Apri il menu principale

Chiesa di Santa Maria la Manna

edificio religioso di Agerola
Chiesa di Santa Maria la Manna
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàAgerola
ReligioneCattolica
TitolareMaria
Arcidiocesi Amalfi-Cava de' Tirreni
Inizio costruzioneXIII secolo

Coordinate: 40°38′32.33″N 14°32′34.12″E / 40.642313°N 14.542811°E40.642313; 14.542811

La chiesa di Santa Maria la Manna è una chiesa monumentale di Agerola, situata nella frazione Santa Maria: è sede parrocchiale[1].

Indice

Storia e strutturaModifica

La chiesa fu edificata intorno al XIII secolo e nel corso della sua storia fu più volte rimaneggiata: nel 1980, a causa del violento terremoto dell'Irpinia, rimase gravemente danneggiata, tanto da indurne la chiusura. Il restauro avvenne solo molti anni dopo, grazie ai fondi della soprintendenza dei beni storici di Napoli e dei fedeli della zona: la chiesa fu quindi riaperta il 14 agosto 1999, anche se in questo lungo arco di tempo di chiusura, numerose opere d'arte custodite al suo interno, furono trafugate[1].

La chiesa si apre su un ampio piazzale in terra battuta; la facciata è divisa in due ordini: quello inferiore è caratterizzata da tre archi a tutto sesto, di cui quello centrale viene utilizzato come ingresso, quello a destra è murato e quello a sinistra ospita un'edicola con la raffigurazione della Madonna con il bambino tra le braccia, mentre la parte superiore presenta tre finestre in corrispondenza degli archi sottostanti ed un piccolo rosone: la facciata termina a timpano, sulla cui sommità è posta una croce in ferro[1]. L'interno è a croce latina, divisa in tre navate: sul fondo della navata centrale, in una nicchia, è posta la statua in marmo della Madonna della Manna, realizzata nel XIII secolo da Nicola di Monteforte, che secondo la tradizione trasudò gocce di un liquido di colore celeste; altra opera d'interesse, anche se di scarso valore artistico, è posta sul fondo della navata destra: si tratta di una tavola del XVI secolo, raffigurante la Madonna con Gesù deposto dalla croce, con san Giovanni e sant'Agostino[1]. Lungo il pavimento sono incastonate lapidi sepolcrali del XVI e XVII secolo. Il campanile, che si eleva dal corpo della chiesa, è in quattro ordini sovrapposti: i primi due a pianta quadrata, il terzo a pianta poligonale ed il quarto a pianta circolare terminante con cupola sferica con maioliche in verde e giallo[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Storia e descrizione della chiesa di Santa Maria la Manna [collegamento interrotto], su sit.provincia.napoli.it. URL consultato il 21-11-2012.

BibliografiaModifica

  • Angelo Mascolo, Agerola - Dalle origini ai giorni nostri, Sant'Angelo in Lizzola, MicroMedia Editore, 2003. ISBN non esistente

Collegamenti esterniModifica