Apri il menu principale

Chiesa di Santa Maria Assunta (Ceranesi)

edificio religioso di Ceranesi
Chiesa di Santa Maria Assunta
Ceranesi-chiesa santa maria assunta-facciata.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàCeranesi
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria Assunta
Arcidiocesi Genova
Inizio costruzioneXI secolo
CompletamentoXI secolo

Coordinate: 44°30′20.1″N 8°52′18.92″E / 44.505583°N 8.871922°E44.505583; 8.871922

La chiesa di Santa Maria Assunta è un luogo di culto cattolico situato nel comune di Ceranesi, in piazza della Chiesa, nella città metropolitana di Genova. La chiesa è sede della parrocchia omonima del vicariato di Campomorone dell'arcidiocesi di Genova.

Indice

Cenni storiciModifica

 
Particolare della zona absidale

Secondo una lapide marmorea, posta all'esterno dell'edificio religioso, la fondazione del tempio potrebbe risalire antecedente il XIII secolo poiché tale targa in marmo commemora alcuni interventi di restauro e di rifacimento effettuati nel 1209.

Altri interventi alla struttura furono eseguiti nel 1282 e più tardi nel 1580 - grazie alle donazioni della famiglia Ghisolfi che finanziò l'opera restaurativa - spostando la porta principale dove si trovava il coro capovolgendo così la struttura.

L'attiguo campanile fu restaurato nel 1693 e dal 1821 dotato di quattro campane.

DescrizioneModifica

All'interno sono conservate alcune opere scultoree e pittoriche quali una statua marmorea, di scultore sconosciuto, raffigurante la Madonna del Rosario e tre pregiati dipinti. Il primo dipinto è datato al 1757 e opera del pittore Francesco Campora raffigurante la Crocifissione di Gesù; il secondo dipinto raffigura Sant'Antonio di Padova e sulla paternità della tela si è ancora oggi incerti, forse ad opera del pittore Antonio Pittaluga o del compagno Nicolò Pittaluga entrambi appartenenti alla scuola di Giambattista Merani.

Sull'altare maggiore, rifatto nel 1798, è presente l'ancona della Beata Maria Vergine Assunta in cielo di Gian Battista Canepa, eseguita molto probabilmente dopo la guerra di successione austriaca del 1747.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica