Chernobyl (miniserie televisiva)

miniserie televisiva anglo-statunitense del 2019
Chernobyl
Chernobyl HBO.jpg
PaeseStati Uniti d'America, Regno Unito
Anno2019
Formatominiserie TV
Generedrammatico, storico
Puntate5
Durata60-72 min (puntata)
Lingua originaleinglese
Rapporto2,00:1
Crediti
IdeatoreCraig Mazin
RegiaJohan Renck
SceneggiaturaCraig Mazin
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaJakob Ihre
MontaggioJinx Godfrey, Simon Smith
MusicheHildur Guðnadóttir
ScenografiaLuke Hull
CostumiOdile Dicks-Mireaux
ProduttoreSanne Wohlenberg
Produttore esecutivoCraig Mazin, Carolyn Strauss, Jane Featherstone
Co-produttore esecutivo:
Johan Renck, Chris Fry
Casa di produzioneSister Pictures, Mighty Mint, Word Games
Prima visione
Prima TV originale
Dal6 maggio 2019
Al3 giugno 2019
Rete televisivaHBO
Sky Atlantic
Prima TV in italiano
Dal10 giugno 2019
All'8 luglio 2019
Rete televisivaSky Atlantic

Chernobyl è una miniserie televisiva statunitense e britannica, creata e scritta da Craig Mazin e diretta da Johan Renck per HBO e Sky Atlantic.

Le cinque puntate raccontano la storia del disastro di Černobyl' a oltre 30 anni dall'accaduto, e seguono gli uomini e le donne che si sono sacrificati per salvare l'Europa da un disastro nucleare. Le vicende raccontate si basano, in buona parte, sui resoconti degli abitanti di Pryp"jat', raccolti dalla scrittrice Premio Nobel per la letteratura Svetlana Alexievich nel suo libro Preghiera per Černobyl',[1] oltreché sul saggio Chernobyl 01:23:40 di Andrew Leatherbarrow.[2]

TramaModifica

La miniserie si concentra sulla portata devastante dell'incidente nucleare di Černobyl' che si verificò nell'Ucraina sovietica il 26 aprile 1986, rivelando come e perché è accaduto, raccontando anche le vicende degli eroi che hanno dato il loro contributo per mitigare i danni dell'esplosione a costo della loro vita.

PuntateModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Puntate di Chernobyl.

La miniserie ha debuttato il 6 maggio 2019 su HBO negli Stati Uniti e in simulcast su Sky Atlantic nel Regno Unito.[3]

Personaggi e interpretiModifica

Personaggi principaliModifica

Personaggi secondariModifica

  • Vjačeslav Bražnik, interpretato da Adam Lundgren.
    Operatore capo delle turbine.
  • Viktor Proskurjakov, interpretato da Karl Davies.
    Apprendista al SIUR.
  • Žarkov, interpretato da Donald Sumpter, doppiato da Carlo Reali.
    Membro del comitato esecutivo di Pripyat.
  • Boris Stoljarčuk, interpretato da Billy Postlethwaite, doppiato da Fabrizio Bucci.
    Ingegnere capo del controllo dell'unità 4.
  • Svetlana Zinčenko, interpretata da Nadia Clifford, doppiata da Benedetta Ponticelli.
    Medico che cura Vasily Ignatenko e altri dalla malattia da radiazioni.
  • Anatoly Sitnikov, interpretato da Jamie Sives.
    Capo ingegnere del rettore 2.
  • Alexei Ananenko, interpretato da Baltasar Breki Samper.
    Uno dei volontari che drena l'acqua nel basamento di Chernobyl per prevenire un'esplosione.
  • Valeri Bezpalov, interpretato da Philip Barantini.
    Uno dei volontari che drena l'acqua nel basamento di Chernobyl per prevenire un'esplosione.
  • Boris Baranov, interpretato da Oscar Giese.
    Uno dei volontari che drena l'acqua nel basamento di Chernobyl per prevenire un'esplosione.
  • Valery Perevozčenko, interpretato da Jay Simpson.
    Caposquadra nella sezione reattori.
  • Mikhail Ščadov, interpretato da Michael Colgan.
    Ministro dell'Industria del Carbone dell'Unione Sovietica.
  • Milan Kadnikov, interpretato da Hilton McRae.
    Giudice che presiede il processo di Dyatlov, Bryukhanov e Fomin.
  • Valerij Khodemčuk, interpretato da Kieran O'Brien.
    Operatore delle pompe del rettore 4
  • Garo, interpretato da Alexej Manvelov, doppiato da Alessio Cigliano.
    Soldato armeno che aiuta Bačo e Pavel.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Il 26 luglio 2017 è stato annunciato che la HBO e Sky avevano ordinato la miniserie. Le puntate sono state dirette da Johan Renck e scritte da Craig Mazin. Mazin è anche produttore esecutivo, insieme a Carolyn Strauss e Jane Featherstone.[4][5]

L'11 marzo 2019 è stato annunciato che la miniserie avrebbe debuttato il 6 maggio dello stesso anno.[6]

CastingModifica

Contemporaneamente all'annuncio dell'ordine della miniserie, è stato confermato che Jared Harris sarebbe stato il protagonista delle puntate.[5] Il 19 marzo 2018 è stato annunciato che Stellan Skarsgård ed Emily Watson si erano uniti al cast principale.[7] Nel maggio 2018 è stato annunciato che anche Paul Ritter, Jessie Buckley, Adrian Rawlins e Con O'Neill si erano uniti al cast.[8]

RipreseModifica

 
Il distretto Fabijoniškės di Vilnius, nell'odierna Lituania, per via della sua architettura di stampo socialista è stato usato per ricreare l'atmosfera della Pryp"jat' del 1986.

Le riprese della miniserie sono iniziate il 13 maggio 2018 a Fabijoniškės, un sobborgo di Vilnius, in Lituania, usato per le scene ambientate nella città di Pryp"jat', dal momento che il quartiere ha mantenuto un'autentica atmosfera sovietica. Nello specifico, l'area degli appartamenti del quartiere residenziale è stata utilizzata come location per le scene di evacuazione; il regista Johan Renck ha pesantemente criticato la quantità di finestre moderne, di stile variegato e accattivante, ma non si è preoccupato di rimuoverli in post-produzione. Alla fine di marzo la produzione si è trasferita nel comune distrettuale di Ignalina, sempre in Lituania, per le riprese sia esterne che interne dell'omonima centrale nucleare, un impianto dismesso che a volte viene definito "la sorella di Chernobyl" a causa della somiglianza estetica, essendo entrambi basati sul reattore RBMK. All'inizio di giugno, infine, la produzione si è trasferita in Ucraina per girare le scene finali minori.[9] Le riprese della miniserie sono durate 16 settimane.[10]

PromozioneModifica

Il 29 marzo 2019 è stato pubblicato il trailer ufficiale della miniserie.[11][12]

DistribuzioneModifica

La miniserie è stata trasmessa in prima visione assoluta e in contemporanea negli Stati Uniti d'America e nel Regno Unito, rispettivamente su HBO e Sky Atlantic, dal 6 maggio[3] al 3 giugno 2019.

In Italia è stata trasmessa in prima visione pay dal 10 giugno[13] all'8 luglio 2019 su Sky Atlantic; è stata poi trasmessa per la prima volta in chiaro dal 18 giugno[14] al 2 luglio 2020 su LA7.

AccoglienzaModifica

Chernobyl è stata accolta in maniera entusiasta dal pubblico. Negli Stati Uniti la trasmissione su HBO è stata vista da 12 milioni di spettatori, diventando la miniserie più vista del canale dal 2001.[15] In Italia la messa in onda della serie su Sky Atlantic ha ottenuto un ascolto complessivo di 550 mila spettatori, risultando il miglior debutto per una serie di Sky;[16] il successivo debutto in chiaro su LA7 ha totalizzato 1 milione e 300 mila spettatori circa, segnando il migliore risultato per una serie nella storia del canale.[17]

Tra gli aggregatori di recensioni, su Rotten Tomatoes vanta una valutazione di approvazione del 96% basato su 75 critiche,[18] mentre su Metacritic ha un punteggio medio ponderato di 83 su 100, ottenendo il giudizio di «acclamazione universale»;[19] Chernobyl ha inoltre fatto registrare un apprezzamento-record sull'Internet Movie Database[20] dov'è diventato lo show con il voto più alto della storia (9,6).[21] Secondo i dati di Google Trends, la parola «Chernobyl» è stata tra le più cercate online globalmente durante il 2019.[22]

Chernobyl ha ricevuto anche il plauso generale della critica. La serie ha ottenuto 42 premi, tra cui 10 Emmy,[23] 2 Golden Globe[24] e 1 Grammy,[25] oltre a 46 candidature. Il quotidiano britannico Guardian l'ha inoltre classificata al terzo posto tra le migliori serie del 2019.[26]

La miniserie è stata generalmente molto ben accolta anche in Russia.[27] Vladimir Medinsky, ministro russo della cultura, l'ha elogiata dichiarando che: «è stata girata magistralmente, con grande rispetto per la gente comune».[28] Ciò nonostante, è stata in parte criticata da alcuni media filo-governativi, nello specifico per avere sminuito l'operato e gli atti eroici dei liquidatori sovietici.[29]

