Apri il menu principale

Charlie - Anche i cani vanno in paradiso

film d'animazione del 1989 diretto da Don Bluth
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie animata, vedi Anche i cani vanno in paradiso.
Charlie - Anche i cani vanno in paradiso
Titolo originaleAll Dogs Go to Heaven
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Irlanda, Regno Unito
Anno1989
Durata90 min
Genereanimazione, commedia, drammatico, avventura, musicale, sentimentale
RegiaDon Bluth
SoggettoDon Bluth, Ken Cromar, Gary Goldman, Larry Leker, Linda Miller, Monica Parker, John Pomeroy, Guy Shulman, David Steinberg, David N. Weiss
SceneggiaturaDavid N. Weiss
ProduttoreDon Bluth, Gary Goldman, John Pomeroy
Produttore esecutivoEric Goldberg, Andreas Deja
Casa di produzioneSullivan Bluth Studios Ireland LTD Goldcest Films
MontaggioJohn K. Carr, Lisa Dorney
MusicheRalph Burns
ScenografiaDon Bluth, Larry Leker
Art directorDon Bluth, T. Daniel Hofstedt, Dan Kuenster, Larry Leker
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Charlie - Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven) è un film di animazione del 1989 diretto da Don Bluth.

TramaModifica

A New Orleans nel 1939, il furfante Charlie, pastore tedesco e "cane da strada", fugge dal canile municipale con l'aiuto del suo migliore amico, il bassotto Itchy, e si precipita nella bisca, che gestiva insieme al socio Carface in una nave arenata, per avere da questi la sua parte di utili. Il socio si è infatti misteriosamente arricchito durante la prigionia di Charlie, ma non vuole affatto dividere con lui. Carface lo fa quindi ubriacare e poi uccidere da Killer, il suo braccio destro, investendolo con un’automobile.

Charlie si trova nell'aldilà, nel Paradiso dei cani, dove lo accoglie una deliziosa levriera rosa di nome Annabelle, la quale gli spiega dove si trova e gli dice che tutti cani vanno in Paradiso perché “a differenza degli esseri umani, sono buoni, leali e gentili”. Mostra anche a Charlie un orologio che rappresenta la sua vita e che si è appunto fermato con la sua morte. Charlie non accetta l’idea di essere morto, così con un inganno riesce a impossessarsi dell’orologio e a ricaricarlo. Mentre torna sulla Terra però, si ode la voce di Annabelle gridare che per via di quel gesto non potrà più tornare in Paradiso.

Charlie, di nuovo vivo, si riunisce con Itchy e progetta la sua vendetta contro Carface. Scopre come il suo ex socio trucca le corse dei topi: tiene prigioniera una bambina orfana, Anne-Marie, capace di parlare con tutti gli animali, e perciò di sapere in anticipo chi avrà la maggior possibilità di vittoria. Charlie la libera, promettendo di trovarle dei genitori e di usare il suo talento per dare denaro ai poveri, ma in realtà, vuole sfruttare la bambina, proprio come faceva Carface. Charlie ruba il portafoglio a una giovane coppia alle corse dei cavalli e con l'aiuto di Anne-Marie, riesce a mettere a segno una grossa vincita. Presto, vincendo moltissimo denaro, diventa padrone di un favoloso locale notturno.

Capendo di essere stata usata, Anne-Marie minaccia di andarsene. Charlie allora decide di aiutare davvero i poveri e porta della pizza a un branco di poveri cuccioli, insegnando anche loro a condividere. Anne-Marie però trova il portafoglio che Charlie aveva rubato e lo lascia, indignata. Quella notte Charlie ha un incubo premonitore in cui il suo orologio si ferma e lui, non potendo tornare in Paradiso, finisce all’inferno. Il mattino dopo, scopre che la bambina è andata a restituire il portafoglio a Harold e Kate. La coppia si comporta gentilmente con Anne-Marie e, scoprendo che lei è orfana, progettano di adottarla. Charlie però, la convince a tornare con lui. Mentre camminano, Carface e Killer tendono un’imboscata a Charlie e gli sparano, ma lui sopravvive grazie al suo orologio che, finché funziona, lo rende immortale. Charlie e Anne-Marie finiscono poi nelle fogne, dove vengono catturati dai servi dell’alligatore King Gator. Questi, dopo aver sentito uno strillo di Charlie, si dissuade dal mangiarlo. Canta una canzone insieme a lui e alla fine li lascia andare. Anne-Marie però si ammala di polmonite. Mentre Charlie è impegnato a starle vicino, Itchy viene aggredito dagli scagnozzi di Carface, che bruciano anche il locale. Itchy suggerisce a Charlie di fuggire, ma questi si è ormai affezionato a Anne-Marie e rifiuta. Per orgoglio però, afferma che la sta solo usando. Anne-Marie lo sente e scappa, venendo di nuovo catturata da Carface.

Mentre Itchy va ad avvertire Harold e Kate e i cani del vicinato, Charlie raggiunge il covo di Carface, dove la bambina è richiusa in una gabbia. Carface però gli ha teso una trappola e lo cattura, legandolo a un’ancora per farlo sprofondare in acqua. Charlie lancia uno strillo, facendo accorrere King Gator. L’alligatore libera Charlie e Anne-Marie, ma durante lo scontro il covo prende fuoco e Anne-Marie si trova priva di sensi su una cassa galleggiante. Carface prova ancora ad attaccare Charlie, ma finisce in acqua e viene divorato da King Gator. Subito dopo però Charlie è costretto a scegliere se salvare Anne-Marie o il suo orologio, che stanno entrambi sprofondando sott’acqua. Sceglie di salvare la bambina, spingendola fuori dal covo in fiamme, mentre il suo orologio si ferma, lasciando presagire la sua sorte. Anne-Marie viene poi condotta a riva da Killer, dove la attendono Itchy con i soccorsi. Mentre Anne-Marie dorme a casa di Harold e Kate, Charlie ritorna come un fantasma per vederla un’ultima volta e scusarsi per quello che ha fatto, prima di scendere all’inferno. Improvvisamente però, arriva Annabelle, la quale comunica a Charlie che avendo dato la sua vita per salvare Anne-Marie, può tornare in Paradiso. Charlie la sveglia, la saluta e le fa promettere di aver cura di Itchy, poi fa finalmente ritorno in Paradiso.

Durante i titoli di coda, viene mostrato Carface, finito anche lui in Paradiso, che cerca di tornare sulla Terra ricaricando l’orologio della sua vita. La levriera lo insegue dicendogli che non tornerà più indietro, ma Charlie afferma che comunque Carface tornerà.

PersonaggiModifica

  • Charlie: il cane da pastore tedesco protagonista del film. Inizialmente avido, egoista, subdolo e impulsivo, ma anche con un grande amore per la vita, tanto da rinunciare al suo posto in Paradiso pur di tornare vivo sulla Terra. Nel corso del film, grazie all'incontro con Anne-Marie, migliorerà il suo carattere diventando più buono, altruista e leale, al punto da dare la propria vita per salvarla.
  • Itchy: un bassotto, migliore amico di Charlie. Apparentemente poco intelligente, pasticcione e pauroso, si dimostrerà invece un buon amico e un compagno coraggioso e intraprendente.
  • Anne-Marie: una bambina orfana molto dolce, sensibile e altruista, con il potere di parlare con gli animali. Sogna di trovare una buona famiglia che la adotti.
  • Annabelle: una levriera rosa a guardia del Paradiso dei cani. Si occupa di accogliere i cani che vi arrivano. Il suo nome verrà rivelato solo nel sequel.
  • Carface: il principale antagonista del film, ex socio di Charlie. È un bulldog grigio perfido, crudele, avido e senza cuore, che non esita a ricorrere a qualunque mezzo, anche uccidere, pur di ottenere ciò che vuole.
  • Killer: l'antagonista secondario del film, e il braccio destro di Carface. Nonostante il nome, è un cane codardo e anche piuttosto incapace. Alla fine del film porta in salvo Anne-Marie.
  • King Gator: un alligatore che vive nelle fogne, e ha al suo servizio una colonia di topi. È un appassionato di canto e di musica. Rinuncia a mangiare Charlie dopo aver sentito la sua voce e diventerà un suo alleato.
  • Harold e Kate: una giovane coppia sposata che alla fine adotterà Anne-Marie.

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito nei cinema americani dal 17 novembre 1989, in quelli italiani dal 7 agosto 1991.

Edizioni Home videoModifica

In Italia, il film è stato distribuito in VHS dalla Titanus Distribuzione Video in ottobre 1992.

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Prodotto nel 1988, il film è arrivato nei cinema statunitensi il 17 Novembre 1989 ed è approdato in quelli italiani 7 Agosto del 1991. Per la realizzazione di questo lungometraggio animato furono stanziati circa $13.800.000: un investimento ragguardevole, che fu pienamente ripagato in quanto il film incassò, soltanto nei cinema statunitensi, oltre $27.100.000.

CriticaModifica

Il film ricevette critiche miste, mantenendo il 55% di recensioni positive su Rotten Tomatoes basato su 11 recensioni, e una valutazione di 50 su 100 su Metacritic.

Più positiva l'accoglienza del pubblico: 3,6/5 su Comingsoon.it in base a 7 recensioni, 3,8/5 su MyMovies.it con 13 recensioni.

RiconoscimentiModifica

1990 - Young Artist Awards

  • Candidatura per il miglior film per famiglie - d'avventura o animazione

SequelModifica

Il film, da cui è stata tratta la serie Anche i cani vanno in paradiso, ha avuto due seguiti: Le nuove avventure di Charlie (All Dogs Go to Heaven 2) e Anche i cani vanno in paradiso - Un racconto di Natale (An All Dogs Christmas Carol), dove il doppiaggio è diverso. Don Bluth e il suo studio però non hanno avuto niente a che fare con nessuno di essi ma lo stile del disegno è abbastanza fedele.

La tragedia di Judith BarsiModifica

Nella notte del 25 luglio 1988 la giovane attrice Judith Barsi, che a soli dieci anni di età nel film diede la voce al personaggio di Anne-Marie, venne uccisa a colpi di pistola da suo padre József, un uomo con seri problemi psicologici e di alcolismo, assieme alla madre Maria. Da anni, sia lei che sua madre erano vittime di abusi fisici e psicologici da parte dell'uomo, che subito dopo l'omicidio diede fuoco ai corpi della moglie e della figlia e, successivamente, si suicidò sparandosi alla testa.

I produttori del film resero omaggio a Judith nella pellicola con la canzone finale "Love Survives", cantata da Irene Cara e Freddie Jackson. Don Bluth, regista del film, la descrisse come "assolutamente sorprendente".

CuriositàModifica

  • Per la parte di Charlie, Don Bluth aveva in mente Burt Reynolds fin dal principio, infatti il personaggio è stato pensato per somigliare all'attore e nello svilupparlo gli hanno dato alcune delle sue caratteristiche e del suo linguaggio corporeo. Reynolds accettò di buon grado perché gli piaceva lo script e perché entusiasta di lavorare al fianco del suo vecchio amico Dom DeLuise con il quale aveva recitato in molte commedie. Molte battute di Charlie e Itchy sono state improvvisate dal duo.
  • Per animare Charlie, Don Bluth e il suo staff hanno usato come modello un pastore tedesco adottato dalla troupe e chiamato appunto Burt in riferimento allo stesso Reynolds.
  • Sia Reynolds e DeLuise che Trayback e Reilly (doppiatori di Charlie e Itchy e di Carface e Killer) hanno doppiato i loro personaggi insieme.
  • Loni Anderson, che doppia la cagnolina Flo, all'epoca del film era sposata con Burt Reynolds e il suo sogno da bambina era proprio di partecipare a un film d'animazione.
  • Nella versione originale, Charlie, dopo aver scoperto di essere morto doveva inizialmente dire la frase "Damned Carface, I'll kill him!". La parola damn fu tuttavia rimossa dall'audio (ma è possibile udirla nella soundtrack ufficiale del film e Charlie muove comunque la bocca come se lo stesso dicendo) perché considerata una parolaccia nel vocabolario inglese. In italiano la frase è stata lasciata intera perché "maledetto" (la traduzione di damned) non è considerata una parolaccia nella nostra lingua.
  • Carface, in origine, doveva chiamarsi Scarface, in riferimento al famoso film di Al Pacino, ma il suo nome fu alterato per evitare conseguenze legali.
  • Nel libro del paradiso di Annabelle alla voce Charlie si può leggere che i nomi dei suoi genitori sono Burt e Loni, in riferimento al suo doppiatore Burt Reynolds e a Loni Anderson, allora moglie di questi.
  • In origine, la scena in cui Charlie sogna di andare all'Inferno doveva essere ancora più terrificante: oltre a quello che si vede nel film, il mostro traghettatore delle anime doveva mostrarsi in un'inquadratura ravvicinata e il diavolo canino si avvicinava a Charlie ghignando e dicendo "Ora sei mio!" prima di sputare fiamme. Le scene furono in seguito rimosse perché giudicate troppo spaventose. Don Bluth possiede la versione senza tagli ma ad oggi la Metro Goldwyn Meyer (casa di distribuzione del film) non ha ancora autorizzato l'uscita di una director's cut.
  • Nella medesima scena, nella versione italiana del film sono stati rimossi i lamenti di dolore di Charlie e la voce del diavolo che, prima della fine dell'incubo gli ripete: "Non puoi più tornare indietro", proprio come Annabelle.
  • Un altro elemento tagliato, sempre perché giudicato troppo estremo, riguarda la prima morte di Charlie: in origine la sagoma del suo corpo era vista volare via una volta colpita dalla macchina ma nel montaggio finale si vede solo la macchina che sprofonda in mare.

Collegamenti esterniModifica