Chiesa di San Biagio (Mediis)

chiesa di Mediis, frazione di Socchieve
Chiesa di San Biagio
Chiesa di San Biagio a Mediis.jpg
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia
LocalitàMediis
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSan Biagio
Arcidiocesi Udine
Consacrazione1515 prima consacrazione
1989 ultima consacrazione
Inizio costruzioneXV secolo

La chiesa di San Biagio si trova a Mediis, frazione di Socchieve (UD), ed è filiale della pieve di Castoia.

StoriaModifica

È accertato che a Mediis sorgeva una chiesa già all'inizio del XIV secolo. L'attuale chiesa venne costruita nel XV secolo e consacrata il 26 luglio 1515 dal vescovo di Caorle Daniele De Rubeis su richiesta del patriarca di Aquileia Domenico Grimani. La sacrestia venne realizzata nel XVII secolo e, nel 1872, la chiesetta venne completamente ristrutturata. Nel 1967 il tetto dell'edificio venne rifatto e la chiesa fu restaurata in seguito al terremoto del Friuli del 1976. Venne riconsacrata l'11 agosto 1989[1].

DescrizioneModifica

È a pianta rettangolare, con presbiterio a pianta quadrata e una sagrestia a destra del medesimo. Per molti aspetti è simile a San Martino di Socchieve. L'elegante portico che la precede è del XVIII secolo, con copertura a tre spioventi, sostenuto da pilastri che poggiano su un muretto. A sinistra dei gradini di accesso ci sono due elementi in pietra, l'inferiore del quale porta la data del 1502. La facciata è completata dal campaniletto a bifora, di tipo barocco, di pietre lavorate. All'interno, l'aula è separata dal coro da un arco in pietra, e un arco la divide anche da una cappellina ch'è sulla destra. C'è un'acquasantiera in pietra lavorata, con vaschetta di pietra nera. Nel coro sono stati trovati degli affreschi rappresentanti i Padri della Chiesa, in alto; lungo le pareti altri soggetti poco riconoscibili, salvo due figure, a sinistra, a fianco della finestra. C'è inoltre un altare ligneo a sportelli, probabilmente di Michael Parth da Brunico, del 1545 circa[2]. Racchiude statue a tutto tondo: la Madonna col Bambino, tra San Biagio e San Floriano. Gli sportelli invece recano bassorilievi raffiguranti Sant'Antonio Abate e San Mauro. Sulla predella dipinta, Cristo che risorge, tra la Madonna e San Giovanni. All'esterno, gli sportelli recano due santi, dipinti.

NoteModifica

  1. ^ Mediis - Chiesa di San Biagio, su chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  2. ^ Gian Carlo Menis, Luciana Bros, Museo diocesano d'arte sacra (Udine, Italy), Un museo nel terremoto: l'intervento del Museo diocesano di Udine a favore dei beni culturali mobili coinvolti nel terremoto del 1976, GEAP, 1988, p. 279.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica