Apri il menu principale
Cesare Pagani
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Alla luce del tuo volto
 
Incarichi ricoperti
 
Nato10 maggio 1921 a Dergano
Ordinato presbitero3 giugno 1944 dal cardinale Alfredo Ildefonso Schuster, O.S.B.
Nominato vescovo22 gennaio 1972 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo13 febbraio 1972 da papa Paolo VI
Elevato arcivescovo21 novembre 1981 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto12 marzo 1988 (66 anni) a Perugia
 

Cesare Pagani (Dergano, 10 maggio 1921Perugia, 12 marzo 1988) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nasce a Dergano, allora frazione di Affori, in provincia ed arcidiocesi di Milano, il 10 maggio 1921 da Carlo e Adele Novati[1].

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Il 18 settembre 1932 inizia gli studi ginnasiali nel seminario di san Pietro martire a Seveso.

Il 3 giugno 1944 è ordinato presbitero, nella cattedrale di Milano, dal cardinale Alfredo Ildefonso Schuster.

Dopo l'ordinazione è vicerettore del collegio «Rotondi» di Gorla Minore. Nell'ottobre 1944 è nominato coadiutore della parrocchia di Santa Maria di Caravaggio a Milano. L'11 giugno 1949 diventa assistente delle ACLI, mentre nel novembre 1958 assistente della gioventù femminile di Azione Cattolica. Il 10 agosto 1961 il cardinale Giovanni Battista Montini gli affida il compito di creare l'ufficio di pastorale sociale dell'arcidiocesi di Milano[1].

Nel 1964 papa Paolo VI lo chiama a Roma, nominandolo assistente nazionale delle ACLI.

Ministero episcopaleModifica

Il 22 gennaio 1972 papa Paolo VI lo nomina vescovo delle diocesi unite in persona episcopi di Città di Castello e di Gubbio; succede all'amministratore apostolico Diego Parodi. Il 13 febbraio seguente riceve l'ordinazione episcopale, nella basilica di San Pietro in Vaticano, per imposizione delle mani dello stesso pontefice, coconsacranti i cardinali Bernard Jan Alfrink e William John Conway. Il 19 marzo successivo prende possesso della diocesi di Città di Castello.

Dal 26 maggio 1976 alla morte ricopre l'incarico di presidente della Conferenza episcopale umbra[2].

Il 21 novembre 1981 papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo metropolita di Perugia e vescovo di Città della Pieve; succede all'arcivescovo Ferdinando Lambruschini, deceduto il 25 luglio precedente.

Il 30 settembre 1986, dopo l'unione delle due sedi, diventa arcivescovo metropolita di Perugia-Città della Pieve. Il 26 ottobre seguente accoglie papa Giovanni Paolo II in visita pastorale.

Il 12 marzo 1988 muore d'infarto a Perugia; viene sepolto nella cripta dei vescovi nella cattedrale di San Lorenzo[2].

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Chi siamo. Fondazione ACLI Mons. Pagani, su aclisaronno.it, Saronno. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  2. ^ a b Perugia: La Chiesa diocesana ricorda nel trentesimo anniversario della morte l'arcivescovo Cesare Pagani, su diocesi.perugia.it. URL consultato il 25 gennaio 2019.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) David Cheney, Cesare Pagani, su Catholic-Hierarchy.org. URL consultato il 25 gennaio 2019.