Apri il menu principale
Chicago Cubs
Baseball Baseball pictogram.svg
Chicago Cubs logo.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit left arm pinstripesonwhite.png
Kit right arm pinstripesonwhite.png
Kit trousers pinstripesonwhite.png

Casa

Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Kit trousers pinstripesonwhite.png

Terza

Colori sociali               
Blu, rosso, bianco
Dati societari
Città Chicago
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Lega National League
Division Central
Fondazione 1876
Denominazione Chicago White Stockings (1870-1871, 1874-1889)
Chicago Colts (1890-1897)
Chicago Orphans (1898-1901)
Chicago Cubs (1902–presente)
Proprietario Thomas S. Ricketts, Laura Ricketts, Pete Ricketts, Todd Ricketts, Joe Ricketts
General manager Jed Hoyer

President of Baseball Operations: Theo Epstein

Allenatore Joe Maddon (2015-presente)
Sito web chicago.cubs.mlb.com
Palmarès
World Series 3 (1907, 1908, 2016)
Titoli di League 17 (1876, 1880, 1881, 1882, 1885, 1886, 1906, 1907, 1908, 1910, 1918, 1929, 1932, 1935, 1938, 1945, 2016)
Titoli di Division 7 (1984, 1989, 2003, 2007, 2008, 2016, 2017)
Wild card 3 (1998, 2015, 2018)
Impianto di gioco
Wrigley field 720.jpg
Wrigley Field (1916-presente)
41.649 posti

West Side Park (II) (1893-1915)
South Side Park (1891-1893)
West Side Park (I) (1885-1891)
Lakefront Park (II) (1883-1884)
Lakefront Park (I) (1878-1882)
23rd Street Grounds (1876-1877)

I Chicago Cubs sono una franchigia di baseball appartenente alla Major League Baseball (MLB), con sede nella città di Chicago (Illinois). Sono membri della Central division della National League. Sono una delle due squadre delle major league con sede a Chicago; gli altri sono i Chicago White Sox, membri della Central division della American League (AL). Il club è posseduto da Thomas S. Ricketts, figlio del fondatore di TD Ameritrade, Joe Ricketts.

La squadra disputò le sue prime partite nel 1870 nella National Association of Base Ball Players col nome di Chicago White Stockings, vincendo il campionato. Si unirono alla professionistica National Association of Professional Base Ball Players nel 1871, ma sospesero le operazioni nelle due stagioni successive a causa del Grande incendio di Chicago. Ripresero nel 1874, unendosi alla National League nel 1876 come membro fondatore, diventando in seguito noti come Chicago Cubs per la stagione 1903. I Cubs sono la più antica squadra professionistica del Nord America e quella rimasta più a lungo nella stessa città per tutta la sua storia. Sono uno dei due rimanenti membri fondatori della National League (assieme agli Atlanta Braves, che iniziarono a giocare nella MLB nel 1871 come Boston Red Stockings).

Nel 1906, la squadra fece registrare un record della Major League Baseball con 116 vittorie (pareggiato dai Seattle Mariners nel 2001) con una percentuale di vittorie del 76,3, ancora un primato imbattuto. Disputarono le loro prime World Series quello stesso anno, perdendo contro i loro rivali cittadini, i White Sox, per quattro gare a due.[1] I Cubs vinsero due World Series consecutive nel 1907 e nel 1908, diventando la prima squadra a qualificarvisi per tre anni consecutivi e a vincere per due volte di seguito; tuttavia da allora la squadra non ha vinto più il titolo per oltre un secolo.[2][3] A causa di questa dubbia distinzione, ci si riferisce spesso a loro come "Lovable Losers" (adorabili perdenti). Sono anche noti come "The North Siders" poiché il Wrigley Field, il loro stadio dal 1916, è localizzato nel lato nord di Chicago. La principale rivalità della squadra è quella contro i St. Louis Cardinals.

Nella stagione 2016 i Cubs sono tornati a vincere le World Series dopo 108 anni, interrompendo così la più lunga striscia di insuccessi nella storia dello sport.[4]

StadioModifica

Dal 1916 la casa dei Cubs è il Wrigley Field, stadio costruito nel 1914 che conserva molte caratteristiche peculiari dei tradizionali stadi da baseball. Ad esempio, la linea esterna del campo di gioco è delimitata da un insolito muro ricoperto di edera. I riflettori per illuminare il campo sono stati installati soltanto nel 1988, dal momento che tradizionalmente le partite dei Cubs sono sempre state giocate alle 14.20. Tale tradizione è dovuta alla decisione da parte della squadra di giocare in orario pomeridiano per evitare di disturbare il vicinato giocando la sera tardi. Tuttora, esiste un accordo con le autorità cittadine perché i Cubs non giochino più di un terzo delle partite casalinghe in orario serale.

MascotteModifica

La mascotte ufficiale della squadra dei Cubs è un giovane cucciolo di orso, di nome Clark, descritto dal comunicato stampa della squadra come un cucciolo giovane e cordiale. Clark ha fatto il suo debutto il 13 gennaio 2014, lo stesso giorno del comunicato stampa che annuncia la sua nascita come prima mascotte fisica ufficiale del club. I Cubs non avevano mascotte ufficiale prima di Clark, anche se un uomo vestito da 'orso polare', chiamato "The Bear-man" (o Beeman), era popolare tra i tifosi, dai primi anni 1990, perché posava, fuori dallo stadio, per le foto con i fan.

Giocatori importantiModifica

Numeri ritiratiModifica

 
Ron
Santo

3B: 1960–1973

Ritirato il 28 settembre 2003

 
Ernie
Banks

SS, 1B: 1953–1971

Ritirato il 22 agosto 1982

 
Ryne
Sandberg

2B: 1982–1994,
1996–1997

Ritirato il 28 agosto 2005

 
Billy
Williams

OF: 1959–1974

Ritirato il 13 agosto 1987

 
Ferguson
Jenkins

P: 1966–1973, 1982–1983

Ritirato il 3 maggio 2009

 
Greg
Maddux

P: 1986–1992, 2004–2006

Ritirato il 3 maggio 2009

 
Jackie
Robinson

Ritirato da MLB

Onorato il 15 aprile 1997

Membri della Baseball Hall of FameModifica

Membri dei Chicago Cubs introdotti nella National Baseball Hall of Fame.

 
L'Hall of Famer Ryne Sandberg
Hall of Famer dei Chicago Cubs
Grover C. Alexander

Cap Anson*1

Richie Ashburn

Ernie Banks

Lou Boudreau1

Roger Bresnahan1

Lou Brock

Mordecai Brown*

Frank Chance1

John Clarkson

Kiki Cuyler

Andre Dawson

Hugh Duffy

Leo Durocher

Dennis Eckersley

Johnny Evers*

Jimmie Foxx

Frankie Frisch1

Goose Gossage

Clark Griffith†2

Burleigh Grimes

Gabby Hartnett1

Billy Herman

Rogers Hornsby1

Monte Irvin

Ferguson Jenkins

George Kelly

King Kelly*

Ralph Kiner

Chuck Klein

Tony La Russa2

Tony Lazzeri

Freddie Lindstrom

Rabbit Maranville

Greg Maddux

Joe McCarthy

Hank O'Day3

Robin Roberts

Ryne Sandberg

Ron Santo

Frank Selee

Lee Smith

Albert Spalding†2

Bruce Sutter**

Joe Tinker*

Rube Waddell

Deacon White

Hoyt Wilhelm

Billy Williams

Hack Wilson

  • I giocatori in grassetto sono riprodotti nelle placche della Hall of Fame con la divisa dei Cubs, Orphans, Colts o White Stockings.
  • * – riprodotto nella placca della Hall of Fame senza una divisa specifica; la Hall of Fame riconosce Cubs/Orphans/Colts/White Stockings come "squadra primaria"
  • **– riprodotto nella placca della Hall of Fame con la divisa di un altro club ma la Hall of Fame riconosce Cubs/Orphans/Colts/White Stockings come "squadra primaria"
  • – introdotto come dirigente/pioniere in parte per i meriti ottenuti con la squadra dei Cubs; riprodotto nella Hall of Fame senza una divisa specifica
  • 1 – introdotto come giocatore; ha allenato i Cubs/White Stockings/Colts o è stato giocatore-manager
  • 2 – introdotto come manager o dirigente; ha giocato per i Cubs o è stato loro giocatore-manager

Playoff/titoliModifica

Anno Manager Record Wild Card/Division National League

Division Series

National League

Championship Series

World Series
Secondi class. Vant. Avversario Serie Avversario Serie Avversario Serie
1876 Albert Spalding 52–14 Non esistenti Non esistenti Vittoria del pennant Non esistenti
1880 Cap Anson 67–17
1881 56–28
1882 55–29 Cincinnati Red Stockings 1–1
1885 87–25 St. Louis Browns 3–3
1886 90–34 St. Louis Browns 2–4
1906 Frank Chance 116–36 Chicago White Sox 2–4
1907 107–45 Detroit Tigers 4–0
1908 99–55 Detroit Tigers 4–1
1910 104–50 Philadelphia Athletics 1–4
1918 Fred Mitchell 84–45 Boston Red Sox 2–4
1929 Joe McCarthy 98–54 Philadelphia Athletics 1–4
1932 Rogers Hornsby(prime 99 gare)
Charlie Grimm(ultime 55 gare)
90–64 New York Yankees 0–4
1935 Charlie Grimm 100–54 Detroit Tigers 2–4
1938 Charlie Grimm(prime 81 gare)
Gabby Hartnett(ultime 81 gare)
89–63 New York Yankees 0–4
1945 Charlie Grimm 98–56 Detroit Tigers 3–4
1984 Jim Frey 96–65 New York Mets San Diego Padres 2–3 Eliminati
1989 Don Zimmer 93–69 New York Mets 6 San Francisco Giants 1–4
1998 Jim Riggleman 90–73 Wild Card N/A Atlanta Braves 0–3 Eliminati
2003 Dusty Baker 88–74 Houston Astros 1 Atlanta Braves 3–2 Florida Marlins 3–4
2007 Lou Piniella 85–77 Milwaukee Brewers 2 Arizona Diamondbacks 0–3 Eliminati
2008 97–64 Milwaukee Brewers Los Angeles Dodgers 0–3
2015 Joe Maddon 97–65 Wild Card

Pittsburgh Pirates

4–0 St. Louis Cardinals 3–1 New York Mets 0–4
2016 103–58 St. Louis Cardinals 17½ San Francisco Giants 3–1 Los Angeles Dodgers 4–2 Cleveland Indians 4–3
Totale Wild Card

Titoli di division

2

6

Titoli division series 3 Pennant NL 17 World Series 3
  • Nessuna delle World Series disputate prima del 1903 è riconosciuta dalla MLB.

Roster attualeModifica

Chicago Cubs roster
Roster Giocatori inattivi Staff tecnico
Lanciatori
Rotazione dei partenti
11 Yū Darvish
35 Cole Hamels
28 Kyle Hendricks
62 José Quintana
Bullpen
29 Brad Brach
21 Tyler Chatwood
41 Steve Cishek
37 Tim Collins
20 Brandon Kintzler
24 Alec Mills
56 Kyle Ryan
46 Pedro Strop
61 Allen Webster
Ricevitori
40 Willson Contreras
53 Taylor Davis
Interni
 9 Javier Báez
13 David Bote
17 Kris Bryant
 3 Daniel Descalso
44 Anthony Rizzo
18 Ben Zobrist
Esterni
 5 Albert Almora Jr.
22 Jason Heyward
12 Kyle Schwarber
 2 Mark Zagunis
Lanciatori
73 Adbert Alzolay
33 Tony Barnette 
45 Xavier Cedeño 
71 Oscar De La Cruz
 6 Carl Edwards Jr.
34 Jon Lester 
36 Dillon Maples
38 Mike Montgomery 
15 Brandon Morrow 
57 James Norwood
47 Randy Rosario
90 Justin Steele
51 Duane Underwood Jr.
80 Rowan Wick
Interni
27 Addison Russell
Esterni
 8 Ian Happ
Manager
70 Joe Maddon
Coach
58 Mike Borzello (ricevitore)
55 Brian Butterfield (terza base)
63 Juan Cabreja (assistente)
76 Chris Denorfia (controllo qualità)
65 Franklin Font (assistente)
68 Tommy Hottovy (lanciatori)
24 Anthony Iapoce (battitori)
19 Mark Loretta (panchina)
95 Chad Noble (ricevitore bullpen)
 1 Terrmel Sledge (assistente battitori)
00 Lester Strode (bullpen)
 - Bob Tewksbury (mental skills coordinator)
25 Will Venable (prima base)
Lista infortunati per almeno 60 giorni
49 Kendall Graveman
Legenda

  Lista infortunati a 10 giorni
Lista delle sospensioni
# Congedo personale

25 attivi, 17 inattivi, 1 sulla lista infortunati a 60 giorni

Roster aggiornato al 23 aprile 2019
TransazioniGrafico di profondità

Affiliate nella Minor LeagueModifica

I Cubs nella cultura di massaModifica

  • Il club viene citato all'inizio del film Ritorno al Futuro II del 1989, allorché il protagonista Marty McFly, approdato nel futuro (rispetto a lui) 2015, guardandosi intorno, nota un messaggio televisivo celebrativo della vittoria dei Cubs delle World Series di quell'anno, stupendosene, visto che già all'epoca l'astinenza da trofei del club nordamericano faceva notizia. Anche se la previsione effettuata nel film sarebbe effettivamente divenuta realtà con un anno di ritardo, fu sorprendentemente veritiera[5].

NoteModifica

  1. ^ (EN) 1906 World Series (Baseball Reference). URL consultato il 31 luglio 2017.
  2. ^ John Helyar, Lovable losers? Not at this sale price, su ESPN.com, 2 aprile 2007. URL consultato il 18 aprile 2015.
  3. ^ John Nadel, Wait 'til next year, again: Cubs eliminated by LA (Associated Press), 5 ottobre 2008. URL consultato il 18 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Peter Sullivan, Cubs win! Cubs win! Cubs win!, in chicagotribune.com, 3 novembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  5. ^   Chicago Cubs campioni dopo 108 anni: Ritorno al futuro lo aveva previsto - Video Gazzetta.it, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 27 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENn80109967 · WorldCat Identities (ENn80-109967
  Portale Baseball: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di baseball