Chiesa di Santa Maria del Cancelliere

Chiesa di Santa Maria del Cancelliere
StatoItalia Italia
RegioneSicilia
LocalitàPalermo
ReligioneCattolica
Arcidiocesi Palermo
Inizio costruzione1171
Demolizione1943

La chiesa di Santa Maria del Cancelliere, titolo originario chiesa di Santa Maria dei Latini, era un edificio di culto ubicato nel centro storico di Palermo. L'aggregato monumentale comprendente il monastero benedettino sorgeva in «via del Celso».[1][2]

StoriaModifica

InternoModifica

Il prospetto si presentava con tre porte d'ingresso abbellite da tre portali in stile rinascimentale con statue e intagli di pietra. A sinistra, con asse principale parallelo alla via del Celso, il parlatorio, derivato dalla trasformazione dell'antica chiesa normanna. L'interno a navata unica era preceduto dal coro delle monache sostenuto da quattro colonne e affrescato da Andrea Carrera[7], artista che in collaborazione a Gaspare Serenari decorò la volta, le cappelle e l'aula con affreschi e stucchi barocchi. Dietro il presbiterio il coro interno dipinto da Pietro Novelli con storie di San Benedetto e Santa Scolastica del 1635.[8]

Sull'altare maggiore la tela di Gaspare Serenari raffigurante La donazione del monastero da parte del Gran Cancelliere a San Benedetto fra fregi e gelosie in ferro battuto.[9]

Parete destraModifica

  • Prima campata: ?.
  • Seconda campata: ?.
  • Terza campata: Cappella del Crocifisso. Altare con Crocifisso ligneo.[9]
  • Quarta campata: Cappella della Madonna della perla. Altare con tavola della Madonna della Perla o Madonna Imperlata del 1171, donata dal fondatore e così detta per la grande quantità di gioielli che l'adornano.[9] Opera custodita nella Sala dei fondi oro del Museo diocesano.

Parete sinistraModifica

  • Prima campata: Cappella dell'Assunta.[8]
  • Seconda campata: Cappella dell'Epifania di Gesù Cristo. L'altare ospitava il famoso Trittico del Cancelliere[10] raffigurante L'adorazione dei Magi tra santi di Simone Di Laurito della prima metà del XVI secolo.[9]
  • Terza campata: Cappella di San Benedetto. Altare con dipinto raffigurante San Benedetto opera di Giuseppe Salerno, detto lo «Zoppo di Gangi».[9]
  • Quarta campata: Cappella di Santa Lucia. Altare con statua marmorea di Santa Lucia portata dalle suore della Badia di Monte Oliveto al Papireto.[9]

La tavola della Madonna della Perla e L'adorazione dei Magi sono attualmente custodite nel Museo Diocesano, il dipinto La donazione del monastero da parte del Gran Cancelliere a San Benedetto di Gaspare Serenari, proveniente dal presbiterio, è custodito nei depositi dello stesso museo. Alcuni fregi marmorei sono ricoverati nel cortile dell'Oratorio di Santa Caterina d'Alessandria all'Olivella, il paliotto con marmi e lapislazzuli è stato riutilizzato nel presbiterio della chiesa della Madonna della Mercede al Capo. Il bellissimo mobile da sacrestia con preziosi intarsi e intagli è collocato nell'anticamera dell'arcivescovo nel Palazzo vescovile.

Monastero di Santa Maria del CancelliereModifica

  • Monastero benedettino di Santa Maria dei Latini.[3]

Un camminamento aereo collegava il monastero con la loggia belvedere sul Cassaro.[11]

Casina di San PoloModifica

Residenza estiva ancora esistente in via Sampolo, oggi chiesa di Maria Santissima Ausiliatrice. All'interno di tale chiesa, sull'altare maggiore, una copia del quadro con L'offerta del Gran Cancelliere a San Benedetto.

NoteModifica

  1. ^ Pagina 475, Tommaso Fazello, "Della Storia di Sicilia - Deche Due" [1] Archiviato il 29 novembre 2015 in Internet Archive., Volume uno, Palermo, Giuseppe Assenzio - Traduzione in lingua toscana, 1817.
  2. ^ Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 160 a pp. 168.
  3. ^ a b Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 159.
  4. ^ Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 160.
  5. ^ Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 161.
  6. ^ a b Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 164.
  7. ^ a b Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 165.
  8. ^ a b Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 167.
  9. ^ a b c d e f Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 166.
  10. ^ Pagina 73, Gioacchino Di Marzo, "Delle Belle arti in Sicilia: dal sorgere del secolo XV alla fine del XVI" [2], Volume III, Palermo, Salvatore di Marzo editore, Francesco Lao tipografo, 1862.
  11. ^ a b Gaspare Palermo Volume quarto, da pp. 168.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica