Chiesa cattolica a San Marino

Chiesa cattolica a San Marino
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno2009
Cristiani
Ichthus.svg
30.000
Cattolici30.000
Popolazione31.000
Nunzio apostolicoEmil Paul Tscherrig
CodiceRSM
La Basilica di San Marino

La Chiesa cattolica nella Repubblica di San Marino è parte della Chiesa cattolica, sotto la guida spirituale del Papa e della Santa Sede.

StoriaModifica

Il territorio di San Marino era fino al 1977 diviso tra la diocesi di Montefeltro (dal IX secolo), con sede a Pennabilli, e quella di Rimini; papa Paolo VI riunì tutto il territorio della Repubblica sotto la ridenominata diocesi di San Marino-Montefeltro, suffraganea dell'arcidiocesi di Ravenna-Cervia, che mantenne la sede a Pennabilli.

Il 29 agosto 1982 San Marino è stato visitato da papa Giovanni Paolo II: accolto dai capitani reggenti Giuseppe Maiani e Marino Venturini durante la visita pastorale a San Marino e a Rimini, ha celebrato una messa allo Stadio Olimpico di Serravalle[1].

Il 19 giugno 2011 San Marino è stato visitato da papa Benedetto XVI: accolto dai capitani reggenti Maria Luisa Berti e Filippo Tamagnini e dal vescovo Luigi Negri, ha celebrato una messa allo Stadio Olimpico di Serravalle[2].

SituazioneModifica

La religione cattolica è largamente predominante nella Repubblica.

La diocesi di San Marino-Montefeltro è parte integrante della Chiesa cattolica in Italia.

Nel territorio di San Marino sono presenti 12 parrocchie riunite in 1 vicariato foraneo che ha sede a Serravalle.[3]

La sede vescovile è Pennabilli, in Italia, dove si trova la cattedrale di San Leo. Nel territorio della Repubblica non ci sono cattedrali. La basilica di San Marino è, infatti, concattedrale della diocesi insieme alla concattedrale di San Leo.

Nunziatura apostolicaModifica

Santa Sede e Repubblica di San Marino intrattengono rapporti diplomatici dall'aprile 1926[4]. Non c'è nunzio apostolico residente: svolge questa funzione il nunzio in Italia.

L'attuale nunzio apostolico è Emil Paul Tscherrig, arcivescovo titolare di Voli, nominato da papa Francesco il 12 settembre 2017.

Nunzi apostoliciModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica