Cheri-Bibi (Il forzato della Guiana)

Cheri-Bibi (Il forzato della Guiana)
Titolo originaleChéri-Bibi
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1955
Durata84 min.
Dati tecniciFerraniacolor
Genereavventura, drammatico
RegiaMarcello Pagliero
Soggettodal romanzo di Gaston Leroux
SceneggiaturaPaul Mesnier, Belisario Randone, Marcello Pagliero
ProduttoreMario Doglietti, Henri Lavorel
Casa di produzioneU.G.C., Memnon Films, Taurus Film (Parigi), Ariel Film (Roma)
Distribuzione in italianoMinerva Film
FotografiaMario Montuori
MontaggioGiuliana Attenni
MusicheGeorges Auric, diretta da Tarcisio Fusco
ScenografiaFranco Lolli
CostumiFranco Lolli
TruccoOtello Fava
Interpreti e personaggi

Cheri-Bibi (Il forzato della Guiana) è un film del 1955, diretto da Marcello Pagliero.

TramaModifica

Due condannati ai lavori forzati, Cheri Bibi – ingiustamente accusato dell'omicidio del padre – e La Ficelle, deportati nel carcere della Guiana, grazie a un ammutinamento riescono ad assumere il comando della nave. Durante il tragitto, Cheri Bibi in pieno oceano incontra un naufrago su una zattera, il marchese Maxime, sposato a Cecilia, una donna da lui amata in passato. Il nobile viene ucciso da Kanak, un medico che gli dona il suo aspetto grazie all'operazione di plastica facciale da lui eseguita sul volto di Cheri Bibi. Con i nuovi connotati, quest'ultimo non tarda a vendicarsi di tutti coloro che gli hanno fatto del male, ma alla fine, quando crede di aver raggiunto la piena felicità riunendosi a Cecilia, subisce delazioni e ricatti da parte di alcuni suoi ex compagni di prigionia e viene accusato dello stesso delitto commesso dal marchese. Ormai senza via di scampo, a Cheri Bibi non resta che incendiare il castello dove si era rifugiato con Cecilia.

ProduzioneModifica

Il film, una co-produzione italo-francese, venne girato negli studi di Cinecittà, con esterni a Parigi, dal novembre del 1954 al gennaio del 1955. Si tratta di un remake a colori della pellicola statunitense Cheri-Bibi del 1931 e del film di produzione francese Chéri-Bibi del 1938 diretto da Léon Mathot.

DistribuzioneModifica

Il film ottenne il visto di censura n. 19.061 il 20 marzo 1955, per una lunghezza di 2.530 metri[1] ed ebbe la prima proiezione pubblica il 26 maggio dello stesso anno. In Francia venne proiettato con il titolo Chéri-Bibi l'8 giugno del 1955 mentre in Germania venne presentato l'11 maggio del 1956 con il titolo Das Schiff der gefährlichen Männer.

IncassiModifica

Il film incassò 44.000.000 di lire dell'epoca.

NoteModifica

  1. ^ Cheri-Bibi (Il forzato della Guiana) – Documento originale del visto di censura (PDF), su italiataglia.it. URL consultato il 9 ottobre 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema