Charles Cathcart, IX Lord Cathcart

generale e diplomatico scozzese
Charles Cathcart
Joshua Reynolds. Lord Cathcart (1753-5), Manchester Art Gallery.jpg
Ritratto di Charles Cathcart, di Joshua Reynolds (1753-1755), Manchester Art Gallery.

Ambasciatore di Gran Bretagna in Russia
Durata mandato 1768 –
1772
Monarca Giorgio III
Predecessore George Macartney, I conte Macartney
Successore Robert Gunning

Charles Schaw Cathcart, IX Lord Cathcart (Edimburgo, 21 marzo 1721Londra, 14 agosto 1776) è stato un generale e diplomatico scozzese.

BiografiaModifica

Era il figlio di Charles Cathcart, VIII Lord Cathcart, e di sua moglie, Marion Shaw.

CarrieraModifica

Oppositore alla restaurazione della monarchia Stuart, è diventato un aiutante di campo del duca di Cumberland e durante la battaglia di Fontenoy, venne colpito in faccia. Nel ritratto di Joshua Reynolds, Cathcart venne ritratto con la patch di seta nera che ha usato per coprire la cicatrice sulla guancia. Questo gli ha valso il soprannome di 'Patch Cathcart'. L'anno successivo nella battaglia di Culloden, ancora una volta in qualità di aiutante di campo del duca di Cumberland, Cathcart è stato ancora una volta ferito in battaglia.

Nel 1760 raggiunse il grado di tenente generale[1].

Nel febbraio 1768 è stato nominato Ambasciatore a San Pietroburgo ed è stato ben accolto da Caterina la Grande. Ha servito alla corte russa fino al 1772. Al suo ritorno in Gran Bretagna è stato eletto Rettore dell'Università di Glasgow nel 1773.

MatrimonioModifica

Sposò, il 24 luglio 1753 a Greenwich, Jane Hamilton, figlia di capitano Archibald Hamilton. Ebbero sette figli:

MorteModifica

Morì il 14 agosto 1776.

OnorificenzeModifica

Onorificenze britannicheModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Cardo
— 1763

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su cracroftspeerage.co.uk. URL consultato il 2 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2019).
  2. ^ The Honourable Mrs Graham (1757 - 1792), su nationalgalleries.org, National Galleries Scotland.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13752543 · ISNI (EN0000 0000 2822 5683 · LCCN (ENn85198913 · WorldCat Identities (ENlccn-n85198913