Cerdagna

regione storica spagnola
Cerdagna
CA Cerdanya
FR Cerdagne
ES Cerdaña
Cerdagna – Stemma Cerdagna – Bandiera
Cerdagne cadi.JPG
Panorama montuoso nella regione
Stati Spagna Spagna
Francia Francia
Regioni Catalogna Catalogna
Drapeau proposé pour le département des Pyrénées-Orientales.svgPirenei orientali
Territorio Pirenei orientali
Capoluogo Puigcerdà
Superficie 1 085,76 km²
Abitanti 26 500 (2001)
Densità 24 ab./km²
Lingue catalano, spagnolo, francese
Fusi orari UTC+1
Localització de l'Alta i Baixa Cerdanya.svg
Alta Cerdanya (Francia) e Baixa Cerdanya (Spagna)
Mappa di localizzazione: Spagna
Cerdagna
Cerdagna

Coordinate: 42°26′48″N 1°57′10″E / 42.446667°N 1.952778°E42.446667; 1.952778

La Cerdagna (dal latino Ceretani o Ceritania; in catalano Cerdanya; in francese Cerdagne; in spagnolo Cerdaña) è una regione storica e comarca dei Pirenei orientali a cavallo tra Spagna e Francia. La spartizione della regione risale alla pace dei Pirenei (1659). Una volta, era compresa tra le contee catalane.

GeografiaModifica

La superficie della regione è di 1.086 km², di cui il 50,3% in territorio spagnolo e il 49,7% in territorio francese; gli abitanti sono circa 26.500 (53,4% in Spagna, 46,6% in Francia), per una densità abitativa di 24 ab./km². L'unica zona urbana della Cerdagna è la regione di confine tra Puigcerdà e Bourg-Madame, che con 10.900 abitanti (2001) raggruppa il 41% degli abitanti della Cerdagna.

L'area gode di un elevato numero di ore di sole ogni anno per via della posizione geografica (circa 3.000 ore all'anno). Per questo motivo, sono stati realizzati diversi progetti per sfruttare l'energia solare su larga scala in diverse località della Cerdagna francese, tra cui Font-Romeu-Odeillo-Via, lo stabilimento Themis vicino Targassonne e il forno solare di Mont-Louis a Mont-Louis.

Dal punto di vista amministrativo, la parte settentrionale (francese) della regione - che in catalano è nota come Alta Cerdanya, ossia Alta Cerdagna - non costituisce un'unità a sé stante, ma fa parte del dipartimento dei Pirenei Orientali. La parte meridionale (spagnola) forma invece la comarca catalana della Baixa Cerdanya (Bassa Cerdagna), nome ufficioso con cui è nota.

StoriaModifica

Da notare la particolarità del comune di Llívia, enclave appartenente alla Spagna ma interamente circondata da territorio francese.

Il colle della Perche separa la Cerdagna dal Conflent.

Contea di CerdanyaModifica

La regione era stata conquistata dai Mori all'inizio dell'VIII secolo. Nel 731, il governatore moresco della Cerdanya, che la Isidori Pacensis Episcopi Chronicon, cita col nome di Munniz, si alleò col duca d'Aquitania e duca di Guascogna, Oddone il Grande sposando sua figlia, Lampagia[1] su insistenza di Odo, al fine di proteggere la sua frontiera meridionale da un'ulteriore espansione musulmana[2]. La Cerdanya era in questo momento prevalentemente basca, e Odo aveva una politica filo-basca di fronte a Carlo Martello e ai Franchi[3].

Il dominio moresco divenne presto puramente nominale; la Cerdanya fu conquistata da Carlo Magno poco dopo la resa di Gerona nel 785[4]. Il primo conte di Cerdanya di cui conosciamo il nome era Borrell I, nel 798, che era soggetto al conte di Tolosa. A questa data, la Cerdanya era unita nel governo sotto un unico conteggio con la Contea di Besalú e la Contea d'Urgell, e, dopo l'817, faceva parte del Regno d'Aquitania[5]. La Cerdanya e l'Urgell rimasero unite fino all'897 ed entrambe erano sotto l'influenza e spesso il controllo del Conte d'Aragona. Nell'842, l'Emirato di Córdoba invase la Cerdanya nel tentativo di riconquistare i Pirenei, ma furono respinti dal conte Sunifredo I[6].

Nel IX secolo, la Cerdanya era il centro di una regione in cui era comune la forma di proprietà terriera, nota come "economia curtense"[7]. Nell'835, uno statuto di Ludovico il Pio aveva proibito persino alla chiesa della regione di concedere terre in beneficium, cioè come benefici o in possesso feudale[8].

Dopo la morte di Luigi il Balbo, nell'879, l'Aquitania e la Francia occidentale in generale videro un periodo di instabilità durante il quale le regioni periferiche, come la Catalogna, divennero di fatto indipendenti dall'autorità reale centrale. Da questo periodo il titolo di conte divenne di fatto ereditario.

Elenco cronologico dei conti:

Dal 1403 il titolo passò definitivamente e permanentemente alla Corona d'Aragona.

Suddivisione amministrativaModifica

SpagnaModifica

Municipio Popolazione (2014)[9] Area in km²[9]
Alp 1,661 44.3
Bellver de Cerdanya 2,075 98.2
Bolvir 373 10.3
Das 220 14.6
Fontanals de Cerdanya 443 28.6
Ger 432 33.4
Guils de Cerdanya 536 22.0
Isòvol 301 10.8
Lles de Cerdanya 260 102.8
Llívia 1,536 12.9
Meranges 94 37.3
Montellà i Martinet 623 55.0
Prats i Sansor 248 6.6
Prullans 209 21.2
Puigcerdà 8,761 18.9
Riu de Cerdanya 106 12.3
Urús 185 17.4
• Totale: 17 18,063 546.6

FranciaModifica

Vi sono 26 comuni:

AraldicaModifica

Lo stemma della Cerdagna è inquartato in decusse con i colori catalani nel capo e nella punta.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4216388-2 · BNF (FRcb11934385g (data)