RiconoscimentiModifica

Nella cultura di massaModifica

A seguito della messa in onda della miniserie, tra maggio e giugno 2019, le prenotazioni per visite turistiche a Pryp"jat' e nell'area della Centrale nucleare di Černobyl' sono aumentate del 40%.[34][35] Anche la Lituania ha visto un aumento del turismo nelle zone delle riprese a Vilnius, e la centrale nucleare di Ignalina ha riscontrato un tutto esaurito per le visite guidate per un arco di sei mesi.[36]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Natalia Gredina, The real Chernobyl HBO’s hit miniseries is ending, and here’s how its characters compare to their real-life counterparts, su meduza.io, 28 maggio 2019.]
  2. ^ Marilisa Di Maio, Chernobyl, arriva in Italia il libro che ha ispirato la serie dei record, su hallofseries.com, 24 settembre 2019.
  3. ^ a b (EN) HBO Miniseries Chernobyl Sets May Premiere Date, su comingsoon.net. URL consultato il 2 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Denise Petski, ‘Chernobyl’ Miniseries Starring ‘The Crown’s Jared Harris Set By HBO & Sky – TCA, su deadline.com, 26 luglio 2017. URL consultato il 2 aprile 2019.
  5. ^ a b (EN) Cynthia Littleton, HBO Sets ‘Chernobyl’ Miniseries to Star Jared Harris, su variety.com, 26 luglio 2017. URL consultato il 2 aprile 2019.
  6. ^ (EN) HBO Miniseries Chernobyl Sets May Premiere Date, su comingsoon.net, 11 marzo 2019. URL consultato il 2 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Chernobyl’: Stellan Skarsgård & Emily Watson To Star In HBO & Sky’s Miniseries, su deadline.com, 19 marzo 2018. URL consultato il 2 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Denise Petski, ‘Chernobyl’: Paul Ritter, Jessie Buckley, Adrian Rawlins & Con O’Neil Among Cast Additions For HBO/Sky Miniseries, su deadline.com, 23 maggio 2018. URL consultato il 2 aprile 2019.
  9. ^ (LT) Fabijoniškėse filmuojamo „Černobylio“ režisierius pakeitė požiūrį į branduolinę energiją: tai pabaisa, kurios negalime suvaldyti, su 15min.lt, 13 maggio 2018. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2019).
  10. ^ (LT) Prodiuserė: HBO projektas Lietuvoje paliks ne mažiau 7 mln. eurų, su 15min.lt, 27 luglio 2017. URL consultato il 2 aprile 2019.
  11. ^ Chernobyl: La miniserie si mostra in un intenso trailer ufficiale, su comingsoon.it. URL consultato il 2 aprile 2019.
  12. ^ (EN) Chernobyl: il trailer della miniserie in arrivo su Sky Atlantic, su movieplayer.it. URL consultato il 2 aprile 2019.
  13. ^ Chernobyl, le prime foto della serie tv sul disastro nucleare sovietico del 1986, su tg24.sky.it, 24 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2019.
  14. ^ Renato Franco, «Chernobyl» stasera su La7, la serie tv tra racconto umano e ricostruzione storica, su corriere.it, 18 giugno 2020.
  15. ^ Emanuele Manta, Chernobyl è la miniserie più vista di HBO dal 2001, si ragiona su un "seguito", su comingsoon.it, 27 luglio 2019.
  16. ^ Chernobyl, ascolti boom: 550.000 spettatori, miglior serie di sempre su Sky, su ilmessaggero.it.
  17. ^ Fabio Fabbretti, Ascolti TV | Giovedì 18 giugno 2020. Chernobyl parte forte su La7 (6.5%). Che Dio ci Aiuti in replica (13%) meglio di New Amsterdam (10.4%). Crolla Restaurant Swap, su davidemaggio.it, 19 giugno 2020.
  18. ^ (EN) Chernobyl: Miniseries (2019), su rottentomatoes.com. URL consultato il 13 giugno 2019 (archiviato il 7 maggio 2019).
  19. ^ (EN) Chernobyl, su metacritic.com. URL consultato il 13 giugno 2019 (archiviato il 6 maggio 2019).
  20. ^ (EN) Todd Spangler, HBO’s ‘Chernobyl’ Is Now the Top-Rated TV Show on IMDb, su variety.com, 5 giugno 2019. URL consultato l'8 giugno 2019.
  21. ^ Mario Manca, «Chernobyl», la serie che piace più di «Game of Thrones» e «Breaking Bad», su vanityfair.it, 23 maggio 2019.
  22. ^ (EN) Anthony Cuthbertson, Rugby and cricket world cups, Game of Thrones and Chernobyl were the top trending searches of the year, Google announces, su independent.co.uk, 11 dicembre 2019.
  23. ^ (EN) Dan Cain, Sky original Chernobyl scoops up 10 Emmys as runaway Brit success, su thesun.co.uk, 23 settembre 2019.
  24. ^ a b c Golden Globes: Chernobyl miglior serie, su ansa.it, 6 gennaio 2020.
  25. ^ a b Rina Zamarra, Le musiche di A Star is Born e Chernobyl vincono ai Grammy 2020, su mondofox.it, 21 gennaio 2020.
  26. ^ (EN) Jack Seale, The 50 best TV shows of 2019: No 3 – Chernobyl, su theguardian.com, 17 dicembre 2019.
  27. ^ (EN) Anna Malpas, Chernobyl TV series reaps praise, criticism in Russia, su thejakartapost.com, 8 giugno 2019.
  28. ^ (RU) Мединский назвал сериал «Чернобыль» «мастерски сделанным фильмом», su rbc.ru, 6 giugno 2019.
  29. ^ (EN) Andrew Roth, Russian TV to air its own patriotic retelling of Chernobyl story, su theguardian.com, 13 giugno 2019. URL consultato il 10 giugno 2019.
  30. ^ Rina Zamarra, TV Critics Awards, Fleabag e Chernobyl fanno man bassa di premi, su mondofox.it, 5 agosto 2019.
  31. ^ (EN) Hilary Lewis, Gotham Awards: 'Marriage Story,' 'The Farewell,' 'Uncut Gems' Lead Nominations, su hollywoodreporter.com, 24 ottobre 2019. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  32. ^ (EN) Karen M. Peterson, 24th Satellite Awards Announce Nominations, ‘Ford v Ferrari’ Leads the Way, su awardscircuit.com, 3 dicembre 2019.
  33. ^ (EN) Michael Schneider, Producers Guild Awards Nominees Include ‘1917,’ ‘Parasite,’ ‘Succession,’ ‘Fleabag’, su variety.com, 7 gennaio 2020.
  34. ^ (EN) Max Hunder, HBO show success drives Chernobyl tourism boom, su reuters.com, 4 giugno 2019.
  35. ^ Enrico Marro, Chernobyl, è boom del turismo «nucleare» (+40%) grazie alla miniserie tv, su ilsole24ore.com, 4 luglio 2019.
  36. ^ (EN) Liudas Dapkus, 'Chernobyl' miniseries sends curious tourists to Lithuania, su apnews.com, 30 luglio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63156130873258310649 · LCCN (ENno2019162627
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione