Apri il menu principale

Chiesa di Santa Maria Maddalena de' Pazzi (Roma)

edificio religioso di Roma
Chiesa di Santa Maria Maddalena de' Pazzi
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria Maddalena de' Pazzi
Diocesi Roma
Consacrazione22 ottobre 1983
Completamento1983
Sito webSanta Maria Maddalena De Pazzi.it

La chiesa di Santa Maria Maddalena de' Pazzi è un luogo di culto cattolico della città di Roma, situato a Casal de' Pazzi (quartiere Pietralata), in via Giovanni Zanardini.

Indice

StoriaModifica

Essa fu costruita agli inizi degli anni ottanta del XX secolo su progetto degli architetti Carlo ed Anna Maria Bevilacqua e consacrata il 22 ottobre 1983.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita dal cardinale vicario Ugo Poletti il 1º luglio 1976 con il decreto Neminem sane. La santa titolare è Maria Maddalena de' Pazzi, carmelitana e mistica italiana, vissuta a Firenze nel XVI secolo.

La chiesa fu visitata da papa Giovanni Paolo II il 15 marzo 1987.

DescrizioneModifica

La chiesa è un basso edificio moderno in cemento armato, preceduto da un portichetto, anch'esso in cemento, che poggia su strutture metalliche e coperto con elementi di plastica. L'edificio è affiancato da un pilastro di cemento su cui è fissata un'alta croce di metallo.

L'interno si presenta a pianta circolare, a forma di cavea, con lucernario centrale e finestre con vetri policromi tutt'attorno. Tutto al suo interno è in cemento, ed il colore grigio del materiale contrasta in modo significativo con le rifiniture in legno delle panche, del leggio e del grande Crocifisso, posto sul presbiterio; una icona raffigurante una Madonna col Bambino pende dal soffitto a fianco dell'altare, composto da un grande blocco di cemento ove alcuni elementi rientranti disegnano una croce.

BibliografiaModifica

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2010 ISBN 9788854118331
  • C. Cerchiai, Quartiere XXI. Pietralata, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006

Collegamenti esterniModifica