Charlotte Bilbault

calciatrice francese

Charlotte Bilbault (Saint-Doulchard, 5 giugno 1990) è una calciatrice francese, centrocampista del Montpellier e della nazionale francese.

Charlotte Bilbault
NazionalitàBandiera della Francia Francia
Altezza169 cm
Calcio
RuoloCentrocampista
SquadraMontpellier
Carriera
Giovanili
1996-2004Bandiera non conosciuta Vignoux-sur-Barangeon
2004-2005Bandiera non conosciuta Eglantine Vierzon
2004-2006Bandiera non conosciuta Saint-Christophe Châteauroux
Squadre di club1
2006-2007CNFE Clairefontaine16 (0)
2007-2009Soyaux37 (4)
2009-2010Nord Allier Yzeure19 (1)
2010-2014Montpellier64 (5)
2014-2015Soyaux14 (0)
2015-2017FCF Juvisy38 (1)
2017-2019Paris FC31 (0)
2019-2022Bordeaux49 (0)
2022-Montpellier30 (2)
Nazionale
2005-2006Bandiera della Francia Francia U-1712 (0)
2007-2009Bandiera della Francia Francia U-1922 (0)
2008-2010Bandiera della Francia Francia U-2011 (0)
2015-2018Bandiera della Francia Francia B15 (1)
2015-Bandiera della Francia Francia56 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 gennaio 2024

Carriera

modifica

Nazionale

modifica

Bilbault inizia ad essere convocata dalla federazione calcistica della Francia (FFF) dal 2005, inizialmente per indossare la maglia della formazione Under-17, giocando fino al 2006 12 incontri tra Nordic Cup e amichevoli.[1]

Del 2007 è il suo passaggio alla Under-19 con la quale, dopo la partecipazione al Torneo di La Manga e un'altra amichevole, debutta in un torneo ufficiale UEFA in occasione della fase finale dell'Europeo di Islanda 2007. In quell'occasione il CT Stéphane Pilard la impiega in tutti i quattro incontri disputati dalla Francia fino alle semifinali, quando viene eliminata dalla Germania, nazionale che poi si laurea Campione d'Europa di categoria per la quinta volta.[1]

Il torneo è inoltre utilizzato come qualificazione al Mondiale di Cile 2008 riservato alle formazioni Under-20, per cui Pilard ha l'incarico di selezionare anche la rosa della nazionale francese Under-20, con Bilbault presente nella lista delle convocate per il torneo. Scende in campo in tutti i cinque incontri disputati dalla sua nazionale, i tre del gruppo B nella fase a gironi superata con due vittorie e una sconfitta, i quarti di finale dove la Francia supera per 3-2 le pari età della Nigeria, e la semifinale persa per 2-1 con la Corea del Nord con conseguente eliminazione dal Mondiale.[1]

Bilbault indossa nuovamente la maglia dell'Under-19 nelle edizioni 2008 e 2009 del Torneo di La Manga e nelle fasi finali degli Europei di Francia 2008, dove gioca tutti i tre incontri della fase a gironi prima dell'eliminazione, e Bielorussia 2009, 4 presenze fino alla semifinale persa ai supplementari con la Svezia, e quella dell'Under-20 nel Mondiale di Germania 2010, due incontri prima dell'eliminazione già alla fase a gironi.[1]

Nel marzo 2015 il tecnico Jean-François Niemezcki la convoca nella nazionale B impegnata all'edizione di quell'anno dell'Istria Cup, dove nell'incontro con la Bosnia ed Erzegovina sigla la rete su rigore che fissa il risultato sul 3-3, e due mesi più tardi dal CT Philippe Bergerôo nella nazionale maggiore, debuttando il 22 maggio, rilevando Élise Bussaglia al 75' nell'amichevole vinta per 2-1 sulla Russia. Oltre a una serie di amichevoli, Bergerôo la chiama in due occasioni nel corso della fase di qualificazione all'Europeo dei Paesi Bassi 2017 e nell'edizione 2016 della SheBelieves Cup.[1]

Con il passaggio sulla panchina francese CT Olivier Echouafni, Bilbault non colleziona alcuna convocazione, e per indossare nuovamente la maglia della nazionale deve attendere il nuovo passaggio del tecnico; con l'arrivo di Corinne Diacre inizia a collezionare presenze in incontri amichevoli e, il 2 maggio 2019, è presente nella lista delle 23 giocatrici convocate per il Mondiale di Francia 2019[2].

  1. ^ a b c d e Footoféminin.fr, Charlotte Bilbault.
  2. ^ (FR) Cédric Callier, L'équipe de France sans Katoto pour la Coupe du monde, su Le Figaro.fr, 2 maggio 2019. URL consultato il 3 maggio 2019.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica