Apri il menu principale

Chiesa di San Francesco al Prato

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la chiesa di Parma, vedi Chiesa di San Francesco del Prato.
Chiesa di San Francesco al Prato
09a.sfrancesco.JPG
L'ex chiesa di San Francesco al Prato
StatoItalia Italia
RegioneUmbria
LocalitàPerugia
Religionecristiana cattolica di rito romano
TitolareSan Francesco d'Assisi
DiocesiPerugia
ArchitettoPietro Carattoli
(nel rifacimento settecentesco)
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione1251-1253[1]

Coordinate: 43°06′50.17″N 12°22′59.89″E / 43.113937°N 12.383302°E43.113937; 12.383302

La chiesa di San Francesco al Prato, risalente al XIII secolo, sorge a Perugia nell'omonima piazza, accanto al rinascimentale oratorio di san Bernardino.

Descrizione e storiaModifica

 
L'interno con le volte scoperchiate
 
La nuova abside

Ad unica navata,[2] che conserva l'originaria struttura, è rimasta per anni scoperchiata per il crollo delle volte, a causa di movimenti franosi della collina: i monumenti e le cappelle sono andati perduti, la facciata policroma, invece, è stata ripristinata nel 1926 dall'architetto Pietro Angelini.

Negli anni trenta e sessanta del Novecento il tempio sconsacrato è stato internamente demolito: solo l'inizio del Duemila ha visto l'avvio di un radicale restauro che lo trasformerà in auditorium.

La chiesa, tra le prime in Italia costruite dopo la morte di san Francesco,[3] ha avuto, nel corso dei secoli, una significativa rilevanza politico-sociale-artistica nelle vicende della città di Perugia.

Nonostante i gravi pericoli strutturali, le grandi famiglie perugine la elessero a luogo privilegiato di sepoltura dei propri membri, unitamente a capitani, giuristi e letterati che avevano illustrato, con la loro attività, il centro umbro: questa decisione fu presa soprattutto dopo che vi fu tumulato il beato Egidio (1190-1262), il terzo "compagno"[4] che seguì la regola del Santo di Assisi.

Furono sepolti nel tempio francescano: Biordo Michelotti (1352-1398), signore di Perugia e capitano generale del comune di Firenze; Braccio da Montone (1368-1424), nobile e condottiero, i cui resti sono racchiusi ancora oggi in un artistico sarcofago salvato dalla distruzione; Guido, Astorre e Gismondo Baglioni, assassinati nella congiura del 14 luglio 1500; Atalanta (committente della Deposizione Baglioni di Raffaello, fino al 1608 esposta nella cappella di famiglia, dedicata a san Matteo), Grifonetto e Adriano; il famoso Ascanio della Corgna (1514-1571), unitamente ad otto esponenti della sua stirpe, tra cui i marchesi di Castiglione del Lago Diomede e Ascanio II; l'insigne giurista Bartolo da Sassoferrato (1314-1357), docente nell'università di Perugia; il pittore Fiorenzo di Lorenzo (1440-1525), allievo di Niccolò Alunno; lo scrittore e segretario di corte Scipione Tolomei (1553-1630).[5]

Nella chiesa vi erano venti altari e sette cappelle, tra cui quelle dei Baldeschi, Degli Oddi, Montesperelli, di Sant'Andrea (della Corgna, a destra dell'altare maggiore), Baglioni, Paolotti, Armellini, del Gonfalone. Tra le altre, disponevano di un proprio altare e luogo di sepoltura le seguenti famiglie perugine: Agostini, Lancellotti, Ranieri, Baldelli, Bigazzini, Boncambi, Borgia, Crispolti, della Penna, della Staffa, Lambardi, Leoni, Michelotti, Montemelini, Tolomei e Vincioli.[6]

Molte le opere d'arte custodite in San Francesco al Prato: la menzionata Pala Baglioni (oggi nella Galleria Borghese), l'Incoronazione della Vergine (Pala degli Oddi di Raffaello, ora nella Pinacoteca Vaticana), nonché dipinti del Perugino (Resurrezione, Città del Vaticano, spesso esposta nello studio del Papa), Fiorenzo di Lorenzo e artisti raffaelleschi.[7]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Sorbi Salmareggi, p. 49.
  2. ^ Umbria, p. 148.
  3. ^ Sorbi Salmareggi, p. 9.
  4. ^ Sorbi Salmareggi, p. 10.
  5. ^ Sorbi Salmareggi,  p. 11.
  6. ^ Borgnini, p. 58.
  7. ^ Borgnini, p. 140.

BibliografiaModifica

  • Il tempio di San Francesco al Prato in Perugia restituito al culto ed all'arte l'anno 1926, Perugia, Bartelli, 1927.
  • Umbria, Perugia, Touring Club Italiano, 1999.
  • Valentina Borgnini, La chiesa di San Francesco al Prato in Perugia: vicende costruttive e conservative dell'edificio e delle sue opere d'arte, Viterbo, BetaGamma editrice, 2011.
  • Anna Maria Sorbi Salmareggi, I primordi di San Francesco al Prato in Perugia, S. Maria degli Angeli, ed. Porziuncola, 1962.
  • Ottorino Gurrieri, Il Tempio di San Francesco al Prato e l'Oratorio di San Bernardino in Perugia : guida illustrata, Perugia, Grafica, 1974.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica