Chiesa di Ognissanti (Parma)

edificio religioso di Parma
Chiesa di Ognissanti
Ognissanti.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàParma
Religionecristiana cattolica di rito romano
TitolareTutti i Santi
Diocesi Parma
ArchitettoPaolo Gazzola
Stile architettonicobarocco e neoclassico
Inizio costruzione1458
Completamento1826

Coordinate: 44°47′52″N 10°19′09.78″E / 44.797778°N 10.319383°E44.797778; 10.319383

La chiesa di Ognissanti si trova in strada Bixio a Parma.

StoriaModifica

I primi documenti riguardanti la chiesa di Ognissanti a Parma risalgono al 1230; nel 1317 il tempio era alle dipendenze del monastero delle benedettine di Sant'Alessandro.

La chiesa venne rifatta una prima volta nel 1485 e poi nuovamente ampliata nel 1562, quando inglobò l'oratorio di Santa Teopista; assunse la forma attuale nel corso del XVIII secolo e la facciata fu realizzata nel 1826 da Paolo Gazzola.

Nel 1610 Giovanni Lanfranco dipinse per l'altare maggiore della chiesa il Paradiso, sottratto dai francesi e trasportato a Parigi nel 1799 e ora nella Galleria nazionale di Parma.

DescrizioneModifica

La chiesa è a navata unica, con volta a botte e cinque cappelle laterali per parte.

L'edificio conserva numerosi dipinti: l'Immacolata Concezione di Pietro Melchiorre Ferrari, la Madonna con le sante Liberata e Teopista di Antonio Pasini, San Giovanni Battista e il sogno di Giuseppe di Giuseppe Peroni, la Madonna del Rosario di Giovanni Gaibazzi. I quadri della Via Crucis sono stati attribuiti a Francesco Scaramuzza.

Nel 1802 venne trasferito in Ognissanti l'organo realizzato da Bernardo Poncini nel 1747 per il monastero soppresso di Sant'Agostino.

OrganoModifica

Nella chiesa, sopra un'apposita cantoria lignea dipinta a finto marmo, si trova un antico organo a canne costruito nel 1747 dall'organaro parmigiano Bernardo Poncini e restaurato nel 1928 dalla ditta Pedrini.

Lo strumento, a trasmissione meccanica, ha un'unica tastiera con prima ottava scavezza ed una pedaliera a leggio scavezza costantemente unita al manuale.

BibliografiaModifica

  • Felice da Mareto, Chiese e conventi di Parma, Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, Parma 1978. pp. 250–251.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • L'organo, su accademiaorganisticadiparma.it.