Apri il menu principale

Charles Cavendish, III barone Chesham

Charles Cavendish, III barone Chesham
Lord Chesham Vanity Fair 1900-03-15.jpg
Lord Chesham, caricatura di Spy, Vanity Fair, marzo 1900.
Barone Chesham
In carica 1882 –
1907
Predecessore William Cavendish, II barone Chesham
Successore John Cavendish, IV barone Chesham
Nome completo Charles Compton William Cavendish
Nascita Burlington House, Londra, 13 dicembre 1850
Morte Daventry, Northamptonshire, 9 novembre 1907
Dinastia Casa di Cavendish
Padre William Cavendish, II barone Chesham
Madre Henrietta Lascelles
Consorte Lady Beatrice Grosvenor

Charles Compton William Cavendish, III barone Chesham (Londra, 13 dicembre 1850Daventry, 9 novembre 1907) è stato un generale inglese.

BiografiaModifica

Chesham era il figlio maggiore di William Cavendish, II barone Chesham, e sua moglie Henrietta Frances Lascelles, figlia di William Lascelles. Frequentò l'Eton College[1].

CarrieraModifica

Carriera politicaModifica

Lord Chesham prese posto nella Camera dei lord alla morte del padre nel 1882[1]. Nel novembre del 1900 fu nominato Master of the Buckhounds sotto Lord Salisbury. Tuttavia, poiché Chesham stava servendo in Sud Africa, Lord Churchill fu nominato per fungere da Master of the Buckhounds in sua assenza[2]. Chesham rimase Master of the Buckhounds fino a quando l'ufficio fu abolito l'anno successivo. Fu ammesso al Privy Council nel luglio 1901[3], e servì anche come Lord of the Bedchamber del Principe di Galles (in seguito Giorgio V) (1901-1907)[4].

Carriera militareModifica

Entrò nella Coldstream Guards nel 1870. Tre anni dopo, entrò a far parte del 10th Royal Hussars come capitano e nel 1878 si unì al 16th The Queen's Lancers[1]. Chesham fu tenente colonnello del Royal Buckinghamshire Yeomanry dal 1889. Nel gennaio 1900 fu nominato al comando del decimo battaglione della Imperial Yeomanry (che comprendeva compagnie del Buckinghamshire, Berkshire e Oxfordshire), che prestava servizio nel Seconda guerra boera[5], e ha ricevuto il grado temporaneo di colonnello nell'esercito[6]. Lasciò Southampton a bordo della SS Norman all'inizio del febbraio 1900, e arrivò in Sud Africa il mese seguente.

Più tardi in quell'anno, fu promosso a generale di brigata. Dal 1901 fu ispettore generale dell'Imperial Yeomanry in Sud Africa, con il rango di maggiore generale. Rinunciò alla sua commissione e ricevette il grado onorario di maggiore generale nell'esercito il 22 gennaio 1902[7], lasciando il Sud Africa il mese seguente dal piroscafo RMS Kinfauns Castle. Dopo il suo ritorno nel Regno Unito, alla fine di aprile del 1902, venne nominato ispettore generale dell'Imperial Yeomanry con il grado provvisorio di generale generale, mentre era in servizio[8].

Lord Chesham fu nominato Colonnello Onorario del Buckinghamshire Imperial Yeomanry (Royal Bucks Hussars) il 19 marzo 1902[9].

 
Lady Beatrice Grosvenor, baronessa Chesham, 8 agosto 1902

MatrimonioModifica

Sposò, il 13 novembre 1877 a Ecclestone, Cheshire, Lady Beatrice Grosvenor (14 novembre 1858-12 gennaio 1911), figlia di Hugh Grosvenor, I duca di Westminster. Ebbero quattro figli[10]:

  • Charles William Hugh Cavendish (13 settembre 1878-11 giugno 1900);
  • Lilah Constance Cavendish (20 marzo 1884-27 aprile 1944), sposò Sir Mervyn Manningham-Buller, ebbero cinque figli;
  • Marjorie Beatrice Cavendish (18 settembre 1888-2 luglio 1897);
  • John Cavendish, IV barone Chesham (13 giugno 1894-26 aprile 1952).

MorteModifica

Lord Chesham morì il 9 novembre 1907 dopo un incidente di caccia alla volpe vicino a Daventry. Gli successe alla baronia suo figlio John[1]. Dopo la sua morte, nel 1910, Lady Chesham si risposò con il maggiore John Alexander Moncreiffe, figlio di Sir Thomas Moncreiffe[10].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Obituary: Lord Chesham, in The Times, The Times Digital Archive, 11 novembre 1907, p. 10.
  2. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27243, 2 November 1900.
  3. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27338, 26 July 1901.
  4. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27378, 19 November 1901.
  5. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27155, 19 January 1900.
  6. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27156, 23 January 1900.
  7. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27427, 22 April 1902.
  8. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27428, 25 April 1902.
  9. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27417, 18 March 1902.
  10. ^ a b Mosley, Charles (a cura di), Burke's Peerage, Baronetage & Knighthood, 107ª ed., Burke's Peerage & Gentry, 2003, pp. 761-763, ISBN 0-9711966-2-1.
  11. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 27306, 19 April 1901.