Apri il menu principale

Chiesa di San Giovanni (Grosseto)

edificio religioso di Grosseto
Chiesa di San Giovanni
Chiesa di San Giovanni Grosseto.jpg
La chiesa di San Giovanni a Grosseto
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàGrosseto
Religionecattolica
TitolareSan Giovanni Battista
Diocesi Grosseto
Inizio costruzioneXII secolo
CompletamentoXII secolo

Coordinate: 42°45′06.17″N 11°05′53″E / 42.751714°N 11.098056°E42.751714; 11.098056

La chiesa di San Giovanni è un edificio religioso di Grosseto. La sua ubicazione è in via Orbetello, nel quartiere Oliveto della periferia sud-occidentale della città.

Cenni storiciModifica

La chiesa fu costruita nel corso del XII secolo, tra la città di Grosseto e le saline situate presso l'antico Lago Prile. Appartenuta originariamente all'ordine dei Gerosolimitani e passata ai Guglielmiti tra la fine del Duecento e l'inizio del Trecento, vi era annesso un antico ospedale, successivamente trasformato in fattoria.

L'edificio religioso era uno dei principali della città e, in epoca medievale, risultava molto più ampio dell'aspetto attuale, in quanto risultava suddiviso in tre navate e ripartito in cinque campate.

Durante i secoli successivi, gli ordini religiosi scelsero come loro sede altre strutture conventuali e monastiche della zona; conseguentemente, il luogo di culto divenne di secondaria importanza e fu sempre meno frequentato vista la sua ubicazione estremamente periferica in un'area in cui era sempre incombente il rischio malaria.

Il lungo declino si arrestò soltanto durante il Settecento, epoca in cui i Lorena iniziarono le bonifiche della Maremma grossetana. Proprio in questo periodo, l'edificio religioso fu completamente ristrutturato e rimaneggiato, per trasformare completamente l'antico ospedale nella fattoria di San Giovanni. L'intero complesso è divenuto in seguito di proprietà privata.

DescrizioneModifica

La chiesa di San Giovanni si presenta incorporata tra alcuni edifici abitativi che costituivano l'omonima fattoria. L'edificio attuale corrisponde, probabilmente, a quella che originariamente era l'area presbiteriale.

Vi si accede attraverso una scalinata che conduce al portale d'ingresso architravato, che si apre al centro della facciata ed è affiancato da piccole finestre quadrangolari. La facciata presenta chiaramente i segni del restauro settecentesco, apparendo in stile neoclassico, con una finestra rettangolare che si apre al centro della parte superiore, che culmina a sua volta con un timpano triangolare. Le strutture murarie esterne sono rivestite in laterizio, che lungo i fianchi laterali ha conservato vari elementi originari; il travertino è pregevolmente presente sia alla base che all'angolo destro della facciata.

L'interno è divenuto a navata unica a seguito dei lavori settecenteschi di ristrutturazione e di rimaneggiamento. Di pregevole fattura risulta la volta a crociera che sovrasta il coro.

BibliografiaModifica

  • Carlo Citter, Guida agli edifici sacri della Maremma, Siena, Nuova Immagine Editrice, 2002;
  • Alessio Varisco, Maremma terra di cavalieri. Giovanniti, Templari e Cavalieri di Santo Stefano. Arcidosso, Effigi, 2010.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • San Giovanni (chiesa ed ospedale), su biblio.comune.grosseto.it. URL consultato il 21 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2007).
  • San Giovanni (territorio), su biblio.comune.grosseto.it. URL consultato il 21 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2007).