Apri il menu principale
Chiesa cattolica in Svizzera
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno2004
Cattolici3 milioni (40%)
Popolazione7,8 milioni
Presidente della
Conferenza episcopale
Felix Gmür
Nunzio apostolicoThomas Edward Gullickson
CodiceCH

La Chiesa cattolica in Svizzera, è formata da sei diocesi senza alcun'arcidiocesi. Le diocesi quindi hanno la particolarità di non formare alcuna provincia ecclesiastica, ma di essere immediatamente soggette dalla Santa Sede. Sono presenti anche due abbazie territoriali.

Indice

StoriaModifica

La presenza di sedi vescovili sul territorio svizzero risale alla fine del IV secolo. Il primo nome di vescovo che compare nella storia della regione svizzera è quello di Justinianus Rauricorum, vescovo di Augusta Raurica attuale Kaiseraugst e che partecipò ai concili di Sardica (343) e di Colonia (346).

La diocesi di Martigny, allora Octodure, fondata nel 381 è la prima; nel 524 la sede sarà trasferita a Sion, che è rimasta sede vescovile fino ai nostri giorni.

Nel 400 nacque la diocesi di Basilea, nel 441 quella di Ginevra e nel 451 quella di Coira. Nel VI secolo venne fondata quella di Losanna.

Le diocesi della regione occidentale, nel medioevo, appartenevano a tre arcidiocesi: a quella di Besançon appartenevano Basilea e Losanna, all'arcidiocesi di Tarantasia Sion con Aosta e Saint-Jean-de-Maurienne, mentre Ginevra apparteneva all'arcidiocesi di Vienne. Su gran parte della regione alemanna, fu la diocesi di Costanza a governare e questo fino al 1815. La riforma sconvolse non poco l'assetto giurisdizionale sul territorio della Confederazione. La diocesi di Basilea venne trasferita a Porrentruy nel 1528. Quella di Ginevra venne trasferita a Annecy nel 1568, fece seguito il trasferimento di quella di Losanna a Friburgo nel 1615.

 
L'abbazia di Einsiedeln è il più importante santuario svizzero

Agli inizi dell'Ottocento, con la definizione di nuovi confini territoriali, cadono le vecchie giurisdizioni ecclesiali e si formano nuove diocesi. Nella parte francese della Confederazione si forma, dopo vari rimaneggiamenti, una diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo, con sede a Friburgo. Nella parte tedesca tutti i territori che facevano capo alla diocesi di Costanza, devono trovare una nuova sede su territorio svizzero.

Tra il 1823 e il 1836 si forma una diocesi di Coira e San Gallo. Nel 1847 si scinderanno in due diocesi distinte. I cantoni di Uri, Untervaldo, Glarona e Zurigo passano nel 1819 sotto Coira, nel 1824 anche Svitto viene integrato in questa diocesi. Nel 1828 si ricostituisce la diocesi di Basilea, con sede a Soletta. Sotto questo vescovado passano i cantoni di Soletta, Zugo e Lucerna e la parte cattolica del cantone Berna. Nel 1829 la giurisdizione si estende ai cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna e Sciaffusa. Nel Vallese il vescovo perse i poteri temporali, ma per la diocesi le cose rimasero invariate. Per quanto riguarda il Cantone Ticino, la diocesi ticinese venne istituita solo nel 1971, essa porta il nome di Diocesi di Lugano. Prima del 1884 il cantone faceva capo alla Diocesi di Como per le parrocche di rito romano e all'Arcidiocesi di Milano per le parrocchie di rito ambrosiano. Dal 1884 al 1971 essa venne retta da un amministratore apostolico, che faceva capo alla diocesi di Basilea.

Nel 1997 dalla diocesi di Coira è stato scorporato il territorio del Liechtenstein ed è stata eretta l'arcidiocesi di Vaduz.

Organizzazione ecclesiasticaModifica

Nunziatura apostolicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nunziatura apostolica in Svizzera.

Conferenza episcopaleModifica

Elenco dei presidenti della Conferenza dei vescovi svizzeri:

Elenco dei vicepresidenti della Conferenza dei vescovi svizzeri:

Elenco dei segretari generali della Conferenza dei vescovi svizzeri:

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica