Cesare I Gonzaga

secondo conte di Guastalla
Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Cesare II Gonzaga.

Cesare I Gonzaga (1530Guastalla, 15 febbraio 1575) è stato un nobile italiano, secondo conte di Guastalla dal 1557 al 15 febbraio 1575.

Cesare I Gonzaga
Conte di Guastalla
Stemma
Stemma
In carica1557-1575
PredecessoreFerrante I Gonzaga
SuccessoreFerrante II Gonzaga
Altri titoliPrincipe di Molfetta
Duca di Ariano
Signore di Ottajano
Nascita1530
MorteGuastalla, 15 febbraio 1575
DinastiaGonzaga
PadreFerrante I Gonzaga
MadreIsabella di Capua
ConsorteCamilla Borromeo
FigliFerrante II, Margherita

Biografia modifica

Egli era membro della prestigiosa famiglia nobile dei Gonzaga, primogenito del condottiero imperiale Ferrante I Gonzaga e di Isabella di Capua. Da quest'ultima, egli ereditò anche il titolo personale di duca di Amalfi. Egli fu anche duca di Ariano e principe di Molfetta.

Il 21 maggio 1558 venne nominato comandante in capo delle truppe spagnole in Lombardia da Filippo II.

Il 12 marzo 1560 sposò Camilla Borromeo, sorella di San Carlo Borromeo e nipote di Giovanni Angelo de' Medici, che era stato da poco eletto papa con il nome di Pio IV.

Cesare Gonzaga fu anche un membro dell'Accademia delle Notti Vaticane, un circolo letterario pontificio che si riuniva nella Casina di Pio IV, per l'appunto in Vaticano.

Fu un uomo di cultura e, nella sua fastosa abitazione di Mantova, situata nel luogo ora occupato da piazza Dante e dal palazzo dell’Accademia Virgiliana, costantemente popolata di letterati e di artisti, raccolse marmi, bronzi, medaglie e dipinti.

 
Mantova, palazzo dell'Accademia.

Egli stesso fondò un'associazione letteraria, l'Accademia degli Invaghiti, con sede a Mantova. Nel 1567 vendette a Bernardetto de' Medici per 50 000 ducati il feudo di Ottaiano,[1] dando così origine alla linea dei Medici di Ottaiano. Tra il 1567 ed il 1568 mosse la propria corte da Mantova a Guastalla, dove rimase sino alla propria morte, avvalendosi di Francesco da Volterra come proprio architetto ed ingegnere.

Una delle sue famose amanti fu Diana di Cardona, che ruppe il fidanzamento andando in sposa a Vespasiano I Gonzaga[2].

Alla sua morte nel 1575 gli succedette il figlio Ferrante II che fu poi il primo Duca sovrano di Guastalla.

Discendenza modifica

Cesare e Camilla ebbero due figli:

Ebbe anche una figlia naturale:

  • Ippolita.

Ascendenza modifica

Contea di Guastalla
Gonzaga
 

Ferrante I
Cesare I
Figli
Ferrante II
Modifica
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico I Gonzaga Ludovico II Gonzaga  
 
Barbara di Brandeburgo  
Francesco II Gonzaga  
Margherita di Baviera Alberto III di Baviera  
 
Anna di Braunschweig-Grubenhagen  
Ferrante I Gonzaga  
Ercole I d'Este Niccolò III d'Este  
 
Ricciarda di Saluzzo  
Isabella d'Este  
Eleonora d'Aragona Ferdinando I di Napoli  
 
Isabella di Chiaromonte  
Cesare I Gonzaga  
Andrea I di Capua Francesco di Capua  
 
Elisabetta Conti  
Ferdinando I di Capua  
Maria d’Ayerbe d’Aragona Sancio d’Ayerbe d’Aragona  
 
Bianca Sanz  
Isabella di Capua  
Giovan Francesco del Balzo Raimondo del Balzo  
 
Antonia de Corretis  
Antonicca del Balzo  
Margherita del Balzo Angilberto del Balzo  
 
Maria Conquesta Orsini del Balzo  
 

Note modifica

  1. ^ Pompeo Litta Biumi, Famiglie celebri d'Italia. Medici di Firenze, Torino, 1827.
  2. ^ Sabbioneta, città ideale., su iatsabbioneta.org. URL consultato l'11 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2015).

Bibliografia modifica

  • Losito, Maria (2005) in Pontificia Accademia delle Scienze: La Casina Pio IV in Vaticano, Casina Pio IV, 00120 Città del Vaticano: Pontificia Accademia delle Scienze, pagine 300.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Giulio Ferrario, 1835, SBN IT\ICCU\LO1\1405418.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5734518 · ISNI (EN0000 0000 3012 5024 · CERL cnp00548304 · LCCN (ENn92084270 · GND (DE119141469 · BNE (ESXX5126601 (data) · J9U (ENHE987007604717305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n92084270