Apri il menu principale
Cesare Dujany

Presidente della Valle d'Aosta
Durata mandato 1970 –
1974
Predecessore Mauro Bordon
Successore Mario Andrione

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII-IX
Gruppo
parlamentare
Misto
Circoscrizione Valle d'Aosta
Incarichi parlamentari
  • Presidente del Gruppo Misto (IX)
  • Componente:
    • V commissione - bilancio e partecipazioni statali (IX)
    • XII commissione - industria e commercio
    • commissione parlamentare per le questioni regionali (IX)
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X-XI-XII
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democratici Popolari
Pour la Vallée d'Aoste
Titolo di studio dottore in lettere
Professione insegnante

Cesare (César)[1] Dujany (Saint-Vincent, 20 febbraio 1920Châtillon, 31 marzo 2019) è stato un politico italiano, presidente della Valle d'Aosta dal 1970 al 1974. Fu militante del movimento autonomista valdostano Democratici Popolari e più volte deputato e senatore unico in rappresentanza della Valle.

BiografiaModifica

Dopo una fase ai vertici della Regione dell'Italia nordoccidentale, fu deputato dal 1979 passando al Senato nel 1987.

Nel 1985 fu il principale promotore, con Franco Bassanini, della legge quadro che - vedendo la luce quattro anni dopo - sancirà i principi fondamentali per la legislazione regionale in materia di ordinamento della professione della guida alpina, dell'accompagnatore di media montagna e della guida vulcanologica.

Tra il 1989 e il 1992 partecipò all'esperienza di Federalismo, la lista promossa da UV e dal Partito Sardo d'Azione che riunirà diversi movimenti federalisti, regionalisti ed autonomisti di tutta Italia.

Nel decimo e nell'undicesimo scrutinio dell'elezione del presidente della Repubblica del 1992 - che, al sedicesimo tentativo, porterà Oscar Luigi Scalfaro al Quirinale - ottenne dodici preferenze.

CuriositàModifica

  • La sua passione per la musica lo portò ad essere cofondatore del Corps philharmonique de Châtillon (banda municipale di Châtillon) e presidente della Fédération des harmonies valdôtaines (Federazione delle bande municipali valdostane).

NoteModifica

  1. ^ Il suo nome è ufficialmente espresso anche in francese in virtù del bilinguismo vigente in Valle d'Aosta. Cfr. 1 e 2.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63144648408240552573 · ISNI (EN0000 0004 5768 911X · LCCN (ENno2015132643 · GND (DE1082763810 · WorldCat Identities (ENno2015-132643