e alle grandi comunità di geoscienze è rafforzata con l'offerta della "corporazione universitaria per la ricerca atmosferica" (University Corporation for Atmospheric Research|community programs (UCAR)).[10][11]

Finanziamenti e gestioneModifica

Il centro NCAR è gestito dalla corporazione senza fini di lucro UCAR ed è una delle fondazioni scientifiche nazionali degli Stati Uniti d'America (National Science Foundation (NSF)) del centro per lo sviluppo e ricerca federale (Federally Funded Research and Development Center), con il 95% circa dei fondi provenienti dal governo federale. Comunque, l'NCAR non è un'agenzia federale ed i suoi impiegati non fanno parte degli impiegati del sistema federale.[1] NCAR employs about 1,000 staff. Its annual expenditures in fiscal year 2008 were $181 million.[1] Roger Wakimoto è diventato il direttore del NCAR nel 2010.[12] James Hurrell became the new director in 2013.[2]

OspitiModifica

Visite scientificheModifica

L'NCAR ha diverse opportunità per le visite scientifiche da strutture per seminari, colloqui e collaborazioni da parte di colleghi del mondo accademico laboratori governativi e privati.[13] Numeroso personale del NCAR inoltre visita colleghi di università e di laboratori e aiuta come assistente od ospite di facoltà.[11][13]

Giri turisticiModifica

Il centro visite del Laboratorio Mesa è aperto gratuitamente al pubblico. Visite guidate e giri autoguidati con tablet comprendono video e audio sul primo supercomputer costruito da Seymour Cray così come sul moderno parco supercomputer del NCAR. Presente anche materiale educativo e dimostrativo dei fenomeni meteorologici e di cambiamento climatico nonché un suggestivo sentiero esterno sul Tempo. Visite guidate di un'ora sono disponibili lunedì, mercoledì e venerdì pomeriggio esclusi festivi.

NoteModifica

  1. ^ a b c Quick Facts about NCAR & UCAR
  2. ^ a b c New Director of the U.S. National Center for Atmospheric Research Rose Through the Ranks, su news.sciencemag.org, 31 luglio 2013.
  3. ^ NCAR Research & Resources
  4. ^ National Center for Atmospheric Research (NSF Division of Atmospheric and Geospace Sciences)
  5. ^ Atmospheric & Earth System Research: NCAR research topics Archiviato il 25 luglio 2010 in Internet Archive., 2008, accessed 2010-06-22.
  6. ^ Pearce, Fred, The Climate Files: The Battle for the Truth about Global Warming, (2010) Guardian Books, ISBN 978-0-85265-229-9, p. XVIII.
  7. ^ M. Gad-el-Hak Large Scale Disasters Prediction Control and Mitigation 2008 "was initiated by Greg Holland"
  8. ^ NCAR's Clickable Organization Chart Archiviato il 9 giugno 2010 in Internet Archive.
  9. ^ NCAR's Clickable Organization Chart, su ncar.ucar.edu. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2015).
  10. ^ UCAR Community Programs, su ucp.ucar.edu. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2014).
  11. ^ a b UCAR Highlights, su www2.ucar.edu. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2014).
  12. ^ NCAR Directors
  13. ^ a b Visitor Programs – Opportunities for Scientific Visitors & Students, su www2.ucar.edu. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153587690 · ISNI (EN0000 0001 2188 6304 · LCCN (ENn79027210 · GND (DE1023532-2 · BNF (FRcb128777199 (data) · NLA (EN35020662 · WorldCat Identities (ENlccn-n79027210