Charles Seltman

archeologo, numismatico e storico inglese
(Reindirizzamento da Charles T. Seltman)

Charles Theodore Seltman, PhD, (Paddington, 4 agosto 1886Cambridge, 28 giugno 1957), è stato uno storico, numismatico, archeologo e scrittore britannico.

BiografiaModifica

Seltman era figlio di Ernest John Seltman e di Barbara Smith Watson da Edimburgo. Studiò alla Berkhamsted School e durante la prima guerra mondiale fece parte del Suffolk Regiment in Francia. Sposò Isabel May Griffiths Dane, nipote di Sir Louis Dane, nel 1917 e nel 1918 fu ammesso alla Cambridge University dove si specializzò in archeologia.

È noto per la sua teoria che società autoritarie producono arte astratta mentre società libere producono arte realistica[1].

È stato fellow del Queens' College, Cambridge e un University Lecturer in studi classici; ebbe il titolo onorario di Doctor of Literature (Litt.D.).

Nel 1945 gli fu conferita la medaglia della Royal Numismatic Society[2] e nel 1944 la Archer M. Huntington Medal.

Morto alla fine di giugno del 1957, fu cremato al Cambridge Crematorium (Cambridgeshire) il 1º luglio 1957.

OpereModifica

  • The Temple Coins of Olympia, Greece, 1921
  • Eros: In Early Attic Legend & Art, 1923
  • Athens, Its History & Coinage before the Persian Invasion, 1924
  • Attic Vase Painting Martin Classical Lectures, Volume III, 1933
  • Masterpieces of Greek Coinage, 1946
  • Greek Art, 1947, with Chittenden, Jacqueline
  • Approach to Greek Art, 1948
  • A Pictorial History of the Queens' College, Cambridge 1448–1948, with Browne, A.D, 1948
  • A Book of Greek Coins, 1952
  • The Twelve Olympians, Gods and Goddesses of Greece, 1952
  • Greek Coins, 1955
  • Women in Antiquity, 1956
  • Wine in the Ancient World, 1957
  • Riot in Ephesus; Writings on the Heritage of Greece, 1958

NoteModifica

  1. ^ Seltman, Charles, su Dictionary of Art Historians.
  2. ^ Sito ufficiale Archiviato il 27 settembre 2013 in Internet Archive. della Royal Numismatic Society.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2598262 · ISNI (EN0000 0001 1020 0872 · LCCN (ENn82222989 · GND (DE128514124 · BNF (FRcb12763808k (data) · BAV (EN495/157037 · NDL (ENJA00456073 · WorldCat Identities (ENlccn-n82222989