Apri il menu principale

Chiara Ferragni

imprenditrice e blogger italiana
Chiara Ferragni alla Milano Fashion Week nel 2013

Chiara Ferragni (Cremona, 7 maggio 1987) è un'imprenditrice e blogger italiana.

Indice

BiografiaModifica

Nasce a Cremona da Marco Ferragni, dentista, e Marina Di Guardo, scrittrice. Ha due sorelle minori, Francesca e Valentina. Ha frequentato il Liceo Classico Daniele Manin di Cremona ed ha in seguito studiato giurisprudenza alla Bocconi, senza però terminare gli studi.[1]

Vita privataModifica

Nell'ottobre 2016 ha ufficializzato la relazione con il rapper italiano Fedez;[2] il primogenito della coppia, Leone Lucia Ferragni, è nato il 19 marzo 2018 a West Hollywood, contea di Los Angeles.[3] La coppia si è sposata il 1º settembre 2018 a Noto, in Sicilia, con una cerimonia privata destinata ad amici e parenti.[4]

CarrieraModifica

Nel 2009 crea il blog The Blonde Salad.[5] Nel 2010 ha presentato una linea di scarpe[6] ed è stata ospite degli MTV TRL Awards.[7] Nel dicembre del 2013 ha collaborato con Steve Madden per la progettazione di una collezione di scarpe per la primavera 2014.[8] Nell'agosto 2014, Ferragni è giudice ospite nella tredicesima edizione di Project Runway.[9] Nel 2014 ha fatturato 8 milioni di dollari[6] e nel 2015 più di 10.[10] Sempre nel 2015 è stata oggetto di un caso di studio della Harvard Business School.[11] Nell'aprile 2015, Ferragni diventa la prima fashion blogger ad apparire su una copertina di Vogue, quando viene selezionata per l'editoriale di aprile di Vogue Spagna.[12]

Nel 2016 è diventata global ambassador di Pantene, testimonial di Amazon moda[13] e ha posato per l'edizione statunitense di Vanity Fair.[10] Forbes l'ha inserita nella lista "30 Under 30 Europe: The Arts" del 2016.[14] Nell'agosto 2016, Mattel ha creato una versione Barbie di Chiara Ferragni.[15]

Nel 2017 viene nominata dalla rivista Forbes «l'influencer di moda più importante al mondo»,[16] e viene scelta da Swarovski come testimonial della collezione natalizia, accanto alle top model Karlie Kloss, Naomi Campbell e Fei Fei Sun.[17]

Il 6 dicembre 2017 viene premiata a Roma come Top Digital Leader e nella categoria Web Star italiane donne, nell'ambito della prima ricerca sulla leadership digitale in Italia.[18] Nel 2018 viene scelta come testimonial dall'azienda di gioielleria Pomellato[19] e dall'azienda di intimo Intimissimi, in quest'ultima affiancando la modella Gisele Bündchen.[20]

Dopo tre anni di collaborazione col manager bresciano Alessio Sanzogni, esperto di social e influencer d'opinione[21], dal 2016 ha iniziato a gestire autonomamente tali ambiti di attività. Uno studio del 2017 ha descritto il suo modello comunicativo come una modalità frequente e naturale di apparire nei social, attenta a valorizzare l'immagine corporea, coerente con la tendenza della moda fashion e con una strategia commerciale di lungo termine che si propone di mantenere alto il livello di interazione degli utenti col suo profilo web, e la discussione da esso generata[22].

NoteModifica

  1. ^ Valeria Vantaggi, Chiara Ferragni, la regina dei fashion blogger, l'Espresso, 24 luglio 2014. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 15 gennaio 2018).
  2. ^ Fedez-Ferragni, il rapper presenta la fidanzata ai genitori. Ma lei torna negli Usa, Leggo, 19 ottobre 2016. URL consultato il 24 novembre 2017 (archiviato il 23 giugno 2018).
  3. ^ Chiara Ferragni e Fedez, è nato il figlio Leone Lucia, su ilmessaggero.it, 20 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018 (archiviato il 20 marzo 2018).
  4. ^ Chiara Ferragni e Fedez, il matrimonio. Le ultime notizie, la cronaca della giornata. Sono marito e moglie.Via al ricevimento con l'arrivo degli sposi, su m.leggo.it.
  5. ^ And now… The answers!, in The Blonde Salad. URL consultato il 10 novembre 2016.
  6. ^ a b Federica Bandirali e Maria Teresa Veneziani, Chiara Ferragni: «Guadagno molto di più con le scarpe che con il blog», Corriere della Sera, 28 settembre 2015. URL consultato il 31 maggio 2016.
  7. ^ Debora Marighetti, I Trl Awards 2010 in diretta su Mtv l'8 maggio da Genova, TVBlog.it, 22 aprile 2010. URL consultato il 31 maggio 2016.
  8. ^ The Blonde Salad x Steve Madden, in . URL consultato il 30 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  9. ^ Chiara Ferragni giudice a Project Runway 13, in FoxLife, 12 agosto 2015. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  10. ^ a b (EN) Derek Blasberg, Meet Chiara Ferragni, the “It” Blogger Behind the Blonde Salad, Vanity Fair, marzo 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  11. ^ Anat Keinan, Kristina Maslauskaite, Sandrine Crener and Vincent Dessain, The Blonde Salad, Harvard Business School Case, Gennaio 2015. URL consultato il 31 maggio 2016.
  12. ^ La prima fashion blogger in copertina su Vogue, in melty, 19 marzo 2015. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  13. ^ Francesco Rigatelli, Chiara Ferragni: il futuro dello stile è su Instagram, La Stampa. URL consultato il 31 maggio 2016.
  14. ^ (EN) Chiara Ferragni, 28 - In Photos: 2016 30 Under 30 Europe: The Arts, su forbes.com. URL consultato il 31 maggio 2016.
  15. ^ Federica Bandirali, Chiara Ferragni la prima fashion blogger a diventare una Barbie, in Corriere della Sera. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  16. ^ Forbes, Chiara Ferragni è la influencer (di moda) più importante al mondo, su quotidiano.net, 29 settembre 2017. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  17. ^ Chiara Ferragni e Karlie Kloss insieme per Swarovski, su mag.sky.it, 21 settembre 2017. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  18. ^ Ecco chi sono gli i-Leader 2017: Chiara Ferragni Top Digital Leader, premiati anche Fedez, Valentino Rossi e Belen, su webl0g.net, 6 dicembre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  19. ^ Chiara Ferragni per nuova adv Pomellato, su stilopolis.it, 9 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  20. ^ Intimissimi, Chiara Ferragni e Gisele Bundchen protagoniste dello spot, su affaritaliani.it, 20 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  21. ^ Morto Alessio Sanzogni, l'addio di Chiara Ferragni al suo ex manager, su milanotoday.it, 28 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2019).
  22. ^ (ENIT) Maria Angela Polesana, Il simulacro del corpo, in Mediascapes journa, nº 9, p. 17. URL consultato il 13 febbraio 2019 (archiviato il 13 febbraio 2019).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica