Apri il menu principale

Chiesa di Santa Francesca Romana (Milano)

chiesa di Milano
Chiesa di Santa Francesca Romana
Milano kosciol sw Franciszki Rzymianki 1.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
ReligioneCristiana cattolica di rito ambrosiano
TitolareFrancesca Ponziani
Arcidiocesi Milano
Consacrazione1829
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1662
Completamento1720
Sito websantafrancescaromana.it

Coordinate: 45°28′36.28″N 9°12′31.74″E / 45.476744°N 9.208817°E45.476744; 9.208817

Interno

La chiesa di Santa Francesca Romana è un luogo di culto cattolico di Milano, situato nell'omonima piazza, nei pressi di Corso Buenos Aires, nel quartiere di Porta Venezia; è sede di parrocchia, retta dal clero diocesano.

StoriaModifica

La chiesa, originariamente dedicata a santa Rosalia, fu eretta dagli agostiniani scalzi tra il 1662 e il 1720, ed era in origine a pianta quadrata con l'accesso da due porte aperte nel transetto. Nel 1796 a causa delle soppressioni napoleoniche, fu sconsacrata e adibita a magazzino. Soltanto nel 1829 venne reintegrata nella sua funzione di luogo di culto.

Nel 1882 fu eretta la torre campanaria, mentre la facciata fu rimaneggiata nel 1892. Nel 1916 Luigi Morgari affrescò la cupola; nel 1923 venne realizzata la tela con Santa Francesca Romana che distribuisce il pane ai poveri (testata sinistra del transetto), mentre nel 1920 la Comunione di Santa Rosalia e L'apparizione della Vergine a Santa Margherita. Nel 1932 Morgari affrescò la cupola minore sopra all'altare.

Il cardinale Ildefonso Schuster patrocinò un primo ampliamento, con l'allungamento del braccio destro del transetto; altri ampliamenti e modifiche ebbero luogo dopo la seconda guerra mondiale.

DescrizioneModifica

La chiesa di Santa Francesca Romana conserva, almeno in parte, l'originale arredo ligneo del coro, di gusto barocco, con le insegne di sant'Agostino sullo scanno del priore. L'altare maggiore, realizzato in marmi policromi e intarsiati, è di grandi dimensioni e di forme monumentali; settecenteschi sono anche i grandi armadi della sacrestia.

La grande statua lignea della Madonna nera di Montserrat è del primo quarto del XVIII secolo, e venne portata a Milano dall'agostiniano Ignazio da San Domenico, confessore del principe Carlo III di Spagna. Da segnalare, nel primo altare a destra la Pietà con Santa Rosalia, ed una tela con San Carlo di Carlo Duccu. La Madonna della cintura tra i santi Agostino e Monica, nel secondo altare a destra è attribuita alla scuola del Moncalvo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica