Centro sportivo Fulvio Bernardini

centro sportivo della Roma
Centro Sportivo Fulvio Bernardini
Trigoria[1]
Centro sportivo Fulvio Bernardini.JPG
Informazioni generali
StatoItalia Italia
UbicazionePiazzale Dino Viola, 1
Roma
Inizio lavori1977[1]
Inaugurazione1979[1]
Costo2 000 000 000 lire
Ristrutturazione1984[2]
1998[2]
2019[3]
ProprietarioAssociazione Sportiva Roma S.p.A.[4](1978-2005)
Banco Popolare[4] (2005-presente)
GestoreAssociazione Sportiva Roma S.p.A.[4] (affittuario)
Intitolato aFulvio Bernardini
Informazioni tecniche
Posti a sedere1 000
(Campo A "Agostino Di Bartolomei")
Mat. del terrenoErba sintetica
Tappeto erboso
Dim. del terreno44900 
Area dell’edificio3500 
Area totale111230 
Uso e beneficiari
AllenamentoRoma
(prima squadra maschile, 1978-presente)
CalcioRoma
(giovanili)
Mappa di localizzazione

Il centro sportivo Fulvio Bernardini, noto anche come Trigoria (dalla frazione in cui sorge) è il centro sportivo e sociale dell'Associazione Sportiva Roma, società calcistica italiana per azioni con sede a Roma. È situato in piazzale Dino Viola, 1[5] nel IX Municipio di Roma Capitale.

StoriaModifica

I terreni sui quali sorge attualmente il centro sportivo vennero acquistati il 22 luglio 1977 dall'allora presidente della società AS Roma Gaetano Anzalone e la struttura venne inaugurata il 23 luglio 1979.[1] Il centro nacque con una foresteria che poteva ospitare fino a 60 giocatori, tre campi di calcio (due in erba di cui uno con illuminazione notturna e uno in terra battuta), campi da tennis, piscina, ristorante, centro medico ed uffici.[1]

Il complesso ebbe un primo ampliamento nel 1984 quando il club era presieduto da Dino Viola e un altro nel 1998 sotto la presidenza di Franco Sensi.[2] Il 28 dicembre 2005 venne ceduto con la formula del leasing a Banca Italease per un guadagno di 30 milioni di euro. Alla Roma venne concesso il diritto a usufruirne per quindici anni, per un affitto annuo di 3,2 milioni di euro, con l'opzione di riscatto alla scadenza.[6]

Il "Fulvio Bernardini" è anche noto per aver ospitato, in occasione del campionato del mondo 1990, il ritiro della nazionale di calcio dell'Argentina.[7]

StrutturaModifica

 
Cartello presente all'ingresso del centro

Area sportivaModifica

L'area sportiva del centro comprende:[2][8]

  • quattro campi da calcio regolamentari:
    • Campo A "Agostino Di Bartolomei": campo (dimensioni 102 × 68 m) con manto in erba sintetica di ultima generazione, tribuna scoperta da 1.000 spettatori e spogliatoi.[9] Venne intitolato allo scomparso giocatore giallorosso il 24 febbraio 2012;[9]
    • Campo B "Fulvio Bernardini": campo (dimensioni 105 × 68 m) con manto in erba naturale;
    • Campo C: campo (dimensioni 105 × 68 m) con manto in erba naturale;
    • Campo D "Testaccio": campo (dimensioni 105 × 68 m) con manto in erba naturale, intitolato allo storico stadio cittadino, dotato di tribuna scoperta e spogliatoi;
  • due campi da calcio di dimensioni ridotte:
    • Campo (dimensioni 90 × 45 m) con manto in erba sintetica di ultima generazione;[9]
    • Campo "la quercia": campo (dimensioni 81 × 43 m) con manto in erba sintetica di ultima generazione;[9]
  • una piscina scoperta (dimensioni 18 × 9 m);
  • uno dei quattro fabbricati (il secondo in ordine di grandezza), all'interno del quale trova spazio:

Area direzionaleModifica

L'area direzionale del centro è composta da quattro fabbricati:

  • Edificio A, il secondo in ordine di grandezza e a due piani fuori terra, nel quale si trovano:
    • i locali medici (riabilitazione e fisioterapia, al piano terra;
    • un bagno turco, al piano terra;
    • gli spogliatoi per i giocatori e per l’allenatore, al piano terra;
    • gli alloggi dei calciatori della prima squadra, al piano primo;
  • Edificio B, nel quale si trovano:
    • un bar;
    • un ristorante;
    • gli alloggi per le squadre giovanili;
  • Edificio C;
  • Edificio D, realizzato nel 1998, nel quale si trovano:

Liceo scientifico sportivoModifica

In un casale, in adiacenza al centro sportivo e collegato ad esso, ha sede, dal 2019,[10] la sezione staccata dell'Istituto Scolastico Internazionale Giovanni Paolo II, liceo scientifico sportivo paritario riservato ai tesserati dell'AS Roma. Il casale, ricostruito per quest'utilizzo, al suo interno ospita:[11]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Paolo Caprio, Adesso «Trigoria» è diventata realtà (PDF), in l'Unità, 24 luglio 1979, p. 10 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2016).
  2. ^ a b c d e Andrea Michelini, Ecco Trigoria, nata nel 1979, in Il Romanista, 27 dicembre 2005, p. 3.
  3. ^ Roma, Trigoria si rifà il look: le foto del nuovo centro sportivo, su sport.sky.it.
  4. ^ a b c Bond, Trigoria, stadio: il piano di Pallotta, su insideroma.com. URL consultato il 19 maggio 2021.
  5. ^ Contatti, su asroma.it (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2015).
  6. ^ Verbale di assemblea ordinaria e straordinaria (PDF), su asroma.it, 27 ottobre 2011, p. 12. URL consultato il 29 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2012).
  7. ^ Benvenuta Argentina, in la Repubblica, 10 maggio 1990, p. 29. URL consultato il 21 marzo 2013.
  8. ^ Campo "Agostino Di Bartolomei": "Oggi Ago è tornato a casa", su asroma.it, 24 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  9. ^ a b c d AS Roma: Campo da calcio in erba sintetica - Centro sportivo di Trigoria, su mondoworldwide.com, 14 novembre 2020.
  10. ^ LICEO SCIENTIFICO AD INDIRIZZO SPORTIVO, su www2.istitutogiovannipaolo2.it, 14 novembre 2020.
  11. ^ a b c d e INAUGURATO A TRIGORIA IL NUOVO ISTITUTO SCOLASTICO DELL'AS ROMA, su asroma.com, 14 novembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica