Chariton Prokof'evič Laptev

esploratore russo

Chariton Prokof'evič Laptev, in russo: Харитон Прокофьевич Лаптев? (170021 dicembre 1763), è stato un esploratore russo dell'Artico.

BiografiaModifica

 
Mappa della penisola del Tajmyr fatta da Chariton Laptev nel 1742.

Laptev nacque da una famiglia della piccola nobiltà nel villaggio di Pokarevo (vicino a Velikie Luki), nel Velikolukskij uezd, della gubernija di Pskov[1]. un anno prima di suo cugino Dmitrij Jakovlevič Laptev (1701–1771) nato nel vicino villaggio di Bolotovo[1]. Insieme avrebbero intrapreso la carriera navale e l'esplorazione artica. Il mare di Laptev sarebbe stato poi così chiamato in loro onore. Chariton aveva iniziato la sua carriera nella Marina Militare russa come cadetto nel 1718. Nel 1730 era già a capo di una nave militare, e nel 1734 aveva partecipato all'assedio di Danzica.

Nel 1739-1742, Chariton Laptev aveva guidato uno dei gruppi della Seconda spedizione in Kamčatka[2] di Vitus Bering. Laptev aveva descritto la penisola del Tajmyr dalla foce del fiume Khatanga a quella del fiume Pjasina e aveva scoperto alcune delle isole di quell'area. Dopo la spedizione, ha partecipato alla creazione della Mappa generale della costa della Siberia e della Kamčatka, e ha continuato il suo servizio militare nella flotta del Baltico.

Luoghi dedicatiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (RU) БРАТЬЯ ЛАПТЕВЫ
  2. ^ Detta anche "Grande spedizione del Nord" (in russo: Великая Северная экспедиция).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN53048827 · ISNI (EN0000 0000 2329 0689 · LCCN (ENn82223614 · GND (DE1055688390 · CERL cnp02003465 · WorldCat Identities (ENlccn-n82223614
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie