Ceryle rudis

specie di uccello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Martin pescatore bianco e nero
Ceryle rudis (male).jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Coraciiformes
Famiglia Alcedinidae
Genere Ceryle
Specie C. rudis
Nomenclatura binomiale
Ceryle rudis
(Linnaeus, 1758)

Il martin pescatore bianco e nero (Ceryle rudis (Linnaeus, 1758)) è un uccello della famiglia Alcedinidae.[2]

DescrizioneModifica

Lungo 25 cm circa, è un uccello inconfondibile: il maschio è nero superiormente con le piume orlate e striate di bianco, particolarmente sulla coda e sulle ali. Il piumaggio inferiormente è bianco, con due bande pettorali color grigio argento. La femmina presenta una colorazione molto simile al maschio, ma ha solo una banda nera, interrotta nel mezzo. Becco e zampe sono neri, Gli individui giovani hanno una livrea più uniforme.

Distribuzione e habitatModifica

Vive nell'Africa subsahariana, in Medio Oriente e nel sud-est asiatico.

Predilige le zone vicine all'acqua (dolce, salata o salmastra).

BiologiaModifica

 
Uova di Ceryle rudis

RiproduzioneModifica

Scava un tunnel lungo una trentina di centimetri che finisce in una camera di deposizione: qui vengono deposte da 2 a 6 uova (generalmente 4) che sono incubate da entrambi i genitori. Il maschio nutre tutta la famiglia.

AlimentazioneModifica

Si nutre di pesci, rane e invertebrati acquatici. La cattura è rapida e precisa. Spesso non si riesce nemmeno a notare l'uccello che entra in acqua e ghermisce il pesce.
Il martin pescatore mangia soprattutto ciprinidi, pesci gatto, talvolta ciclidi. In Sudafrica, dove si spinge fino al mare, si nutre anche delle sardine che migrano in immensi branchi.

La specie nell'arteModifica

Francobollo del Lesotho

Al martin pescatore bianco e nero sono stati dedicati due francobolli, uno congolese ed uno del Lesotho.

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Ceryle rudis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Alcedinidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 6 maggio 2014.

Altri progettiModifica