Apri il menu principale

BiografiaModifica

Figlio di genitori originari della provincia di Zhejiang, in Cina, debutta al cinema giovanissimo, quando il regista taiwanese Edward Yang lo sceglie come protagonista dell'acclamato film A Brighter Summer Day (1991): nel film, Chang recita assieme a suo padre, l'attore Chang Kuo-chu (張國柱T, Zhāng GuózhùP), che interpreta il padre del suo personaggio, uno studente ribelle.[2] Per la propria interpretazione Chang ottiene una candidatura come miglior attore ai Golden Horse Awards, i maggiori premi del cinema taiwanese.

Nel 1997 recita nel film di Wong Kar-wai Happy Together, venendo candidato agli Hong Kong Film Awards come miglior attore. Raggiunge definitivamente la notorietà nel 2001, interpretando "Nuvola Nera", l'amante del personaggio di Zhang Ziyi, nel film cinese di successo mondiale La tigre e il dragone di Ang Lee.[2]

Nel 2004 collabora nuovamente con Wong in 2046, in cui interpreta il fidanzato del personaggio di Carina Lau, e in un episodio del film collettivo Eros, dove è un ambiguo stilista.[3] L'anno seguente recita al fianco di Shu Qi in Three Times di Hou Hsiao-hsien, in concorso al Festival di Cannes 2005; per la sua interpretazione, Chang viene nuovamente candidato ai Golden Horse Awards. Nel 2006, interpreta il celebre goista Go Seigen nel film biografico Wú Qīngyuán, ruolo che gli vale una candidatura agli Asian Film Awards. Il 2007 segna il suo esordio nel cinema coreano con un ruolo nel film di Kim Ki-duk Soffio, presentato al Festival di Cannes 2007.[4]

Tra il 2008 e il 2009, Chang interpreta il condottiero cinese Sun Quan nel colossal epico in due parti La battaglia dei tre regni, ricevendo una candidatura agli Hong Kong Film Awards come miglior attore non protagonista.[5] Nel 2014 recita nel wuxia Xiù chūn dāo (Brotherhood of Blades), che si dimostra un successo al botteghino in patria e gli vale una terza candidatura ai Golden Horse Awards, spingendolo a riprendere il ruolo in un sequel del 2017.[6][7] Parallelamente, continua a recitare nel cinema d'autore, collaborando nuovamente con Wong nel film del nel 2013 The Grandmaster e con Hou Hsiao-hsien in The Assassin, presentato al Festival di Cannes 2015.[8]

Sempre nel 2017, Chang fa il suo debutto nel cinema giapponese col film Mr. Long, presentato al Festival di Berlino 2017.[9] Nel 2020 farà il suo debutto in un film in lingua inglese col fantascientifico Dune di Denis Villeneuve.[10]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Video musicaliModifica

NoteModifica

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Chang" è il cognome.
  2. ^ a b (EN) Int’l Star You Should Know: Chang Chen, in Variety, 17 gennaio 2004.
  3. ^ (EN) Report: Taiwan's Chang Chen eyes Hollywood, 4 maggio 2005. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2011).
  4. ^ (EN) James Mackenzie, Cannes sees Korean debut for Taiwan's Chang Chen, in Reuters, 20 maggio 2007. URL consultato il 10 marzo 2011.
  5. ^ (EN) Editors' Choice for 29th Hong Kong Film Awards, su travel.cnn.com, 15 aprile 2010.
  6. ^ (EN) Brotherhood of Blades review: Ming Dynasty musketeers on a mission, su The Sydney Morning Herald, 4 novembre 2014.
  7. ^ (EN) 'Brotherhood of Blades 2' confident in quality, su china.org.cn, 20 luglio 2017.
  8. ^ (EN) Artist Spotlight: Chang Chen, su thecrimson.com, 8 settembre 2015.
  9. ^ (EN) Berlin Film Review: ‘Mr. Long’, su Variety, 13 febbraio 2017.
  10. ^ (EN) Aaron Couch, Chang Chen Joining Denis Villeneuve's 'Dune', su The Hollywood Reporter, 17 marzo 2019. URL consultato il 17 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2019).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN107811885 · ISNI (EN0000 0001 1496 890X · LCCN (ENno2007017022 · GND (DE140830979 · BNF (FRcb15074807w (data) · NLA (EN40004840 · WorldCat Identities (ENno2007-017022