Apri il menu principale

Charles LeMaire

costumista statunitense
(Reindirizzamento da Charles Le Maire)

BiografiaModifica

Cominciò la sua carriera nel vaudeville. Debuttò nel 1918 a Broadway come arredatore. Dal 1919 al 1939, si dedicò ai costumi, principalmente per commedie o riviste musicali. Lavorò a più riprese, dal 1922 in poi, per le Ziegfeld Follies. Nel 1925 fece il suo primo lavoro per il cinema, nel film The Heart of a Siren di Phil Rosen, dove disegnò i costumi anche per la diva Barbara La Marr.

Dopo un periodo di assenza dal cinema, vi ritornò negli anni trenta, lavorando regolarmente per la Fox, dove sovente collaborava con Travilla, Edward Stevenson e René Hubert. Firmò più di trecento film, come costumista o guardaroba, spaziando nei generi: dal peplum alla commedia, dalla guerra al dramma, dal western al poliziesco. Lavorò anche in televisione. LeMaire si specializzò nei film girati da Betty Grable. Anche Marilyn Monroe indossò in molti dei suoi film abiti di LeMaire. Quando, nel 1959, il designer lasciò lo studio, tornò a lavorare come free lance[1].

RiconoscimentiModifica

Nominato numerose volte agli Oscar, vinse l'ambita statuetta tre volte: nel 1951 insieme a Edith Head per il film Eva contro Eva; nel 1954, insieme a Emile Santiago per La tunica; nel 1956 per L'amore è una cosa meravigliosa.

Spettacoli teatrali (parziale)Modifica

  • Atta Boy, regia di Edward H. Griffith (1926)
  • Elsie Janis and Her Gang
  • Tickle Me
  • Broadway Brevities of 1920
  • Elsie Janis and Her Gang (1922)
  • The Rose of Stamboul di Leo Fall e Sigmund Romberg (Broadway, 7 marzo 1922)
  • Ziegfeld Follies of 1922 (Broadway, 5 giugno 1922 - 23 giugno 1923)
  • Daffy Dill
  • Little Nellie Kelly
  • Wildflower
  • Ziegfeld Follies of 1923 (Summer Edition)
  • Poppy
  • Sharlee
  • Mary Jane McKane
  • Vogues of 1924
  • Sitting Pretty
  • Peg-O'-My-Dreams
  • Ziegfeld Follies of 1924
  • Marjorie
  • The Passing Show of 1924
  • The Grab Bag
  • The Magnolia Lady
  • Tell Me More
  • Earl Carroll's Vanities (1925)
  • Merry, Merry
  • The Cocoanuts (Broadway, 8 dicembre 1925)
  • Sweetheart Time
  • Twinkle, Twinkle
  • Betsy
  • Rufus LeMaire's Affairs
  • The Cocoanuts (revival) (Broadway, 16 maggio 1927)
  • Africana [1927]
  • My Princess
  • The Five O'Clock Girl
  • The Love Call
  • Take the Air
  • Lovely Lady
  • Rain or Shine
  • George White's Scandals (1928)
  • The New Moon
  • Three Cheers
  • Hello Yourself!!!!
  • Rainbow
  • Hello, Daddy
  • Fioretta
  • Ziegfeld Midnight Frolic (1929)
  • Sweet Adeline
  • George White's Scandals (1929)
  • Sons O' Guns
  • Strike Up the Band
  • Ripples
  • Flying High
  • Earl Carroll's Vanities (1930)
  • Luana
  • Fine and Dandy
  • Princess Charming
  • The New Yorkers (Broadway, 8 dicembre 1930)
  • Ballyhoo of 1930
  • America's Sweetheart
  • Shoot the Works
  • Earl Carroll's Vanities (1931)
  • George White's Scandals (1931)
  • East Wind
  • Of Thee I Sing
  • Hot-Cha!
  • George White's Music Hall Varieties (1932)
  • Take a Chance
  • George White's Music Hall Varieties (1932)
  • Melody
  • Strike Me Pink
  • Of Thee I Sing
  • Ziegfeld Follies of 1934 (Broadway, 4 gennaio 1934)
  • Say When
  • George White's Scandals (1936)
  • You Never Know
  • George White's Scandals (1939)

Filmografia (parziale)Modifica

1925/1941Modifica

1946Modifica

1947Modifica

1948Modifica

1949Modifica

1950Modifica

1951Modifica

1952Modifica

1953Modifica

1954Modifica

1955Modifica

1956Modifica

1957Modifica

1958Modifica

1959Modifica

Anni sessantaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Biografia su Hollywood Costume - Glamour! Glitter! Romance!, Pag. 302

BibliografiaModifica

  • (EN) David Chierichetti, Hollywood Costume Design, Cassell & Collier Macmillan Publishers Ltd, London 1976 ISBN 0-289-707-307
  • (EN) Elizabeth Leese, Costume Design in the Movies BCW Publishing Limited, 1976 ISBN 0-904159-32-9
  • (EN) Dale McConathy con Diana Vreeland Hollywood Costume - Glamour! Glitter! Romance!, Harry N. Abrams, Inc., Publishers, New York 1976
 
Tre costumi di LaMaire per Come sposare un milionario

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95876553 · ISNI (EN0000 0001 1078 5890 · LCCN (ENno89005099 · GND (DE1061255239 · ULAN (EN500031636 · WorldCat Identities (ENno89-005099